Jodie Foster ha parlato del motivo per cui non ha più voluto interpretare Clarice Starling, l’iconica protagonista de Il silenzio degli innocenti. Prima dell’uscita del celebre thriller psicologico del 1991, Foster ha comunque avuto una carriera impressionante (di fatto, aveva già vinto un Oscar come migliore attrice protagonista nel 1989). Tuttavia, è il ruolo della recluta dell’FBI Clarice nel capolavoro di Jonathan Demme ad averle regalato la fama  mondiale (e anche il suo secondo Oscar, sempre come migliore attrice).

Anche se i personaggi partoriti della mente dello scrittore Thomas Harris erano già stati adattati in precedenza o lo sarebbe stati nuovamente in futuro, Il silenzio degli innocenti rimanere probabilmente il migliore adattamento della storia dello psichiatra serial killer Hannibal Lecter. L’incredibile successo del primo film (vincitore di cinque premi Oscar) portò alla realizzazione di un sequel nel 2001, Hannibal, diretto da Ridley Scott e interpretato ancora una volta da Anthony Hopkins nei panni di Lecter. In quel film, il ruolo di Clarice è stato interpretato da Julianne Moore: inizialmente, anche Foster avrebbe dovuto prendere parte al film, ma pare che la sceneggiatura non la convincesse abbastanza e così – anche a causa di alcuni conflitti di programmazione – rinunciò a tornare nei panni del personaggio.

Di recente, Jodie Foster è stata ospite del podcast Happy Sad Confused di Josh Horowitz in occasione della promozione del suo nuovo film The Mauritanian, e ha finalmente rivelato il vero motivo per cui non ha mai voluto interpretare di nuovo Clarice Starling. “Ci sono sono state alcune cose nel corso degli anni in merito ad un possibile ritorno di Clarice”, ha spiegato l’attrice. “Ma sia io che Jonathan Demme eravamo contrari all’idea di un sequel. Non l’ho neanche mai visto.”

Le dichiarazioni della Foster arriva sulla scia dell’imminente debutto della serie Clarice, creata da Alex Kurtzman e Jenny Lumet, e basata sempre sul romanzo di Harris. Nella serie, che ha debuttato lo scorso 11 febbraio sulla CBS, viene analizzata la vita inedita di Clarice Starling (interpretata da Rebecca Breeds) nello scenario politico di Washington, dopo i fatti narrati nel film del 1991.