Quando nel 1987 il regista Paul Verhoeven portò al cinema il film RoboCop (qui la recensione), non poteva sapere che quello sarebbe stato l’inizio di uno dei più fortunati franchise di genere fantascientifico. Con due sequel, un remake e diverse serie televisive, quello del poliziotto cyborg è oggi uno dei personaggi più noti del cinema, entrato a far parte dell’immaginario culturale. Interpretato da Peter Weller nei primi film, RoboCop si affermò anche grazie alla satira e al cinismo presenti nella sua violenta storia.

L’idea per il primo film nacque nello sceneggiatore Edward Neumeier in seguito alla visione di un cartellone pubblicitario del film Blade Runner. Ispirato dalla trama della pellicola di Ridley Scott, decise di rielaborarne le tematiche per dar vita ad un poliziotto robotico che combatte il crimine in una città ricca di violenza. La sceneggiatura venne tuttavia rifiutata più volte, trovando infine il suo regista nell’olandese Verhoeven. Prima di vedere la luce, però, il progetto dovette affrontare diversi problemi, tra cui la concezione del costume del protagonista e diversi degli effetti speciali.

Superati anche questi ostacoli, RoboCop poté uscire in sala affermandosi come un grande successo di critica e pubblico. Da quel momento il personaggio assunse un influenza culturale sempre crescente, arrivando ancora ad oggi ad essere un’icona del cinema. Prima di intraprendere una visione del film, però, sarà certamente utile approfondire alcune delle principali curiosità relative a questo. Proseguendo qui nella lettura sarà infatti possibile ritrovare ulteriori dettagli relativi alla trama, al cast di attori e ai suoi sequel. Infine, si elencheranno anche le principali piattaforme streaming contenenti il film nel proprio catalogo.

RoboCop: la trama del film

La vicenda del primo film si svolge a Detroit, in un futuro distopico, dove pur di fermare la criminalità e la corruzione che dilagano in città, la multinazionale Omni Consumer Product finanzia il progetto per un poliziotto cyborg. L’esperimento può avere luogo nel momento in cui il poliziotto Alex Murphy rimane ucciso in seguito allo scontro con una banda criminale. Ricostruendo il corpo dell’uomo con protesi meccaniche e un avanzato sistema informatico, la multinazionale dà vita a RoboCop. Questi, grazie alle sue strabilianti doti, diventa ben presto il beniamino dalla popolazione locale.

Intento a combattere la criminalità, RoboCop finisce con l’imbattersi in uno degli assassini di Alex Murphy, decidendo quindi di indagare sull’uomo del quale possiede i ricordi. RoboCop inizia così a raccogliere informazioni sugli assassini del poliziotto e, seguendone le tracce, irrompe in una fabbrica dove ottiene finalmente giustizia. Qui, però, si trova a dover fare i conti con un importante scoperta, che porta alla luce il rapporto dei criminali con il capo della sicurezza della Omni Consumer Product.
RoboCop cast

RoboCop: il cast del film

Per trovare il giusto interprete del primo film della serie, la produzione valutò diverse opzioni. Il primo ad essere considerato fu l’attore Arnold Schwarzenegger, divenuto popolare grazie a Terminator. Venne tuttavia scartato poiché la sua presenza avrebbe reso più complesso il lavoro di realizzazione dell’armatura da cyborg. Dopo attente ricerche venne allora considerato Peter Weller, ancora poco noto all’epoca. L’attore fu da subito entusiasta del ruolo, ma incontrò numerosi problemi nella gestione del costume. Questo, infatti, costruito con parti di lattice e alluminio, ne limitava fortemente i movimenti. Inoltre, si rivelò estremamente caldo al suo interno, e richiese l’inserimento di un condizionatore per preservare la salute dell’interprete.

Accanto a lui, nei panni della poliziotta Anne Lewis vi è l’attrice Nancy Allen, la quale dovette tagliarsi notevolmente i capelli per il ruolo poiché il regista voleva desessualizzare il personaggio. Ronny Cox interpreta invece Richard Jones, vicepresidente della OCP e principale antagonista del film. Dala parte dei cattivi si ritrova anche Clarence Boddicker, criminale interpretato da Kurtwood Smith. Vi è poi il compianto attore Miguel Ferreer, noto in particolare per aver dato vita al ruolo dell’agente FBI Albert Rosenfield nella serie I segreti di Twin Peaks. L’attore interpreta qui Robert Morton, il dirigente della OCP che porta avanti il progetto RoboCop. Infine, Dan O’Herlihy è Il Vecchio, l’anziano e misterioso presidente della OCP.

RoboCop: i sequel, il trailer e dove vedere il film in streaming e in TV

Dato il grande successo del primo film, a tre anni di distanza da questo arrivò in sala un primo sequel, intitolato semplicemente RoboCop 2. Il personaggio è nuovamente interpretato, per l’ultima volta, da Weller. In questo primo seguito, il poliziotto cyborg si trova ora a scontrarsi contro un suo simile molto più potente. Nel 1993 è invece arrivato il terzo film, dove ad interpretare il protagonista è però un nuovo attore, che si trova coinvolto in una serie di scontri civili, per i quali avrà bisogno di alcune migliorie. Nel 2014 è invece uscito un remake del primo film, chiamato semplicemente RoboCop e interpretato da Joel Kinnaman. Si tratta però di un rifacimento molto meno violento e cupo dell’originale.

È possibile fruire del film grazie alla sua presenza su alcune delle più popolari piattaforme streaming presenti oggi in rete. RoboCop è infatti disponibile nel catalogo di Apple iTunes e Amazon Prime Video. Per vederlo, basterà noleggiare il singolo film, avendo così modo di guardarlo in totale comodità e al meglio della qualità video. È bene notare che in caso di noleggio si avrà soltanto un dato limite temporale entro cui guardare il titolo. Il film è inoltre presente nel palinsesto televisivo di giovedì 17 giugno alle ore 21:30 sul canale Spike.

Fonte: IMDb