Todd Phillips è tornato a commentare la notizia sul presunto sequel di Joker e sul suo ritorno dietro la macchina da presa insieme a Joaquin Phoenix, protagonista del film campione di incassi al box office e vincitore del Leone d’oro alla recente Mostra di Venezia.

 

Negli ultimi giorni infatti, diverse testate americane come Deadline, Hollywood Reporter e Variety sembravano aver confermato l’avvio del progetto al quale avrebbe lavorato il regista e che Phillips, in seno alla Warner Bros., avrebbe firmato un altro titolo legato all’universo dei fumetti DC, opzionando i diritti di un personaggio.

La smentita è arrivata poche ore dopo, spiegando che “non c’è stata alcuna seria discussione in merito. Non c’é nessun accordo con Joaquin e non c’è neanche un accordo con me e lo sceneggiatore.”

Queste invece le parole del regista in una chiacchierata con Indiewire:

Ecco la vera verità sul sequel. Io Joaquin e ne abbiamo parlato, mentre giravamo per il mondo con i dirigenti della Warner Bros tra Toronto, Venezia e altre città, e ovviamente ci siamo seduti a cena chiedendoci se avessimo pensato a qualcosa…Ma per quanto riguarda i contratti, non c’è niente di concreto per noi nemmeno per scrivere il sequel, e non hanno nemmeno contattato Joaquin per essere nel film. Accadrà? Ancora una volta, penso che l’articolo sia stato nel migliore dei casi anticipatorio.

Joker, Todd Phillips sul sequel: “Nessun accordo con me o Joaquin Phoenix”

Joker vede nel cast Joaquin Phoenix, Zazie BeetzFrances ConroyBrett CullenDante Pereira-OlsonDouglas Hodge e Josh Pais ed è arrivato nelle sale il 4 ottobre 2019.

Contrariamente alle altre apparizioni del personaggio nei Batman di Tim Burton, nella trilogia del Cavaliero Oscuro di Christopher Nolan e in Suicide Squad, il film è ambientato negli anni Ottanta e racconta l’evoluzione di un uomo ordinario e la sua trasformazione nel criminale che tutti conosciamo.

Ho amato il Joker di The Dark Knight, e anche quello di Jared Leto di Sucide Squad che è venuto dopo, così come il ritratto di Jack Nicholson“, ha dichiarato Phillips parlando dei possibili riferimenti alle vecchie versioni del clown principe del crimine e dell’eredità che il suo Joker si porta dietro.

Negli Stati Uniti, i fumetti sono il nostro Shakespeare, e come esistono varie versioni dell’Amleto, così noi potremmo offrire varie versioni di Joker in futuro.” “Onestamente non riusciamo ancora a credere alla vittoria di Venezia. Ci vorrà del tempo per realizzare“, ha commentato il regista nell’intervista con Variety.

Joker: rivelato il destino di Sophie in una scena tagliata

Fonte: Indiewire