La grande scommessa storia vera

La crisi finanziaria del 2007-2008 ha gettato un’ombra sull’economia mondiale, segnando l’inizio di un duro periodo di recessione. Tuttavia, non per tutti ciò si rivelò una tragedia. In La grande scommessa, diretto da Adam McKay, viene infatti raccontata la vera storia di un gruppo di investitori che, intuito cosa stesse per accadere, riuscì a trarre guadagno da questa drammatica situazione. Candidato a cinque premi Oscar, tra cui quello per il miglior film, il titolo si è poi aggiudicato la prestigiosa statuetta per la miglior sceneggiatura non originale.

 
 

La storia è infatti tratta dal libro di carattere economico Il grande scoperto: la folle scommessa che ha sbancato Wall Street, pubblicato nel 2010 da Michael Lewis e incentrato sulle vere storie poi riportate nel film. La Paramount ne acquistò i diritti nello stesso anno di uscita, e assunse McKay per dirigere il film. Questi si impegnò a trovare un modo originale e anticonvenzionale per narrare le complesse vicende economiche. In particolare, sono noti i cameo di celebrità come Margot Robbie e Selena Gomez, che rompendo la quarta parete spiegano direttamente al pubblico alcune dei concetti presenti nella narrazione.

Così facendo, McKay riuscì nel suo intento di raggiungere un ampio pubblico, conferendo al film un carattere fruibile anche dai non avvezzi alla materia. Costato solo 50 milioni di dollari, il film riuscì ad incassarne oltre 130 in tutto il mondo. Favorevole è stato anche il giudizio della critica, rimasta entusiasta dallo stile narrativo adottato dallo sceneggiatore e dal regista. Il ritmo, la spregiudicatezza e il grande intreccio narrativo del fine ne fanno elementi unici, che gli hanno permesso di affermarsi al di sopra di tanti altri film con argomenti simili.

La grande scommessa: la trama del film

Incentrato nel periodo precedente alla crisi economica del 2008, il film segue le storie simultanee di coloro che riuscirono a prevedere il disastro e trarne guadagno. Il primo di questi è il manager Michael Burry, il quale analizzando la situazione economica americana decise di creare un sistema di credit default swap, che gli consenta di scommettere contro il mercato immobiliare. La sua manovra, in anticipo sui tempi, sembra però essere azzardata, e genera l’ira degli investitori di Burry, i quali credono che egli stia sprecando il loro denaro. Questi trova però fiducia nel dirigente della Deutsche Bank Jared Vennett, il quale comprende l’esattezza dei calcoli del manager e decide di investire nel suo progetto.

Viene in seguito coinvolto anche il trade Mark Baum, e i tre iniziano a gettare le basi per la manovra che gli permetterà poi di arricchirsi. All’operazione partecipano anche Charlie Geller e Jamie Shipley, due giovani investitori che data la loro inesperienza si trovano a richiedere l’aiuto dell’eccentrico banchiere Ben Rickert. Questi però, dopo averli inizialmente sostenuti, critica aspramente il loro guadagno maturato su di un collasso economico. Non passa infatti molto tempo, infatti, e il mercato collassa all’improvviso. Grazie ai suoi calcoli e al sistema brevettato, Burry si ritrova a guadagnare una cifra spropositata di soldi.

La grande scommessa: il cast del film

A ricoprire i ruoli principali del film, vi sono alcuni tra i maggiori interpreti di Hollywood, a partire da Christian Bale, che dà vita al personaggio di Michael Burry. L’attore, nel prepararsi alla parte, ebbe modo di incontrare il manager, rimanendo particolarmente colpito dal suo stile. Bale, infatti, richiese a quel punto di poter indossare gli stessi abiti con cui è diventato celebre Burry, ovvero t-shirt e shorts. La sua interpretazione fu talmente tanto convincente che portò l’attore all’ottenere una nomination al premio Oscar come miglior attore non protagonista. Altro celebre nome presente nel film è quello di Ryan Gosling, che dà vita al personaggio di Jared Vennett, questi soltanto vagamente ispirato ad una delle reali persone della vicenda.

Gosling era da sempre il primo nome considerato per il ruolo, e nell’accettare la parte pose fine alla pausa dalla recitazione che si era preso nel 2013. Inoltre, per dar vita al personaggio, si trovò inoltre a dover sfoggiare un’insolita capigliatura, che rese ancor più caratteristico il suo personaggio. Nel ruolo di Mark Baum vi è invece l’attore Steve Carell, particolarmente apprezzato per la sua interpretazione drammatica e nominato al Golden Globe come miglior attore. Nel film sono poi presenti, in ruoli più o meno di rilievo, gli attori Brad Pitt nei panni di Ben Rickert, Melissa Leo in quelli di Georgia Hale, John Magaro nel ruolo di Charlie Geller, e Marisa Tomei in quello di Cynthia Baum.

La grande scommessa: la vera storia dietro al film

Nel trattare le vicende realmente accadute, il film utilizza un metodo certamente originale ma grossomodo fedele a quanto narrato nel libro di Lewis. I personaggi descritti sono infatti molto fedeli alle fonti di ispirazione originali, a partire da Michael Burry. Questi, oltre ad essere l’unico a cui non viene modificato il nome nel film, viene descritto in modo molto fedele alla realtà. Egli possedeva un proprio stile, composto di magliette e shorts ed era solito aggirarsi per il suo studio totalmente scalzo. Inizialmente, egli era uno specializzando in neurologia, il quale abbandona però gli studi per dedicarsi alla finanza.

Attraverso le sue ricerche questi arrivò realmente a predire l’imminente crisi, decidendo di dar vita ai Credit Default Swap. La sua convinzione si basa sui suoi studi sul mercato dei mutui subprime, i quali sono una tipologia di finanziamento ad alto rischio. Questi vengono concessi dalle banche dietro una garanzia, ovvero se il debitore non riesce a pagare le rate la sua casa viene pignorata. Burry si accorge però che il numero dei debitori insolventi è in forte aumento. Ciò avrebbe portato ad un ingente quantitativo di case pignorate, con la conseguente svalutazione e relativa crisi del mercato immobiliare. Egli arrivò inoltre a stimare che tale situazione si sarebbe verificata nel secondo semestre del 2007.

In risposta a ciò, Burry offre alle banche, con il Credit Deafult Swap, di versare loro un premio assicurativo su un ipotetico evento dannoso. Se tale evento dovesse però verificarsi, le banche dovranno pagare a lui un’adeguata indennità. Convinte della stabilità del mercato, le banche accettarono molto positivamente la proposta, convinte che si rivelerà in un facile ingresso di denaro nelle loro tasche. Sfortunatamente, le intuizioni di Burry si rivelarono esatte, ed è lui ad intascare una fortuna. Il film, per quanto fedele agli eventi, si concentra così in particolare nel formulare accuse contro i banchieri corrotti. Così facendo, però, dimentica di considerare anche gli altri fattori che portarono alla crisi.

La grande scommessa cast

La grande scommessa: dove vedere il film in streaming

Per gli amanti del film, o per chi non l’avesse ancora visto e desidera poter recuperare tale titolo, è possibile fruirne grazie alla sua presenza in alcune tra le principali piattaforme streaming presenti in rete. La grande scommessa è infatti disponibile su Netflix, Rakuten TV, Chili Cinema, Tim Vision, Apple iTunes e Google Play. Per vederlo basterà noleggiare o acquistare il film sulla piattaforma prescelta. Si avrà così poi modo di riprodurlo in modo pratico e al meglio della qualità.

Fonte: IMDb, HistoryVSHollywood