L'età dell'innocenza film

Conosciuto prevalentemente per i suoi film incentrati sulla mafia e sulla corruzione, il regista Martin Scorsese ha in diverse occasioni dimostrato di possedere anche una spiccata sensibilità per i sentimenti dell’animo umano. Uno dei film in cui ciò emerge di più è L’età dell’innocenza, film in costume del 1993 dove la violenza concretamente espressa in opere come Taxi Driver o The Departed, è qui ugualmente presente in modo però molto più velato. Si tratta infatti di un racconto che vede contrapposto un nobile della fine dell’Ottocento a due donne completamente diverse, che incarnano due contrastanti aspetti della società dell’epoca.

 

Il film è l’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo del 1921 scritto da Edith Wharton, e vincitore del premio Pulitzer. La Wharton fu la prima scrittrice donna a vincere tale prestigioso riconoscimento. Il libro finì nelle mani di Scorsese nel 1980, dopo che l’amico e sceneggiatore Jay Cocks glielo consigliò. In esso, il regista ritrovò, seppur in chiave diversa, molte delle tematiche a cui si sentiva legato, e decise pertanto di realizzarne una trasposizione. Ci vollero però ben 13 anni prima che L’età dell’innocenza arrivasse sul grande schermo. Al momento della sua uscita ottenne un’ottima accoglienza di critica, come anche 5 nomination all’Oscar, vincendo quello per i migliori costumi.

Nonostante ciò, la pellicola si affermò come un insuccesso economico, guadagnando appena 32 milioni di dollari a fronte di un budget di 34. Ciò ha in parte reso L’età dell’innocenza uno dei titoli meno noti e citati dell’autore newyorkese, maggiormente ricordato per altri generi. Tale film merita però di essere riscoperto, tanto per la bellezza della sua messa in scena quanto dei sentimenti presenti nella storia. Proseguendo qui nella lettura si potranno approfondire ulteriormente alcuni aspetti di questo, come la trama e il cast di attori. Si vedranno inoltre le principali differenze tra il film e il romanzo, e infine anche le piattaforme streaming dove poter ritrovare il film.

L’età dell’innocenza: la trama del film

La storia si svolge nella New York del 1870. Newland Archer è un giovane avvocato, membro dell’alta società di New York. Il gentiluomo, particolarmente rispettoso delle regole dell’ambiente in cui vive, è inoltre fidanzato con la bella aristocratica May Welland. I due sono prossimi al matrimonio, ma la vita perfetta di Newland viene improvvisamente sconvolta dall’arrivo in città della contessa Ellen, cugina di May. Questa si distingue per la sua vita lontana dalle convenzioni sociali, come anche per l’essere fuggita da un disastroso matrimonio. Nonostante la donna venga vista in modo estremamente negativo dalla società, Newland finirà per il provare un sentimento particolarmente forte nei suoi confronti, arrivando a mettere a rischio tutto ciò che possiede.

L'età dell'innocenza cast

L’età dell’innocenza: il cast del film

Per dar vita ai tre personaggi principali del film, Scorsese ebbe chiaro sin da subito a quali attori rivolgersi. Per lui, Newland non poteva che avere il volto di Daniel Day-Lewis. Già vincitore del premio Oscar nel 1990, questi si era affermato come uno dei migliori interpreti della sua generazione, anche grazie alla sua devozione verso i personaggi che si trovava ad interpretare. Anche per Newland egli ricorse così al suo metodo, consistente nel calarsi quanto più possibile nei panni del personaggio. E proprio indossando i panni di un aristocratico di fine Ottocento Day-Lewis spese diverse settimane, adattandosi così a tale ruolo. Accanto a lui, nei panni dell’anticonformista Ellen, si ritrova invece Michelle Pfeiffer. Per lei si trattò della prima collaborazione con Scorsese, per la quale l’attrice si disse entusiasta.

A farsi particolarmente notare è però la giovanissima Winona Ryder, che al momento delle riprese aveva appena 22 anni. Questa fu entusiasta di assumere i panni di May Welland, la promessa sposa di Newland, in quanto da sempre appassionata del romanzo della Wharton. Per la sua interpretazione, la Ryder venne poi candidata al premio Oscar come miglior attrice non protagonista, affermandosi come una delle più quotate interpreti della sua generazione. Nel film sono poi presenti anche Geraldine Chaplin nei panni della signora Welland, madre di May, e Miriam Margolyes in quelli di mrs. Mingott. Il noto attore di film horror Michael Gough venne personalmente scelto da Scorsese, il quale lo ammirava molto. Richard E. Grant è invece Larry Lefferts. Sono inoltre presenti Charles e Catherine Scorsese, genitori di Martin, in un breve cameo.

L’età dell’innocenza: le differenze tra il film e il romanzo

Nell’adattare il celebre romanzo, Cocks e Scorsese, qui in una delle sue poche volte da sceneggiatore, si sono mantenuti particolarmente fedeli alla storia scritta dalla Wharton. Vi sono però inevitabilmente alcune differenze, che hanno permesso al racconto di acquisire una forma più consona al mezzo cinematografico. La prima di queste si ritrova nel rapporto che Newland, il protagonista, ha con il contesto che lo circonda. Nel film egli dimostra sin da subito una certa insofferenza per le convenzioni sociali vigenti, mentre nel romanzo questo distacco avviene in modo più graduale, specialmente dopo aver incontrato Ellen. Ciò ha permesso, per il film, di rappresentare da subito i due personaggi come anime affini e destinate a lottare insieme contro il mondo circostante. Differente è anche l’evoluzione del personaggio di May. Nel film questa è dall’inizio alla fine una personalità infantile, mentre nel romanzo finisce con il diventare una donna saggia.

Ulteriore, e notevole, differenza è quella relativa al rapporto che Newland ha con le due donne. Nel film di Scorsese, infatti, questi si invaghisce di Ellen sin dal primo momento in cui la incontra, e si dimostra da subito propenso ad abbandonare May. Nel romanzo, invece, i due fidanzati hanno un rapporto particolarmente solido, e il loro distacco avviene in modo molto meno rapido. Tale cambiamento ha permesso di sottolineare quanto l’amore tra Newland ed Ellen sia particolarmente forte e imprescindibile. Tale decisione ha di conseguenza portato anche ad un loro amore molto più fisico rispetto a quello presente nel romanzo. In esso, infatti, i due personaggi hanno un grande pudore e a stento si toccano. Nel film, invece, è possibile vederli scambiarsi diversi baci appassionati. Tutti questi cambiamenti hanno così portato a rimuovere uno degli aspetti più importanti del romanzo, ovvero l’indecisione di Newland tra le due donne.

L’età dell’innocenza: il trailer e dove vedere il film in streaming

È possibile fruire di L’età dell’innocenza grazie alla sua presenza su alcune delle più popolari piattaforme streaming presenti oggi in rete. Il film è infatti disponibile nel catalogo di Rakuten TV, Chili Cinema, Google Play, Apple iTunes e Amazon Prime Video. Per vederlo, basterà sottoscrivere un abbonamento generale, e si avrà così modo di guardarlo in totale comodità e al meglio della qualità video. È bene notare che in caso di noleggio si avrà a disposizione soltanto un determinato limite temporale entro cui guardare il film. Questo sarà inoltre trasmesso in televisione il giorno giovedì 7 gennaio alle ore 21:10 sul canale Paramount Channel.

Fonte: IMDb