Guardiani della Galassia Vol. 2 contiene al suo interno diversi momenti entusiasmanti, anche se forse il più memorabile di tutti rimane il cameo di Stan Lee che incontra Gli Osservatori: nel film, infatti, “The Man” appare brevemente nei panni di un astronauta su un asteroide intento a parlare con tre membri della specie umanoide extraterrestre.

 

Per anni i fan hanno ipotizzato che lo stesso Lee potesse essere un Osservatore all’interno dell’universo condivso, ma Guardiani della Galassia Vol. 2 lo ha sempre accreditato come un semplice “Informatore” degli Osservatori. Adesso, il regista e sceneggiatore James Gunn ha confermato che sono state proprio le voci e le teorie messe in piedi dai fan ad ispirare la scena di Lee nel film. In risposta alla domanda di un fan, Gunn ha spiegato: “La connessione di Stan Lee con gli Osservatori in Vol. 2 è stata sicuramente ispirata dalle teorie dei fan.”

Sfortunatamente, l’ultimo cameo di Stan Lee nel MCU è stato in Captain Marvel (appare come passeggero del treno su cui si affrontano Carol Danvers e uno Skrull) e, successivamente, in Avengers: Endgame (appare durante una scena ambientata nel 1970, dove guida un’auto ascoltando musica rock a tutto volume), dal momento che il “papà dei supereroi” è scomparso prima di riuscire a girare il suo cameo in Spider-Man: Far From Home. Ovviamente, la sua eredità sarà ricordata per sempre, e dal giorno della sua morte i Marvel Studios hanno trovato diversi modi per rendere omaggio alla sua opera.

Il futuro dei Guardiani della Galassia al cinema

A proposito del futuro dei Guardiani della Galassia al cinema, l’attesissimo Vol. 3, che sarà nuovamente scritto e diretto da James Gunn, non ha ancora una data di uscita ufficiale. Le riprese del film dovrebbero partire ufficialmente a Febbraio 2021. Nel cast torneranno Chris PrattZoe SaldanaDave BautistaPom Klementieff e Karen Gillan, con Vin Diesel e Bradley Cooper che offriranno ancora le loro voci. Nel film è atteso anche Chris Hemsworth nei panni di Thor.