leonardo dicaprio C'era una volta a... Hollywood Once Upon a Time in Hollywood

Dopo il trionfo di ieri nella Grand Lumiere del Palais du Festival a Cannes 2019, con ben 7 minuti di applausi, come riportano i giornali, cominciano ad arrivare le prime impressioni e recensioni di C’era una volta a Hollywood, il nuovo film di Quentin Tarantino, attesissimo da tutto il mondo di appassionati di cinema.

Di seguito, vi riportiamo alcuni commenti dei colleghi che sulla croisette sono riusciti a vedere il film:

Luca Liguori – Muvieplayer:

“… l’impressione che si ha è che per una volta Tarantino più che concentrarsi sulla sceneggiatura vera e propria, abbia riversato tutto il suo interesse e il suo talento soprattutto sulla (ri)costruzione di set, ambienti e film, veri e fittizi, della Hollywood che fu.”

Pierpaolo Festa – Film.it:

“La parola giusta per definire il nono film di Tarantino è: “tenero”. Violento certamente, pieno di humour senza dubbio. Tenero è il termine che rimane in pole position. Un monumento d’amore per l’era in cui il regista è cresciuto (lui è del 1963, aveva sei anni all’epoca in cui è ambientato il film). Tenero anche perché al centro di tutto c’è una storia di amicizia: quella tra l’attore in crisi Rick Dalton (Leonardo DiCaprio) e il suo stuntman Cliff Booth (Brad Pitt), con il primo che definisce il secondo “molto più che un fratello e poco meno di una moglie”. “

Federico Gironi – ComingSoon.it:

“Tarantino dimostra di essere sempre meno interessato allo stile brutale che l’ha reso famoso, ma che comunque continua a citare e omaggiare di continuo, nelle pieghe e nella forma del suo racconto, i film che ama. E qui conferma di essere sempre più lanciato verso un cinema che sia puramente teorico rispetto a sé stesso e alla sua storia.”

Giuseppe Grossi:

“Quentin Tarantino si affida a una coppia emblematica di uomini complementari per descrivere una volta per tutte il potere contraddittorio del cinema. Una dimensione parallela in cui è facile perdersi, alienarsi, annacquare i dispiaceri della vita in una futile distrazione. Oppure tutto l’opposto. Un luogo in cui creare miti, icone e grandi film in cui condensare il meglio di cui non siamo capaci nella nostra vita miserabile.”

Antonio M. Abate – cineblog:

“Col tempo Tarantino pare esserci addolcito, per così dire, e questo, che è sicuramente il suo film più avulso da tutto il resto, non un figlio illegittimo ma quello diverso, magari più dotato – e forse anche per questo c’è chi farà fatica ad accettarlo – ne è la prova. Lo è non solo nell’esecuzione ma anche nelle conclusioni, in quel revisionismo ottimista che offre un briciolo di speranza, aprendo uno spiraglio che fin qui non si era mai avvertito, di certo non con questa intensità.”

Cannes 2019: Tarantino chiede di non spoilerare C’era una volta a Hollywood

Le prime immagini del film hanno suggerito che Tarantino e la sua troupe – tra cui la costumista Arianne Phillips (Kingsman) e la scenografa Barbara Ling (Ho cercato il tuo nome) – stiano davvero cercando di ricreare il “look and feel” del 1969.

La storia si svolge a Los Angeles nel 1969, al culmine di quella che viene chiamata “hippy” Hollywood. I due protagonisti sono Rick Dalton (Leonardo DiCaprio), ex star di una serie televisiva western, e lo stunt di lunga data Cliff Booth (Brad Pitt). Entrambi stanno lottando per farcela in una Hollywood che non riconoscono più. Ma Rick ha un vicino di casa molto famoso…Sharon Tate.

Nel cast anche Damian Lewis, Dakota Fanning, Nicholas Hammond, Emile Hirsch, Luke Perry, Clifton Collins Jr., Keith Jefferson, Timothy Olyphant, Tim Roth, Kurt Russell e Michael Madsen. Rumer Willis, Dreama Walker, Costa Ronin, Margaret Qualley, Madisen Beaty e Victoria Pedretti. Infine Damon Herriman sarà Charles Manson.

Il film sarà anche l’ultima apparizione cinematografica di Luke Perry, morto lo scorso 4 marzo. L’uscita nelle sale di C’era una volta a… Hollywood è fissata al 9 agosto 2019.

Loading...