Avengers: Endgame, l’evoluzione dei Vendicatori nei poster fan-made

L'evoluzione dei Vendicatori originali nel MCU al centro dei nuovi poster fan-made di Avengers: Endgame, il capitolo finale della Saga dell'Infinito.

265

Avengers: Endgame ha chiuso ufficialmente la Saga dell’Infinito (nonostante la successiva uscita di Spider-Man: Far From Home), un arco narrativo lungo ben 10 anni, portato degnamente a compimento grazie al film dei fratelli Russo che ha infranto ogni record d’incassi.

 
 

Avengers: Endgame ha segnato il culmine della Saga dell’Infinito e dei primi 10 anni di storia dell’Universo Cinematografico Marvel. Nel film abbiamo ritrovato gli eroi sopravvissuti allo schiocco della dita di Thanos che ha decimato metà della popolazione mondiale in Infinity War: è grazie ad Ant-Man, fuggito dal Regno Quantico, che i Vendicatori superstiti escogitano un piano per tornare indietro nel tempo e sconfiggere una volta per tutte il Titano Pazzo. Il piano ha condotto ad un’incredibile battaglia che ha visto la discesa in campo di quasi tutti i personaggi del MCU, schierati gli uni al fianco degli altri per eliminare Thanos ed il suo esercito.

Di recente, su Inverse, sono apparsi sei poster fan-made dedicati agli Original Six, ossia i sei Vendiatori originali così come li abbiamo conosciuti in The Avengers di Joss Whedon, che ci mostrano – attraverso un gioco di ombre – l’evoluzione di ogni singolo eroe nel MCU grazie ai film che li hanno visti protagonisti.

LEGGI ANCHE – Avengers: Endgame, i vendicatori invecchiati nei poster fan-made

Ricordiamo che Endgame è il film di maggiore incasso dell’anno, nonché il più grande successo dei Marvel Studios, che con l’avventura diretta da Anthony e Joe Russo hanno chiuso un arco narrativo lungo 22 film e 11 anni, portando a termine un esperimento produttivo senza pari.

Endgame ha ottenuto un grande successo di critica e pubblico, stabilendo numerosi record al botteghino, diventando il maggior incasso nella storia del cinema, e venendo candidato a svariati premi cinematografici, tra i quali l’Oscar ai migliori effetti speciali.