tutti i soldi del mondo

USA Today ha diffuso la notizia che Michelle Williams è stata pagata meno dell’1% rispetto a Mark Wahlberg per i reshoot del film di Ridley Scott, Tutti i soldi del mondo.

Il film di Scott ha fatto discutere a partire dalla decisione del regista di sostituire Kevin Spacey a seguito delle accuse di molestia che lo hanno coinvolto. Adesso però sembra che un’altra spinosa questione sia venuta alla luce.

Tre persone vicine alla produzione ma non autorizzate a parlare in pubblico, e per questo rimaste anonime, hanno dichiarato che per circa 12 giorni di lavorazione per le riprese sostitutive, Michelle Williams è stata pagata 80 dollari al giorno, il minimo sindacale, visto che l’attrice aveva dichiarato: “Ho detto che ci sarei stata se avessero avuto bisogno di me, di qualunque cosa avessero avuto bisogno. E che avrebbero potuto tenersi i miei soldi, e le mie vacanze, e tutto quello che volevano. Perché apprezzo tantissimo lo sforzo che stanno facendo.”

Tutti i soldi del mondo, recensione del film di Ridley Scott

A fronte di questo incasso simbolico per la Williams, arriva invece la notizia che Mark Wahlberg ha incassato 1,5 milioni di dollari, solo per le riprese sostitutive.

A conti fatti si arriva alla cifra: Williams ha incassato meno dell’1% per le riprese che hanno sostituito Plummer a Spacey, rispetto alla sua co-star maschile. Trattandosi di una produzione che ha preso così a cuore la questione delle molestie, sembra quantomeno una notizia contraddittoria.