Amore, cucina e curry film

Deliziosa commedia sentimentale, Amore, cucina e curry è un pellicola del 2014 diretta dal regista svedese Lasse Hallström, anche noto per il film Chocolat. Attraverso la leggerezza del genere, egli dà vita ad una storia che, tra scontri a base di cucina, sviluppa tematiche profondamente attuali come quella dell’integrazione tra popoli e culture diverse. Questa prende spunto dal romanzo del 2008 di Richard C. Morais intitolato Madame Mallory e il piccolo chef indiano. Avendo acquisito un particolare successo in breve tempo, il libro venne opzionato per una trasposizione cinematografica, con la premio Oscar Helen Mirren protagonista.

 
 

A produrre il film, e spingere verso la sua realizzazione, vi sono due grandi nomi dello spettacolo quali Steven Spielberg ed Oprah Winfrey, che rispettivamente con la Amblin Entertainment e la Harpo Films hanno sostenuto finanziariamente il progetto. A dar vita alla sceneggiatura è stato invece chiamato il noto Steven Knight, anche noto per il thriller Locke. In breve, il progetto prese vita, arrivando infine alla sua tanto attesa uscita in sala. Qui raccolse consensi generalmente positivi da parte della critica, che lodò la regia di Hallström e le interpretazioni dei protagonisti, rimpiangendo però la prevedibilità di alcuni risvolti narrativi.

Il pubblico dimostrò però grande attenzione nei confronti di Amore, cucina e curry, portandolo ad essere uno dei maggiori successi al botteghino del suo periodo. Uscito nelle sale statunitensi nell’agosto del 2014, per poi estendersi al resto del mondo, il film arrivò infine a guadagnare circa 94 milioni di dollari, a fronte di un budget di soli 22. Ulteriore prestigio arrivò nel momento in cui la Mirren venne nominata come miglior attrice in un film commedia o musical al premio Golden Globe. Ancora oggi, infine, il film gode di buona popolarità, suscitando l’interesse di nuovi spettatori ad ogni passaggio televisivo.

Amore, cucina e curry: la trama del film

La storia del film è incentrata sul giovane Hassan, originario di Mumbai, che in seguito ad una serie di traumatici eventi decide di partire insieme a suo padre alla volta dell’Europa, dove spera di trovare una maggior tranquillità dove poter coltivare il proprio talento. Il giovane indiano, infatti, è un genio della cucina, capace di dar vita a piatti che mischiano tradizione e innovazione, fondendo culture in modo unico. Insieme al genitore, dopo numerose peripezie, arriva a stabilirsi nel piccolo paese di Saint-Antonin-Noble-Val, situato nel sud della Francia. Qui i due decidono di aprire un ristorante, puntando tutto sulla tradizionale cucina indiana.

Ciò che Hassan e suo padre non sanno, però, è che il loro locale si trova a poca distanza dal rinomato Le Saule Pleureur, di proprietà dell’austera Madame Mallory. Nota per essere una chef premiata con la prestigiosa stella Michelin, la donna inizia un’accesa campagna di protesta contro i nuovi arrivati, denigrandone la cultura e il menù. Ben presto, le divergenze danno vita ad una vera e propria guerra culinaria. Ciò non impedisce però ad Hassan di innamorarsi della bella Marguerite, dipendente proprio presso il ristorante rivale. Lo scontro tra le due culture e i loro modi diversi di intendere la cucina si trasformerà poi lentamente un incontro, dimostrando che una fusione tra le due parti è possibile e auspicabile.

Amore, cucina e curry film

Amore, cucina e curry: il cast del film

Per dar vita ad un cast multietnico, i produttori intrapresero lunghi casting al fine di trovare gli interpreti più idonei ai personaggi principali. Helen Mirren, premio Oscar per il film The Queen, fu la prima ad entrare nel cast nel ruolo di Madame Mallory. L’attrice si dichiarò da subito particolarmente interessata al personaggio e ai temi della storia. Per prepararsi al ruolo, inoltre, condusse molte ricerche sulla cucina francese, su quella indiana e sull’atteggiamento che di norma hanno gli chef di un certo calibro. Così facendo, ha potuto calarsi ulteriormente nei panni del severo personaggio. La sua interpretazione è infatti poi stata particolarmente apprezzata e riconosciuta con la nomination ai Golden Globe.

Per dar volto ad Hassan, era invece indispensabile trovare un interprete di origini indiane. Il prescelto fu infine Manish Dayal. Classe 1983, l’attore si era fatto notare negli anni precedenti per i suoi ruoli nei film Non dire mai addio (2006) e L’apprendista stregone (2010). Molta della sua popolarità era però dovuta alla televisione e alla serie 90210. Una volta scelto per il film, Dayal a sua volta si mise a studiare le principali tradizioni della cucina indiana, arrivando anche ad imparare a cucinarne diverse. Grazie al ruolo nel film, ha avuto modo di raggiungere ulteriore popolarità, ed oggi continua a recitare in diversi progetti televisivi di rilievo.

Il ruolo del padre di Hassan è stato invece interpretato dal celebre attore indiano Om Puri. Questi ha lavorato nel corso della sua carriera a centinaia di film di Bollywood, ma anche in progetti di produzione statunitense. Quello in Amore, cucina e curry è uno dei suoi ultimi ruoli noti, essendo poi improvvisamente scomparso nel 2017 all’età di 66 anni. Infine, nel ruolo di Marguerite, la bella chef di cui si innamora Hassan, si ritrova la francese Charlotte Le Bon. Proprio in quegli anni l’attrice aveva raggiunto un buona popolarità grazie ai film Mood Indigo e Yves Saint Laurent. Per il suo ruolo in questo film ha ottenuti ulteriori consensi, che le hanno permesso di ottenere ruoli anche internazionali.

Amore, cucina e curry: le location, il trailer e dove vedere il film in streaming

Il film è diventato celebre anche per le sue location estremamente caratteristiche e di particolare bellezza. Il grosso delle riprese si è svolto nel reale paesino di Saint-Antonin-Noble-Van, situato nella regione Occitania, nel sud della Francia. Abitato da poco meno di duemila abitanti, il luogo è un vero e proprio gioiellino tutto da scoprire. Altre location selezionate per il film sono state anche il comune Saint-Denis, collocato al nord di Parigi, e alcuni luoghi dell’Olanda. Grazie ad essi, il film ha potuto acquisire le fondamentali atmosfere tipiche della Francia, senza dimenticare però anche quel tocco di asiatico dato dai colori della cucina indiana.

Per chi ha amato il film, o per chi non l’avesse ancora visto e desidera poter recuperare tale titolo, è possibile fruirne grazie alla sua presenza in alcune tra le principali piattaforme streaming oggi presenti in rete. Amore, cucina e curry è infatti disponibile su Rakuten TV, Chili Cinema, Tim Vision, Rai Play, Amazon Prime Video, Apple iTunes e Google Play. Per vederlo, in base alla piattaforma prescelta, basterà noleggiare il singolo film o sottoscrivere un abbonamento generale. Ciò permetterà di riprodurlo in modo pratico e al meglio della qualità video.

Fonte: IMDb