x-men: dark phoenix

Puntare i riflettori sulla protagonista Jean Grey e sulla squadra di Mutanti che dal 2011 occupa un posto di rilievo all’interno del franchise non ha impedito ai realizzatori di inserire un piccolo omaggio ai fumetti originali in X-Men: Dark Phoenix sotto forma di cameo. Ma in quanti hanno riconosciuto Dazzler, alter ego di Alison Blair e supereroina che usa la sua voce come strumento di potere?

 
 

In passato abbiamo commesso l’errore di mettere insieme migliaia di personaggi nello stesso film, e non si trattava di semplici cameo ma di ruoli veri e propri.” ha spiegato il regista Simon Kinberg in un’intervista con Cinemablend. “Con Dark Phoenix volevo concentrarmi sulla storia di Jean e fare di questo dilemma il nostro protagonista. Lei è sia l’eroe che il cattivo, e il problema nasce quando perde il controllo sulle persone che le sono più vicine…La famiglia che la circonda, le persone che la amano, stiamo osservando come Jean sia capace di distruggere tutto questo mettendo l’uno contro l’altro“.

A quanto pare Kinberg non voleva complicare eccessivamente la trama con troppe presenze sullo schermo, al contrario degli eventi del fumetto originale sulla Fenice Nera dove diverse fazioni miravano a controllare il potere di Jean, tuttavia includere Dazzler grazie ad un cameo è sembrato il modo migliore per omaggiare la tradizione:

Nell’originale saga di Dark Phoenix ci sono il Club Hellfire, Lilandra e Shi’ar, e molte altre storyline ma l’idea era ridurre il film all’essenziale emotivo e introdurre alcuni cameo. Sono un grande fan di Dazzler dei fumetti e nella scena della festa dei giovani mutanti c’era l’opportunità di far comparire qualcuno che cantava…quindi ho pensato: perché non ora?“.

Leggi anche – X-Men: Dark Phoenix, il finale cambiato per colpa di Captain Marvel?

CORRELATI:

X-Men: Dark Phoenix è stato descritto dal regista Simon Kinberg come l’inizio di un nuovo capitolo per la serie di film di X-Men. “Lo vedo come un nuovo capitolo. Lo vedo come qualcosa che prende il franchise e lo lancia in una direzione diversa con toni diversi. E questo non significa che il prossimo avrà lo stesso tono, significa solo che il prossimo può avere un tono diverso. Penso che per molti anni, gli X-Men di Bryan [Singer] abbiano davvero trasformato il genere dei supereroi nel 2000 o 2001 quando è uscito il primo. Questo arriva quasi 20 anni dopo. È molto tempo fa. E a quel tempo, i film sui supereroi non erano molto popolari, in realtà. C’erano stati alcuni fallimenti a metà degli anni ’90, e non c’erano stati molti film sui supereroi,  e in quel periodo l’approccio sugli X-Men era davvero rivoluzionario.”

Scritto e diretto da Simon Kinberg, X-Men: Dark Phoenix il nuovo episodio è interpretato da  Sophie TurnerJames McAvoyMichael FassbenderJennifer LawrenceNicholas Hoult, Tye Sheridan, Alexandra Shipp e Jessica Chastain. Il film arriva nelle nostre sale il 6 giugno.

X-Men: Dark Phoenix, la recensione

Fonte: Cinemablend