Inserite nel lungo profilo dedicato dal New York Times a Paul Rudd, le dichiarazioni di Kevin Feige sul futuro dell’attore nel MCU lasciano intendere che ci sia ancora molto da raccontare su Scott Lang aka Ant-Man nelle prossime fasi dell’universo cinematografico. Vi ricordiamo che dopo l’assenza “giustificata” in Infinity War, il personaggio è tornato protagonista in Avengers: Endgame.

I pezzi degli scacchi sono stati disposti in modo preciso dopo Endgame“, ha dichiarato il presidente dei Marvel Studios, “Gli eroi che sono fuori dal tabellone sono anche fuori dal quadro, mentre quelli che sono ancora dentro…beh, non si sai mai.

Questo significa che Ant-Man è ancora in gioco e che nonostante il mancato annuncio ufficiale del terzo capitolo standalone ci siano ottime possibilità di rivederlo in azione? Il commento di Feige lascia aperta una finestra sulla Fase 5, in cui gli sceneggiatori potrebbero esplorare il rapporto tra Scott e Cassie, la figlia ormai adolescente ritrovata cinque anni dopo la Decimazione…

Leggi anche – Ant-Man 3 si farà? Ecco la risposta di Michael Douglas

L’ultimo film del franchise, Ant-Man and The Wasp, ha visto Scott Lang (Paul Rudd) alle prese con le conseguenze delle proprie scelte come Supereroe e come padre, dopo Captain America: Civil War. Mentre lotta per ritrovare un equilibrio tra la sua vita famigliare e le responsabilità di Ant-Man, viene chiamato da Hope van Dyne e il Dr. Hank Pym per intraprendere una nuova missione: salvare Janet van Dyne persa nel Regno Quantico.

Scott deve quindi indossare di nuovo i panni di Ant-Man e imparare a combattere al fianco di Wasp, pur cercando di rispettare gli arresti domiciliari. Il tutto mentre si impegna a dare una mano all’amico Luis (Michael Peña), tenendosi pronto a combattere un nuovo nemico, Ghost (Hannah John-Kamen), e il suo alleato Bill Foster (Laurence Fishburne).

Fonte: New York Times

Loading...