Prima che la Warner Bros. ufficializzasse il progetto The Suicide Squad ad opera di James Gunn, il ritorno sul grande schermo della Task Force X è stato in una sorta di limbo per diverso tempo. Inizialmente, la major aveva intenzione di realizzare un sequel diretto del film di David Ayer uscito nel 2016, che tuttavia non avrebbe visto il ritorno del regista dietro la macchina da presa.

Per quel sequel, infatti, la Warner aveva ingaggiato Gavin O’Connor, regista di Warrior e The Accountant. Su quel progetto non abbiamo mai saputo molto, in realtà, ma ora è stato proprio il regista a parlarne durante una recente intervista con The Playlist, spiegando i motivi che hanno poi spinto lo studio ad annullare tutto. Come spiegato dallo stesso O’Connor, all’inizio la WB voleva un film molto più dark, dai toni più seri.

“Cosa è successo con quel sequel? Avevo firmato un contratto per scrivere una sceneggiatura. Loro sapevano cosa stavo scrivendo, perché quando si lavori a certi livelli, con un certo tipo di budget, nessuno si limita a scrivere qualcosa senza spiegare ai piani alti di cosa si tratta”, ha spiegato Gavin O’Connor. “Era piaciuto a tutti. Poi, durante l’ultima fase di scrittura, c’è stato un cambio totale all’interno della DC, e quando è successo, volevano che il sequel fosse più vicino ai toni della commedia. I nuovi capi volevano un film divertente, diverso da quello che stavo scrivendo.”

Le info su Suicide Squad

Suicide Squad è un film del 2016 diretto da David Ayer con Will SmithMargot RobbieJared LetoJoel KinnamanJai Courtney, Cara DelevingneViola Davis, Scott Eastwood, Raymond Olubawale, Jay Hernandez, Ike Barinholtz, Ted Whittall, Robin Atkin Downes e David Harbour. Nel film i più temuti supercriminali del mondo vengono reclutati in gran segreto da Amanda Waller per costituire la Task Force X, una squadra di antieroi che in seguito alla morte di Superman avrà il compito di difendere l’umanità da ogni genere di minaccia.