Joker recensione film

Chi lo avrebbe mai detto, quando venne annunciato il progetto, che quel regista di commedie sopra le righe, tale Todd Phillips, potesse essere in grado di realizzare un film serio su Joker. Eppure, non solo il regista della saga di Una Notte da Leoni ha fatto un gran bel film, ma lo ha anche portato alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, vincendo il Leone d’Oro.

 

Todd Phillips, con la fiducia affidatagli dalla Warner Bros, ha abbattuto un grande muro, realizzando un film che a buon diritto si colloca nella storia del cinema, non solo per alcuni pregi oggettivi che offre, oltre i gusti personali, ma soprattutto perché un “cinecomic” per la prima volta nella storia, ha vinto il premio più importante ad un festival di cinema, ad una mostra d’arte cinematografica.

E così non solo il genere che ha dominato il mercato cinematografico degli ultimi dieci anni è approdato anche ai festival, dopo aver vinto anche agli Oscar con Black Panther (ma molto prima anche con Il Cavaliere Oscuro e con Suicide Squad), ma anche la Mostra si conferma un luogo dove il cinema di genere continua a essere valorizzato e premiato, magari evitando i circuiti di cinema più ricercati e dando uno sguardo privilegiato a un cinema che parla lingue molto note.

Dopo un film di mostri (La forma dell’acqua) e un film prodotto da una piattaforma streaming per la visione domestica (Roma), la Mostra di Venezia premia i fumetti, i suoi cattivi, i suoi incubi ma soprattutto l’archetipo che da sempre fa da base alla grande letteratura, di cui il fumetto fa parte. Perché se è vero che il film di Phillips racconta la storia non detta dietro alle origini di Joker, si presenta prima di tutto come un paradigma, un’oscura storia di discesa nella follia.

La giuria presieduta da Lucrecia Martel, che tanto aveva fatto discutere in apertura di Festival per la questione “morale” legata a Polanski e alla sua presenza nel concorso, ha poi assegnato al regista polacco il premio speciale della giuria Leone d’argento, riconoscimento prestigioso che, oltre ogni scelta “politica”, potrebbe rappresentare anche una vittoria dell’artista sull’uomo Roman.

L’Italia torna a casa con ben due film premiati su tre in concorso, la Coppa Volpi a Luca Marinelli per Martin Eden, di Pietro Marcello, e il premio speciale della Giuria al folle, grottesco e tragico La Mafia non è più quella di una volta, di Franco Maresco. Se nel primo caso il premio sembrava essere stato messo in cassaforte da Phoenix per Joker, il regolamento impedisce al film vincitore del Leone d’Oro di ricevere altri premi, e così si è aperto uno spiraglio per Marinelli, che comunque ha offerto una buona prova d’attore per l’adattamento da Jack London. Forse più misterioso è il premio a Maresco, alla luce del fatto che il documentario, ambientato a Palermo, è strettamente legato alla storia locale/nazionale, e risulta quindi insolito che una giuria internazionale sia riuscita a capirlo ed apprezzarlo, e forse il merito è un pochino anche di Paolo Virzì, che in giuria avrà spezzato più di una lancia in favore del bellissimo film di Franco.

E se è vero che il Palmares di Venezia ha pochi premi da assegnare (otto su 21 film in concorso), è quantomeno misteriosa l’assenza trai film riconosciuti di Storia di un Matrimonio di Noah Baumbach e di Ema di Pablo Larrain, esempi diversissimi di un cinema che guarda alla realtà e la racconta con audacia e autenticità.

Il trionfo di Joker però dice anche un’altra cosa, ovvero che ancora una volta, come accade ormai da diversi anni, la Mostra di Venezia può già preparare i bagagli e partire per Los Angeles, dove, agli Oscar, c’è un posto d’onore destinato a lei e ai film che, in Laguna, ricevono il loro battesimo.

Venezia 76: tutti i vincitori