Avengers: Infinity War, tutti i segreti rivelati dall’artbook del film

1270

I Marvel Studios festeggiano l’incredibile successo di Avengers: Infinity War, film culminante della Fase 3 e di dieci anni di storia, pubblicando il volume Marvel’s Avengers: Infinity War – The Art of the Movie, preziosa raccolta di disegni, curiosità, dettagli sulla produzione del film che ha riunito praticamente tutti gli eroi del MCU.

Ma quali sono i segreti più importanti rivelati dall’artbook? Scopriamoli di seguito:

12Hulk era nella battaglia finale nel Wakanda

In molti si sono chiesti per quale motivo, nonostante le richieste di aiuto dello scienziato, Hulk non si sia palesato durante la battaglia del Wakanda. Qualcuno ha ipotizzato che il gigante avesse ormai paura di Thanos, dopo la sonora batosta subita a inizio film, ma Mark Ruffalo in persona ha spiegato che, dopo gli eventi di Thor: Ragnarok, la volontà di Hulk si è trasformata in una mente più strutturata e ha cominciato a rifiutare il fatto che Banner lo “utilizzasse” soltanto in momenti di difficoltà, decidendo quindi di non “uscire” per combattere contro l’Ordine Nero e contro Thanos. Tuttavia, stando a quanto si era già detto in precedenza e a giudicare dai concept di Avengers: Infinity War diffusi negli ultimi giorni, Hulk doveva essere presente durante la Battaglia del Wakanda, non solo, doveva confrontarsi direttamente con Thanos, insieme agli altri Vendicatori, tentando di fermarlo.

Falcon nello spazio

Al posto di Spider-Man, Falcon avrebbe raggiunto Tony Stark e Doctor Strange nella battaglia spaziale: era questa l’idea originale per il film, approvata anche dai fratelli Russo, ma questo ingresso avrebbe portato ad un eccessivo tono da commedia che era terreno comune con i Guardiani. La trama fu quindi modificata e Spider-Man prese il ruolo di co-protagonista.

Indietro