Jennifer Garner, che ha interpretato il personaggio di Elektra nell’omonimo film del 2005 e in Daredevil al fianco di Ben Affleck, ha ammesso di essere dispiaciuta che quei film non siano stati realizzati dopo l’esplosione del MCU. Il film con Affleck e lo spin-off con Garner sono stati entrambi un fallimento, tant’è che il franchise dedicato all’Uomo Senza Paura non è stato più esplorato fino all’arrivo della serie Netflix con Charlie Cox, trasmessa dal 2015 al 2018.

In una recente intervista con The Hollywood Reporter in occasione della promozione della commedia Yes Day (disponibile da domani su Netflix), Jennifer Garner ha ricordato la sua esperienza nei panni di Elektra, ammettendo che è un “peccato” che abbia perso l’opportunità di entrare a far parte del MCU. L’attrice ha quindi elogiato il lavoro fatto nel corso degli anni da Kevin Feige, che ha saputo “elevare” ogni tipo di componente dei film tratti dai fumetti, dalla regia alle sceneggiature, fino al tono del film (che spesso abbraccia quello tipico della commedia).

“Onestamente, è stato un vero peccato”, ha dichiarato Garner. “Una volta che Kevin Feige ha preso in mano la situazione, è riuscito a elevare tutto: dalla scrittura alla regia… ha anche inserito quel tocco da commedia nelle storie che voleva raccontare. Io non ho avuto quell’esperienza quando ho realizzato i miei film.”

Al momento non sappiamo se rivedremo mai i personaggi di Daredevil ed Elektra sul grande schermo. A lungo si è parlato di un possibile ritorno di Charlie Cox nei panni di Matt Murdock in Spider-Man: No Way Home, ma ad oggi non esiste ancora una conferma ufficiale. Di recente, invece, Zack Snyder, regista di Batman v Superman e Justice League, ha ammesso che si unirebbe volentieri alla grande famiglia Marvel per realizzare un film dedicato ad Elektra.