dave bautista

In una recente intervista con Screen Rant in occasione della promozione di Army of the Dead, il nuovo film di Zack Snyder che arriverà su Netflix il prossimo mese, Dave Bautista ha paragonato la sua esperienza sul set con il regista di Justice League a quella con James Gunn, che lo ha diretto nel ruolo di Drax il Distruttore nella saga di Guardiani della Galassia

L’attore ha messo a confronto i due diversi stili registici e si è preso un momento per discutere anche della sua esperienza con Denis Villeneuve, con cui ha lavorato in Blade Runner 2049 e nel nuovo attesissimo adattamento di Dune, in arrivo nei cinema il prossimo ottobre. “Penso che James sia molto più coinvolto nelle performance dei suoi attori”, ha spiegato Bautista: “Con Zack credo di aver avuto più flessibilità. James è un maniaco del controllo. Lo è davvero. Ma è una cosa che non mi dispiace, perché è un grande regista e un grande narratore di storie. Mi fido di lui. Zack però sembra disposto a darti molta più libertà, anche se non fa trasparire molto le sue emozioni. A volte mi capita di sentirmi impacciato, quindi spesso sono andato da lui perché chiedergli come fossi andato, visto che la mia performance mi sta molto a cuore. E lui si limitava a dire che ero stato perfetto.”

L’attore ha poi aggiunto: “Con James Gunn è diverso. Una volta rimase sconvolto dalla posizione dei miei occhi. Mi disse che dovevo scegliere un punto fisso e concentrarmi su di esso, e che dovevo smetterla di muovere gli occhi. Anche Denis Villeneuve è così. Ha una sua visione e non vuole che ti allontani da essa. Alla fine è stato molto utile, perché mi ha permesso di fare cose di cui non credevo di essere capace, come ad esempio è avvenuto con il mio piccolo ruolo in Blade Runner 2049. Penso di aver capito il personaggio, ma poi ho capito che mi sbagliavo. Denis mi ha fatto fare tutto in modo diverso, a partire dalla mia camminata. Ho amato quel ruolo in quel film e gli sono grato per come mi ha diretto. Mi piace quanto lavoro con registi che mi insegnano qualcosa.” 

Le dichiarazioni di Bautista su Snyder e Gunn sono particolarmente interessanti, visto che i due registi hanno avuto delle carriere in qualche modo simili grazie ai ruoli ricoperti nel plasmare rispettivamente il DCEU e il MCU. Si potrebbe sostenere che l’approccio di Gunn sia stato più insolito, poiché molti gli attribuiscono il merito di aver portato il MCU in una direzione più attinente alla commedia. Tuttavia, è chiaro che a Bautista piaccia lavorare con entrambi i registi, due personalità molto diverse che sono certamente in grado di far emergere il suo talento al meglio.