Safe House, la spiegazione del finale del thriller con Ryan Reynolds

-

Se avete mai setacciato NETFLIX alla ricerca di un thriller solido, ma sottovalutato, è molto probabile che vi siate già imbattuti in Safe House. Il film del 2012 vede Ryan Reynolds nei panni dell’agente della CIA alle prime armi Matt Weston. All’inizio del film, Weston vive una vita relativamente tranquilla gestendo un rifugio a Città del Capo, in Sudafrica. Non è soddisfatto del suo incarico, perché ritiene che non gli dia la possibilità di fare carriera.

Tutto cambia quando Weston incontra l’ex agente della CIA diventato criminale internazionale Tobin Frost (Denzel Washington). Frost arriva al rifugio di Weston dopo essersi consegnato agli americani per evitare di essere ucciso da un gruppo di mercenari che erano sulle sue tracce. Tuttavia, i mercenari scoprono la sua posizione e distruggono il rifugio, costringendo Weston e Frost a darsi alla fuga.

Weston viene aiutato dal suo supervisore, David Barlow (Brendan Gleeson), e dalla collega Catherine Linklater (Vera Farmiga). I due cercano di capire non solo perché Frost abbia organizzato un incontro con un ex agente dell’MI6 prima di consegnarsi, ma anche perché ora sia braccato da questo misterioso gruppo di mercenari. Inoltre, Linklater sospetta di Weston e teme che possa rischiare di disertare.

Mentre la sua fedeltà viene messa in discussione e la sua missione diventa sempre più pericolosa, Weston inizia a chiedersi dove sia la verità di tutta la situazione. Ecco come si conclude questa storia straziante.

Frost spinge Weston a mettere in discussione la sua linea di lavoro in Safe House

Ryan Reynolds in Safe House - Nessuno è al sicuro 2012
© 2011 – Universal

Durante il tempo trascorso insieme, Frost cerca continuamente di convincere Weston a non fidarsi dei suoi superiori alla CIA. Egli nota che i mercenari sapevano come trovare il suo rifugio, il che significa che probabilmente hanno ricevuto una soffiata da qualcuno all’interno dell’agenzia. Ciò viene confermato in seguito quando Weston interroga uno dei mercenari.

Frost fornisce a Weston anche un resoconto di prima mano di quanto possano essere ambigui i vertici della CIA. Gli racconta di come, quando era un giovane agente, sia stato ingannato da uno dei suoi superiori per uccidere un uomo innocente. Ancora più inquietante è l’ammissione di Frost di aver lasciato correre l’inganno e di aver continuato a lavorare per la CIA. Spiega: “Se pratichi qualcosa per molto tempo, diventi bravo. Se dici cento bugie al giorno, ti sembra la verità“.

Gli avvertimenti di Frost non riguardano solo la situazione specifica in cui si trovano. Sta anche dando a Weston un’anteprima di ciò che gli accadrà se continuerà ad avanzare nella CIA.

Quando i due sono in viaggio verso il prossimo rifugio, Weston ha chiaramente interiorizzato le parole di Frost. Quando arrivano, punta una pistola contro l’agente che gestisce il rifugio. Ne nasce una lotta sanguinosa che lascia l’agente morto e Weston gravemente ferito.

Dopo lo scontro, Weston chiede di sapere cosa ha fatto Frost per essere braccato sia dalla CIA che da un gruppo di mercenari. Frost rivela di aver acquisito un microchip contenente file che descrivono la massiccia corruzione di tutte le principali agenzie di intelligence del mondo. Tra cui, ovviamente, la CIA.

Le vere intenzioni di Barlow vengono rivelate

Safe House Vera Farminga

Nel frattempo, sia Barlow che Linklater sono arrivati in Sudafrica per indagare sulla situazione. Linklater continua a sospettare fortemente di Weston. Anche se Barlow sostiene che il suo protetto non sta lavorando con Frost, le prove sempre più evidenti di fronte a Linklater le rendono difficile ignorare la sensazione che qualcosa non vada bene. Come si scopre, ha ragione ad essere sospettosa. Tuttavia, non è Weston la persona di cui dovrebbe preoccuparsi.

Mentre si recano all’appuntamento con Weston al rifugio, Linklater viene a conoscenza del microchip di informazioni sensibili su cui Frost ha messo le mani. Quando lo dice a Barlow, questi risponde sparandole e uccidendola. Frost aveva ragione sul fatto che i mercenari provenissero da qualcuno all’interno della CIA. Quel qualcuno è Barlow, che sa che in quel microchip ci sono informazioni rovinose su di lui.

Al rifugio, Weston si sveglia dopo essere svenuto per le ferite riportate. Frost è sparito e Barlow è al suo fianco. Dopo aver messo insieme tutti gli indizi, Weston sa che dietro a tutto c’è Barlow. Confrontato con lui, Barlow confessa di aver “fatto qualcosa di cui non vado fiero” e di aver fatto di tutto per tenerlo nascosto.

Il tradimento di Barlow è una manifestazione letterale dei precedenti avvertimenti di Frost sul vivere una vita di bugie e inganni. Weston ora capisce quanto tutto ciò sia insidioso. Anche dopo che Barlow gli offre la promozione che prima desiderava ardentemente, i suoi sentimenti nei confronti del suo mentore e della CIA si sono inaspriti.

Weston si rende conto di ciò che è veramente importante per lui…

Safe House - Nessuno è al sicuro
Foto di Universal Pictures – © 2012 Universal Studios. ALL RIGHTS RESERVED.

Frost arriva e ne segue una sparatoria. Sebbene Frost uccida i mercenari di Barlow, viene ferito a morte. Prima che Barlow abbia la possibilità di finire Frost, Weston si alza dal letto e spara al suo ex mentore.

Tornato negli Stati Uniti, Weston presenta un rapporto al vicedirettore della CIA Harlan Whitford (Sam Shepard). Whitford ringrazia Weston per il suo rapporto e dà seguito alla promessa di Barlow di una promozione offrendogli di diventare un agente senior. Tuttavia, chiarisce anche che cancellerà dal rapporto ogni riferimento alle malefatte di Barlow, in modo che l’informazione non trapeli. Secondo Whitford, “la gente non vuole più la verità, amico. È troppo incasinata. Li tiene svegli la notte“.

Ma dopo il suo calvario, Weston ha imparato ad apprezzare la verità. Per tutto il film si trova in un mare torbido di bugie e spesso non riesce a capire quale sia la strada giusta. Quando Whitford cerca di coprire la situazione, è il momento finale di chiarezza. Weston sa che, se continuerà a lavorare per la CIA, perderà completamente la speranza di una vita onesta. Alla fine, comincerà a credere a tutte le bugie che racconta a se stesso e agli altri per mantenere la farsa, proprio come aveva avvertito Frost.

Tuttavia, dice un’altra bugia. Quando Whitford chiede a Weston del microchip, questi dice al vicedirettore di non essere al corrente di nulla. Ma dopo aver lasciato l’incontro, Weston fa trapelare i file ai media. La mossa lo mette in una posizione precaria, ma almeno è una posizione in cui ha il controllo della verità.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

UFO Sweden trama film

UFO Sweden: tutte le curiosità sul film di fantascienza

Anche la Svezia hai suoi film sugli alieni, come UFO Sweden, diretto da Victor Danell a partire da un’idea del gruppo Crazy Pictures in...
- Pubblicità -