Questa settimana al cinema è all’insegna della musica. Due infatti i live in programmazione: dei leggendari Queen e del rocker nostrano Vasco Rossi. Ai quali si aggiunge una vasta scelta di lungometraggi di svariato genere.

 

Partiamo da martedì 20, quando andrà in scena sui grandi schermi Hungarian Rhapsody – Queen Live in Budapest. Il 27 luglio 1986 i Queen, nel pieno del successo del loro Magic Tour (l’ultimo a cui prenderà parte Freddie Mercury), sono protagonisti di uno dei più grandi concerti mai tenuti in uno stadio, davanti ad 80mila fan. La cornice è quella del Nepstadium di Budapest: le autorità ungheresi, consapevoli della straordinarietà dell’evento, mettono a disposizione un dispiegamento di cameraman e tecnici senza precedenti per quello che è il primo concerto di una band occidentale oltre la cortina di ferro, tre anni prima della caduta del Muro di Berlino.

Passiamo a giovedì 22, dove troviamo l’altro concerto sopracitato: Vasco Live Kom 011, mitico concerto del Blasco dello scorso anno allo Stadio San Siro.

Ci sara’, come detto, anche il ritorno di Dario Argento e dell’intramontabile Conte Dracula con Dracula 3D. La vista di una fotografia esposta a casa di Lucy, che ritrae Mina e Jonathan Harker, sposi felici nel giorno delle nozze, è la molla che fa scattare la furiosa bramosia del Conte Dracula, che rivede in Mina la reincarnazione della sua amata, Dolingen De Gratz, morta piu` di 400 anni prima. Con l’ausilio delle sue adepte Lucy e Tania, il Conte Dracula riesce a condurre Jonathan Harker e sua moglie nel proprio castello, con la promessa di un lavoro. Ma le reali intenzioni del Conte appaiono subito evidenti: ricongiungersi con il suo eterno amore Dolingen/Mina, eliminando qualsiasi ostacolo glielo impedisca. Inizia cosi` un vorticoso intreccio di violenza, inganno e passione, che sconvolge gli equilibri del piccolo villaggio di Passo Borgo.

Un mostro a Parigi è invece un film di animazione prodotto in Francia. In una serata particolare, Raoul, accompagnato da Emile, si reca per una consegna al laboratorio di un eccentrico scienziato all’interno di un enorme giardino botanico custodito, in assenza del professore, dal suo assistente: una scimmia di nome Charles. Curiosando tra sieri e provette, Raoul innesca accidentalmente un miscuglio tra un fertilizzante instabile e una miscela che agisce sulle corde vocali dando così vita inconsapevolmente ad una mostruosa creatura dalla voce soave che altri non è che una piccola pulce ingigantita dalla reazione chimica seguita alla grande esplosione nel laboratorio.

Un thriller poliziesco è invece End of Watch – Tolleranza Zero, scritto e diretto da David Ayer. La storia si concentra su due poliziotti, che oltre ad essere colleghi, sono anche migliori amici.

A proposito di ritorni, c’è anche il quarto capitolo della saga “low budget” e “casareccia” inaugurata nel 2007 con Paranormal Activity: Paranormal Activity 4. Alla regia troviamo ancora una volta Henry Joost e Ariel Schulman.

Veniamo ai due film drammatici. Il Sospetto è diretto dall’anticonvenzionale regista di Festen, Thomas Vinterberg. Mads Mikkelsen è un quarantenne accusato di pedofilia dalla sua comunità in una piccola cittadina danese, dove circostanze minime scateneranno l’isteria collettiva. L’uomo dovrà lottare per riottenere dignità e fiducia.

L’altro, nostrano, è E la chiamano estate. Dino e Anna sono una coppia di quarantenni. Si amano intensamente ma la loro non è una relazione convenzionale: tra loro non c’è mai stato un rapporto fisico. Dino si è sottratto a questo, come se dentro di lui ci fosse una scissione netta e dolorosa tra eros e amore. Tormentato per non riuscire a vivere con Anna tutte le esperienze di un rapporto d’amore, Dino non è in grado di accettare l’aiuto di nessuno, nemmeno del suo psicologo, e il suo malessere si esplicita in un comportamento estremo che lo porta ad avere compulsivi rapporti sessuali con prostitute.

Concludiamo con una commedia tipicamente italiana, che ci da’ gia’ un assaggio del Natale: Il peggior Natale della mia vita. Il film racconta le avventure tragicomiche di Paolo (Fabio De Luigi): mancano tre giorni al Natale e Paolo, che non ha ancora la patente, sta guidando la sua nuova mini-car per raggiungere sua moglie Margherita (Cristiana Capotondi), al nono mese di gravidanza, e i suoi suoceri Giorgio (Antonio Catania), e Clara (Anna Boniauto) al castello di Alberto Caccia (Diego Abatantuono) dove sono stati invitati a passare le vacanze di Natale. Lì c’è anche la figlia di Alberto Benedetta (Laura Chiatti), anche lei incinta. Ma una tormenta di neve lo coglie in flagrante e i disastri per il povero Paolo, che nemmeno il Natale riesce a rendere meno inopportuno, cominciano fin da subito. Per Paolo combinare catastrofi sembra quasi il suo lavoro e anche questa volta riuscirà a dare il meglio di se.. mentre fuori continua a cadere la neve.