Split: l’inquietante processo penale che ha ispirato il film

-

Se la rappresentazione mostruosa e soprannaturale del Disturbo Dissociativo dell’Identità (DID) di M. Night Shyamalan nel secondo capitolo della trilogia di Unbreakable, Split, è oggetto di controversie, il suo racconto acquista più senso se si considera il processo giudiziario realmente avvenuto che ha ispirato il personaggio e la storia. Dopo il rapimento di tre ragazze adolescenti, Split esplora il DID attraverso l’inquietante personaggio di Kevin Wendell Crumb (James McAvoy). I parallelismi tra i dettagli del personaggio di Kevin e il caso giudiziario di Billy Milligan sono confermati da Shyamalan, che fin dagli anni ’90 si era ispirato a un romanzo, The Minds of Billy Milligan.

Billy Milligan commise crimini orribili di rapina, rapimento e stupro e fu rilasciato come innocente dal sistema giudiziario della fine degli anni ’80. È la prima persona che ha usato l’infermità mentale sulla base del DID come difesa, e la prima persona che ha ricevuto il verdetto di non colpevolezza per questo motivo. Sebbene nel mondo di oggi sia molto più difficile essere assolti sulla base di problemi di salute mentale, le premesse di questo caso giudiziario catturano ancora oggi l’attenzione del pubblico.

Split (qui la recensione) è una delle tante opere che si ispirano al caso Milligan, ma non si tratta in alcun modo di una ricostruzione dei veri eventi, bensì di un racconto di fantasia che contiene resti del caso reale e che viene portato in vita dalla vasta gamma di talenti dell’attori McAvoy e dallo stile idiosincratico e pieno di colpi di scena di M. Night Shyamalan.

M. Night Shyamalan si è sempre ispirato alla DID

Il film di Shyamalan ha come protagonista James McAvoy nei panni di Kevin, un uomo diviso da 23 personalità, con la ventiquattresima che non vede l’ora di essere portato alla luce. Split inizia come un tradizionale film di rapimento, poi si addentra nel regno scientifico e infine si conclude con una nota soprannaturale. Pur mantenendo l’orrore psicologico di fondo, l’esplorazione più approfondita della DID avviene a metà del film, quando le caratteristiche uniche degli alter ego influenzano la loro personalità e la loro fisicità.

Sebbene il finale stravagante venga percepito come uno sfruttamento dello stigma negativo che circonda la DID, si scopre che Shyamalan è stato incuriosito da questa condizione fin dagli anni ’90. In un’epoca in cui la maggior parte delle persone non credeva alla sua esistenza, Shyamalan era un convinto sostenitore del disturbo, e ha spiegato al The Straits Times che: “Coloro che ne sono affetti lo nascondono costantemente – non vogliono essere scoperti perché sanno che non li vedi come sono, quindi è super affascinante e toccante“. Era particolarmente interessato agli effetti fisici della DID, dove un alter ego poteva avere il diabete e richiedere iniezioni di insulina, mentre un altro poteva essere perfettamente sano, un’idea che è stata tradotta nel film attraverso le condizioni di salute individuali di ciascuno degli alter di Kevin.

Da quando ha saputo che il regista di Titanic, James Cameron, aveva intenzione di girare un adattamento di The Minds of Billy Milligan, che poi non è andato in porto, Shyamalan si è ripromesso di realizzare il film un giorno. Secondo The Strait Times, iniziò a scrivere la sceneggiatura nel 2001, ma avrebbe prodotto il film solo 15 anni dopo. Dopo anni di ricerche meticolose, perfezionamenti e scelte di casting attentamente ponderate, Shyamalan ha finalmente realizzato il progetto dei suoi sogni nel 2016, aggiungendo ovviamente il suo tocco poco ortodosso.

Quali sono stati gli eventi reali che hanno ispirato “Split”?

storia vera che ha ispirato Split

Il personaggio di Kevin è di fantasia, ma la sua creazione è stata ispirata da una persona realmente esistita che ha creato una pietra miliare nell’aula del tribunale ottenendo il verdetto di non colpevolezza grazie alla DID. Milligan fu inizialmente arrestato nel 1977 per rapina, rapimento e stupro di tre donne. Tuttavia, durante una perizia psichiatrica, rivelò di essere affetto da DID e che era stato uno dei suoi 24 alter ego a commettere i crimini. Dopo un anno, fu sottoposto a rigorose valutazioni da parte di 9 diversi professionisti della salute mentale, tra cui la famosa Cornelia Wilbur che scrisse un romanzo, Sybil, che raccontava la vita di una persona affetta da DID che in seguito confessò di essersi inventata tutto. Nel 1978, Milligan fu assolto dai suoi crimini e internato in un ospedale psichiatrico.

Molti fattori contribuirono alla diagnosi di Milligan, dalle dichiarazioni dei testimoni alla sua storia di trauma. Gli agenti di polizia che avevano interagito con lui avevano notato che a volte dava l’impressione di “cambiare personalità” e i resoconti dei testimoni comportamentali spesso indicavano discrepanze nella sua personalità: una vittima affermava che Milligan era un tipo dalla parlantina dolce, mentre un’altra diceva che aveva un accento rude. Inoltre, Milligan aveva una storia di presunti abusi sessuali da parte del patrigno, che ha sempre negato, ed era stato ricoverato in una struttura psichiatrica quando era più giovane. Gli fu diagnosticata la cosiddetta “nevrosi isterica”, che comportava molti sintomi dissociativi in linea con la DID.

Dopo 8 anni di ricovero, Milligan fuggì dall’ospedale psichiatrico dell’Ohio centrale, ma fu riportato indietro nel giro di un anno. Tuttavia, non molto tempo dopo, nel 1988, fu ritenuto non pericoloso per la società e fu rilasciato. Milligan è morto nel 2014 di cancro all’età di 59 anni. Durante tutti questi anni, i media hanno dato grande risalto al caso, in particolare il Columbus Monthly, il New York Times e il Los Angeles Times. Ancora oggi, Milligan rimane nello spazio pubblico attraverso documentari, romanzi, film e programmi televisivi.

Oggi Billy Milligan sarebbe dichiarato innocente?

Sebbene il caso giudiziario di Milligan sia stato il primo del suo genere, la psicologa forense Johnston ritiene che non abbia creato un precedente per i futuri tentativi di usare la DID come difesa in tribunale. Spiega che la “via dell’infermità mentale” è generalmente molto più difficile da percorrere al giorno d’oggi, poiché ora esiste una distinzione tra salute mentale e carattere. Gli avvocati e i periti psichiatrici devono ora dimostrare un legame diretto tra la salute mentale del colpevole e le sue azioni. Deve esserci la prova che le sue azioni sono dovute ai sintomi della sua condizione mentale, altrimenti è semplicemente un caso di “questa persona ha commesso un crimine violento e ha una malattia mentale”. Questo è accaduto nei casi di Tom Bonney, che ha sparato alla figlia 27 volte e ha cercato di usare il suo DID come difesa, ma ha fallito, o di Kenneth Bianchi, soprannominato lo “Strangolatore di Hillside”, che ha mentito sul fatto di avere il DID.

Per questo motivo, anche se la scelta di Shyamalan come materiale di partenza è oggetto di controversia, questo caso bizzarro è rimasto saldamente all’attenzione dell’opinione pubblica per oltre 50 anni. Il caso di Milligan è apparso non solo nel romanzo che ha ispirato Shyamalan ma anche nella docuserie di Netflix Monsters Inside: The 24 Faces of Billy Milligan, e ora in The Crowded Room del 2023, dove Tom Holland interpreta proprio Milligan. Poiché al giorno d’oggi è improbabile che un imputato si dichiari non colpevole in questo modo, il caso viene continuamente rilanciato dai media. Pertanto, le peculiarità di questo caso miliare sembrano resistere alla prova del tempo.

Quanto è accurato “Split” rispetto alla storia vera?

I dettagli del caso Milligan si riflettono direttamente nella caratterizzazione di Kevin in Split, ma Shyamalan si è chiaramente preso delle libertà creative. Entrambi hanno rapito tre giovani donne. Tuttavia, Kevin non le ha mai aggredite sessualmente e ha invece ucciso due delle donne, lasciando Casey (Anya Taylor-Joy) come unica sopravvissuta. Attraverso la storia di Casey sullo zio violento, apprendiamo che anche Kevin era traumatizzato e perseguitato dalla sua infanzia, proprio come Milligan. Sebbene le cause del DID siano in gran parte meno conosciute e conoscibili, è associato al fatto che si tratta di un meccanismo di coping in reazione a un trauma. Tuttavia, la somiglianza più evidente è che entrambi hanno 24 alter ego. Questa è anche la più grande divergenza rispetto al caso Milligan: mentre entrambi hanno alter ego violenti, Kevin ne ha uno segreto che possiede capacità soprannaturali.

Sebbene siano stati utilizzati dettagli reali per abbellire la narrazione di Split, Shyamalan doveva comunque fare una scelta di casting difficile. Per questo motivo, la scelta di McAvoy ha reso il film completamente credibile. L’avvincente interpretazione di McAvoy è stata una masterclass di versatilità, in quanto ha incarnato personaggi di età, sesso e personalità diverse e, soprattutto, è riuscito a passare da uno all’altro senza soluzione di continuità. Dalla giocosità della giovane Hedwig, all’angoscia di Kevin, alla ferocia della Bestia, McAvoy ci tiene sulle spine in ogni momento del film. Sebbene ci sia qualcosa da ridire sulla controversa rappresentazione finale della DID nel film di Shyamalan, il caso di Milligan continua a catturare l’immaginazione del pubblico ancora oggi.

SPLIT in streaming è disponibile sulle seguenti piattaforme:

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -