Brian De Palma ha rivelato un aneddoto assai curioso in merito alla primissima proiezione del primo episodio (quarto secondo il canone ufficiale) di Star Wars, Una Nuova Speranza, organizzata all’epoca da George Lucas per i suoi amici e colleghi.

La proiezione, a cui partecipò anche Steven Spielberg, si tenne molto prima dell’uscita del film nelle sale di tutto il mondo, quando il lavoro sugli effetti speciali non era nemmeno terminato. Secondo quanto emerso da alcuni precedenti racconti, pare che Spielberg fu l’unico che apprezzò veramente il film e che riuscì a comprendere il potenziale della visione di Lucas, mentre tutti gli altri o non avevano capito la storia o arrivarono addirittura a deridere il lavoro del regista, incluso lo stesso De Palma.

Ora, in una recente intervista all’interno del podcast Light the Fuse (via Collider), il regista di Carrie – Lo sguardo di Satana e Mission: Impossible ha voluto specificare e chiarire che, in realtà, Spielberg non fu l’unico, durante quella speciale proiezione, a realizzare quanto grande potesse diventare Star Wars col tempo.

“Tutte le persone coinvolte in quella proiezione raccontano una versione diversa dell’accaduto”, ha detto De Palma. “Ho appena visto la biografia che hanno fatto per Steven e come lui si relaziona in merito a ciò che ha visto. Mi hanno sempre etichettato come quello che ne parlò malissimo e che fece arrabbiare tutti, ma se vuoi farmi vedere qualcosa, è normale che poi ti dica quello che penso. Perché dovrei prendere parte ad una cosa del genere se poi non devo dire la verità?”

“Ad ogni modo, non è corretto dire che in quel caso fu solo Steven a capire le potenzialità di quello che George stava facendo”, ha aggiunto. “Abbiamo visto tutti che George aveva dato vita a qualcosa di straordinario ed eravamo tutti consapevoli che gli effetti speciali non erano ancora terminati. Però è vero: ho fatto una battuta sulla Forza. Mi sembrava che il concetto di Forza fosse… Non mi sembrava un nome così incisivo per una guida spirituale. La Forza… Inutile dire che avevo un sacco da ridire sulla Forza, così come non c’è bisogno di ribadire che mi sono sbagliato alla grande.”