Le continue modifiche alla sceneggiatura e i numerosi reshoot hanno provocato più di un problema di forma e contenuto a X-Men: Dark Phoenix, conclusione del franchise che sembra non aver esaudito i desideri dei fan e le aspettative del pubblico. Come già riportato nelle scorse settimane, la versione del film uscita in sala non corrisponde a quella originariamente prevista e il terzo atto è stato riscritto da capo a causa di sovrapposizioni e parallelismi con la trama di un altro cinecomic uscito di recente (forse Captain Marvel, suggeriscono più fonti).

 
 

Tra le scene escluse ci sarebbe l’attacco di un esercito alieno alla sede delle Nazioni Unite di New York, che tra l’altro veniva mostrato nel trailer, e l’arrivo sulla Terra di una flotta navale che somigliava in modo evidente a quella vista in Captain Marvel. E proprio come nella pellicola dei Marvel Studios, Jean Grey avrebbe utilizzato i suoi poteri cosmici per distruggere le navi del nemico. A quanto pare l’epico terzo atto non è stato ben accolto nelle proiezioni di prova e lo studio ha deciso di sostituirlo con la battaglia del treno.

Un altro dettaglio emerso sulla versione originale di Dark Phoenix è la presenza di Olivia Munn nei panni di Psylocke e di diversi personaggi apparsi in X-Men: Apocalisse. Con loro sarebbero apparsi anche gli Shi’ar, una razza aliena immaginaria dell’universo Marvel che come gli Skrull e i Kree abitano un impero vastissimo e tecnologicamente avanzato. Jessica Chastain invece, che nel film interpreta una creatura in grado di assorbire i poteri della Fenice, doveva effettivamente interpretare Lilandra, la sovrana degli Shi’ar.

X-Men: Dark Phoenix, la recensione

CORRELATI:

X-Men: Dark Phoenix è stato descritto dal regista Simon Kinberg come l’inizio di un nuovo capitolo per la serie di film di X-Men. “Lo vedo come un nuovo capitolo. Lo vedo come qualcosa che prende il franchise e lo lancia in una direzione diversa con toni diversi. E questo non significa che il prossimo avrà lo stesso tono, significa solo che il prossimo può avere un tono diverso. Penso che per molti anni, gli X-Men di Bryan [Singer] abbiano davvero trasformato il genere dei supereroi nel 2000 o 2001 quando è uscito il primo. Questo arriva quasi 20 anni dopo. È molto tempo fa. E a quel tempo, i film sui supereroi non erano molto popolari, in realtà. C’erano stati alcuni fallimenti a metà degli anni ’90, e non c’erano stati molti film sui supereroi,  e in quel periodo l’approccio sugli X-Men era davvero rivoluzionario.”

Scritto e diretto da Simon Kinberg, X-Men: Dark Phoenix il nuovo episodio è interpretato da  Sophie TurnerJames McAvoyMichael FassbenderJennifer LawrenceNicholas Hoult, Tye Sheridan, Alexandra Shipp e Jessica Chastain.

Il film arriva nelle nostre sale il 6 giugno.

Leggi anche – X-Men: Dark Phoenix, il cameo dei fumetti che nessuno ha notato

Fonte: CBM