L'uomo che uccise Hitler e poi il Bigfoot film

Ci sono film talmente tanto assurdi e dissacranti nelle loro premesse da diventare immediatamente opere cult imperdibili. Tra i più recenti di questo genere vi è senza dubbio L’uomo che uccise Hitler e poi il Bigfoot, scritto, diretto e prodotto nel 2018 dall’esordiente Robert D. Krzykowksi. Si tratta di un film che attraversa diversi generi, dall’avventura al drammatico, dalla fantascienza all’opera bellica. Tipologia di prodotto alquanto raro nell’odierna industria cinematografica, questo ha comunuque ottenuto grande successo e fama proprio per la sua stravaganza. Ad avvalorare l’interesse nei suoi confronti, vi sono alcuni noti attori qui alle prese con ruoli inediti e bizzarri quanto il film.

Eppure, nonostante il titolo possa far pensare ad un prodotto B-Movie, il film sfoggia anche una serie di riflessioni particolarmente profonde e coinvolgenti. Il tono diventa infatti crepuscolare, raccontando dell’inevitabile scorrere del tempo, del sopraggiungere dell’anzianità e di come i ricordi possano essere un porto salvifico. Tra eroismo, dovere morale e delusioni inevitabili, si costruisce così la figura del protagonista che si sposa appieno con il contesto che lo circonda. L’uomo che uccise Hitler e poi il Bigfoot è dunque anche un’opera più intima e delicata di quello che si potrebbe immaginare, benché non manchino anche momenti particolarmente adrenalinici.

Presentato con successo a diversi festival cinematografici di genere, il film si è così affermato come il successo che meritava di essere, guadagnando sempre più popolarità e apprezzamenti. Prima di intraprendere una visione del film, però, sarà certamente utile approfondire alcune delle principali curiosità relative a questo. Proseguendo qui nella lettura sarà infatti possibile ritrovare ulteriori dettagli relativi alla trama e al cast di attori. Infine, si elencheranno anche le principali piattaforme streaming contenenti il film nel proprio catalogo.

L’uomo che uccise Hitler e poi il Bigfoot: la trama del film

Protagonista del film è Calvin Barr è un veterano della seconda guerra mondiale che durante il conflitto è riuscito ad uccidere il celebre dittatore Adolf Hitler, venendo però costretto a mantenere segreta questa informazione al fine di evitare problemi internazionali. Ormai anziano, egli vive in tranquillità tra i flashback della guerra, il rimorso di aver ucciso un uomo, seppure da lui giudicato un mostro, e il ricordo di un amore perduto. A richiamarlo all’azione, un giorno, vi sono l’FBI e la Royal Canadian Mounted Police, che gli chiedono di andare in missione nell’America del Nord, per cacciare e uccidere una creatura leggendaria.

Questa è il bigfoot, portatore di una misteriosa malattia che ha già decimato le forme di vita locali e che, se dovesse diffondersi su larga scala, potrebbe segnare l’estinzione dell’umanità. L’essere si muove all’interno di un’area circoscritta, detta “zona morta”, e se Calvin dovesse fallire, il governo statunitense sarebbe pronto a sganciare un ordigno nucleare per spazzare via ogni minaccia. Unica persona al mondo in grado di affrontare una simile impresa, in Calvin si scatena uno straziante conflitto interiore, in quanto aveva giurato di non uccidere mai più.

L'uomo che uccise Hitler e poi il Bigfoot cast

L’uomo che uccise Hitler e poi il Bigfoot: il cast del film

Ad interpretare il personaggio del veterano cacciatore Calvin Barr vi è l’attore Sam Elliott. Questi è recentemente divenuto ulteriormente popolare per il film A Star Is Born, per il quale ha anche ottenuto una nomination all’Oscar. Elliott è però noto anche per film come Il grande Lebowski, Hulk, Ghost Rider. Nell’assumere i panni del protagonista in L’uomo che uccise Hitler e poi il Bigfoot, egli ha affermato di essere rimasto affascinato dalla natura complessa del personaggio, coinvolto tanto in azioni eroiche quanto in grandi emozioni che ne dettano il carattere. L’attore si è inoltre allenato a livello fisico per poter eseguire molte delle scene più complesse e dinamiche.

Nei panni del giovane Calvin Barr vi è invece l’attore Aidan Turner. Questi è meglio noto per aver interpretato il nano Kili nella trilogia di Lo Hobbit, mentre recentemente è apparso in televisione con la serie Leonardo, dove interpreta il celebre artista e inventore rinascimentale. Accanto a lui, nei panni dell’amata Maxine, vi è invece l’attrice Caitlin FitzGerald, nota per la serie Masters of Sex. Dopo essersi conosciuti sul set di questo film, lei e Turner sono diventati una coppia nella vita. Nel film sono poi presenti gli attori Ron Livingston nei panni di Flag Pin, Larry Miller in quelli di Ed e Ellar Coltrane, celebre per il film Boyhood, nei panni di un commesso. Mark Steger è invece il Bigfoot.

L’uomo che uccise Hitler e poi il Bigfoot: il trailer e dove vedere il film in streaming e in TV

Prima di vedere tali sequel, è possibile fruire del film grazie alla sua presenza su alcune delle più popolari piattaforme streaming presenti oggi in rete. Dragonheart è infatti disponibile nei cataloghi di Rakuten TV, Chili Cinema, Google Play, Apple iTunes, Tim Vision e Amazon Prime Video e Now. Per vederlo, una volta scelta la piattaforma di riferimento, basterà noleggiare il singolo film o sottoscrivere un abbonamento generale. Si avrà così modo di guardarlo in totale comodità e al meglio della qualità video. È bene notare che in caso di noleggio si avrà soltanto un dato limite temporale entro cui guardare il titolo. Il film è inoltre presente nel palinsesto televisivo di mercoledì 28 aprile alle ore 21:20 sul canale Rai 4.

Fonte: IMDb