Matt Bomer crede che l’essere apertamente gay gli sia costato il ruolo di Superman in passato

-

Come sappiamo, Matt Bomer è stato finalista per interpretare l’Uomo d’Acciaio negli anni 2000 in una prima incarnazione del progetto che sarebbe poi diventato poi Superman Returns di Bryan Singer, e l’attore crede di essersi perso il ruolo per un motivo molto specifico.

Avevamo sentito che Bomer era andato molto vicino ad ottenere la parte: “Ho partecipato a una chiamata di massa per Superman, e poi si è trasformata in un’esperienza di audizione di un mese in cui ho fatto audizioni ancora e ancora e ancora”, ha spiegato la star di Doom Patrol durante un’intervista con THR. “Sembrava che fossi io la scelta del regista per il ruolo. Era una primissima iterazione di Superman scritta da J.J. Abrams, chiamato Superman: Flyby, penso che fosse questo il titolo, e non è mai venuto alla luce.”

Bomer non si è pubblicamente dichiarato gay fino al 2012, ma la sessualità dell’attore era ben nota in alcuni ambienti, e ritiene che aver fatto coming out alla fine gli sia costato l’opportunità di vestirsi come l’Uomo di domani.

“Sì, questo è quello che ho capito”, ha risposto quando gli è stato chiesto se la sua sessualità fosse un fattore nella riluttanza dello studio ad assumerlo. “Era un momento nel settore in cui qualcosa del genere poteva ancora essere usato come arma contro di te. Come, perché e chi, non lo so, ma sì, questo è quello che ho capito.”

Matt Bomer BarbieNel 2012, l’autore Jackie Collins ha detto a Gaydar Radio che il fatto che Bomer fosse gay gli ha impedito di essere assunto per interpretare Clark Kent: “Matt Bomer, che è un ragazzo dall’aspetto davvero stupendo e la star di White Collar, non aveva fatto coming out, ma le persone informate sapevano che era gay”, ha detto Collins. “È arrivata la registrazione della sua audizione e ha contattato l’agente e a qualcuno non piaceva e ha detto [ai produttori] che era gay. Hanno detto: ‘No, no, non possiamo sceglierti’. Il motivo per cui non è stato scelto era perché era gay”.

Questa convinzione è stata contestata nel corso degli anni, tuttavia, alcuni sostengono che Bomer abbia semplicemente perso la parte quando il regista originale del progetto, Brett Ratner, è stato sostituito. Si dice che lo studio volesse una star più grande per la versione del film di Abrams, ed è stato allora che hanno attirato l’attenzione artisti del calibro di Brendan Fraser, Josh Hartnett e Paul Walker.

A 46 anni, Bomer rimane la scelta preferita dai fan per interpretare una versione più vecchia di Superman. L’attore ha avuto la possibilità di dare voce al personaggio nel film d’animazione Home Video Superman: Unbound nel 2013.

Chiara Guida
Chiara Guida
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Wolfkin film

Wolfkin: tutto quello che c’è da sapere sul film

Il cinema horror ha negli anni regalato innumerevoli iconici personaggi, molti dei quali entrati ormai nell’immaginario collettivo. Tra i più amati di sempre vi...
- Pubblicità -