Oscar 2020: i top e i flop di un red carpet “neutro”

876

È stato un red carpet “neutro” quello degli Oscar 2020. Un anno che ha visto la rivoluzione scendere in campo per quello che riguarda i premi assegnati, si è invece rivelato molto tradizionalista e anonimo dal punto di vista dei look e dell’abbigliamento sfoggiato dalle star sul tappeto rosso sul Hollywood Boulevard.

Quest’anno, proprio a sottolineare l’austerità all’insegna della quale i vip hanno operato le loro scelte di stile, nessuno degli invitati uomini è stato inserito nella nostra gallery, con la sola eccezione del sempre magnifico Billy Porter. Tutti gli altri, con sporadiche eccezioni, si sono affidate allo smoking nero, un capo basic, oseremo dire, che non ha fatto sfigurare nessun in favore di altri. Un socialismo dello stile che, forse motivato da scelte politiche, appiattisce il brio e la bellezza del red carpet più importante dell’anno (con le dovute eccezioni, vedi Spike Lee e Timothée Chalamet).

E veniamo invece alle ospiti, attrici, produttrici, regista, alcune nominate, altre solo invitate a presentare. In poche hanno osato e ancora in meno sono riuscite a lasciare il segno. Tra le migliori, in fatto di stile, spiccano senz’altro le bionde Charlize Theron e Margot Robbie. Affidatesi rispettivamente a Dior e Chanel, le due bellissime bionde sono tra le meglio vestite, complice anche un look (anche qui) semplice che si concede solo un sorriso rosso fuoco sul viso di Margot.

Nota di merito a Natalie Portman, che accompagna un elegante Dior lungo e nero con inserti in oro con un cappotto che sui bordi porta i cognomi delle registe non nominate agli Oscar 2020. Politicamente impegnata, sì, ma con grande stile.

Non sfigura affatto anche la ex vincitrice premio Oscar, Regina King, che in un principesco Versace rosa cipria arricchito da ricami argento era tra le più eleganti e particolari della serata. La nostra preferita però è Scarlett Johansson. Una sirena d’argento (in Oscar de la Renta) con abito aderente sui fianchi e corpetto a rete metallica, Scarlett vince soprattutto per il look, che evidenzia lo sguardo e lascia libero un sorriso nude. Assolutamente radiosa.

Tra chi ha invece fatto scelte azzardate, annoveriamo da una parte Sandra Oh, che ha scelto un Elie Saab senza rinunciare al tulle, ai ricci, alle paillettes e al velluto, risultando comunque molto elegante, dall’alta Kristen Wiig, in un rosso Valentino strutturato, accompagnato da guanti neri. Probabilmente la peggiore della serata.

In un limbo di medietà, comunque gradevole, si posizionano le due vincitrice dell’Oscar per la recitazione, Laura Dern e Renee Zellwegger, e quasi tutte le altre ospiti, non particolarmente ispirate, quest’anno a voler fare bella figura su quello che, in fin dei conti, non è stato affatto il più elegante red carpet della stagione.

5Le scelte scure

Indietro