la grande bellezza

La Grande Bellezza è uno dei film che ha segnato la storia del cinema italiano e mondiale, capace di affascinare tutto il mondo con lo sfondo romano, le tematiche affrontate e le interpretazioni di attori brillanti.

Se su tutti gli attori c’è Toni Servillo, alla regia c’è un Paolo Sorrentino in pieno stato di grazia, con il suo stile maturo e capace di attirare l’attenzione americana, tanto da vincere anche l’Oscar per il Miglior Film Straniero.

Ecco, dunque, dieci cose da sapere su La Grande Bellezza.

La Grande Bellezza film

la grande bellezza

1. Flaubert ha ispirato il film. Una delle ispirazioni di Paolo Sorrentino per il film è stata la famosa affermazione di Flaubert che voleva scrivere un romanzo sul nulla. Sorrentino affermò “Per niente intendeva le voci e i pettegolezzi, i mille modi in cui perdiamo tempo, le cose che ci irritano o ci deliziano, ma che sono così di breve durata che ci fanno dubitare del senso della vita. “Niente” costituisce l’intera vita di molte persone”.

2. Poteva avere un altro titolo. In un’intervista condotta a Radio 2, Paolo Sorrentino ha ammesso che, ad un certo punto della produzione, stava pensando di chiamare il film L’apparato Umano. Questo è anche il titolo del romanzo di fantasia scritto dal protagonista del film, Jep Gambardella, interpretato da Toni Servillo.

3. Si ispira ad un romanzo di André Breton. Nel film, durante una conversazione, Jep dice:”Chi sono io? C’è un romanzo che inizia così”. Questo romanzo non è altro che Nadja di Breton e la parte centrale del film, che tratta della relazione tra Jep e Ramona, attinge in maniera estesa a questo romanzo.

La Grande Bellezza trama

4. Le occasioni perse. La Grande Bellezza è ambientato nella Roma estiva che si concede ai turisti, quando la città è al massimo della sua bellezza. Jep ha sessantacinque anni e gode ancora di un fascino magnetico ed innato che non accenna a diminuire, che vive nella mondanità dell’alta società romana, fatta di rapporti inconsistenti e di vere occasioni umane perdute.

5. La sfilata di un’umanità vuota. Jep è un giornalista affermato che si trova ad assistere alle intrepide ed infinite sfilate di uomini e donne vuote, tutti distratti da un divertimento astratto. E se Jep ritrae Roma, Roma ritrae Jep: li ferma, bellissima ed immobile, pronta a guardare gli altri con indifferenza, come se fosse una diva morta.

La Grande Bellezza frasi

6. Generatore di frasi iconiche. La Grande Bellezza è un film destinato a rimanere un cult nel corso degli anni, grazie anche al fatto che possiede della frasi memorabili. Ecco qualche esempio:

  • La più consistente scoperta che ho fatto pochi giorni dopo aver compiuto sessantacinque anni è che non posso più perdere tempo a fare cose che non mi va di fare. (Jep Gambardella)
  • Quando sono arrivato a Roma, a 26 anni, sono precipitato abbastanza presto, quasi senza rendermene conto, in quello che potrebbe essere definito “il vortice della mondanità”. Ma Io non volevo essere semplicemente un mondano. Volevo diventare il re dei mondani. Io non volevo solo partecipare alle feste. Volevo avere il potere di farle fallire. (Jep Gambardella)
  • Ma cosa avete contro la nostalgia? È l’unico svago che resta a chi è diffidente verso il futuro. (Romano)
  • A questa domanda, da ragazzi, i miei amici davano sempre la stessa risposta: “La fessa”. Io, invece, rispondevo: “L’odore delle case dei vecchi”. La domanda era: “Che cosa ti piace di più veramente nella vita?” Ero destinato alla sensibilità. Ero destinato a diventare uno scrittore. Ero destinato a diventare Jep Gambardella.(Jep Gambardella)
  • Il viaggio che ci è dato è interamente immaginario: ecco la sua forza, va dalla vita alla morte. Uomini, bestie, città e cose: è tutto inventato.

La Grande Bellezza cast

la grande bellezza

7. Per Servillo, la sceneggiatura è “apparsa per caso”. Toni Servillo e Paolo Sorrentino sono molto amici anche nella vita reale, oltre che in quella lavorativa. Pare che, tra i due, ci sia l’usanza di porgere nuove sceneggiature nei momenti più improbabili ed è successo anche per La Grande Bellezza, quando Sorrentino lo ha chiamato in punto in bianco per dirgli di leggere la sceneggiatura appena scritta.

La Grande Bellezza: versione integrale

8. La versione integrale ha 30 minuti aggiuntivi. Quando uscì al cinema La Grande Bellezza, la sua durata complessiva era di 142 minuti. A tre anni dall’uscita, e a due anni dagli Oscar, la Nexo Digital a distribuito per tre giorni la versione integrale del film, della durata totale di 172 minuti.

9. Ci sono delle scene tagliare. Nella versione distribuita del film, le scene con gli attori Giulio Brogi e Fiammetta Baralla sono state tagliate, tanto che, nei titoli di coda, sono stati inseriti dei ringraziamenti. Queste scene, però, compaiono nella versione integrale.

La Grande Bellezza streaming

10. Il film è disponibile in streaming digitale. Chi desiderasse vedere per la prima volta, o rivedere il film, è possibile farlo grazie alle piattaforme digitali legali Rakuten Tv, Chili, Tim Vision, che danno possibilità di visione anche in originale.

Fonti: IMDb, The New York Times, Aforismi