L’arrivo di Black Widow al cinema è ancora lontano, e la speranza è quella che il prossimo novembre riusciremo finalmente a vedere il film con Scarlett Johansson sul grande schermo. Purtroppo, i casi di Covid-19 negli Stati Uniti continuano ad aumentare, quindi fare una previsione su quando le cose torneranno finalmente alla normalità è al momento impossibile.

 

I piani del MCU sono quindi in continua evoluzione (ricordiamo che Black Widow inaugurerà ufficialmente la Fase 4 e che già una volta, proprio a causa della pandemia di Coronavirus, i Marvel Studios hanno totalmente stravolto il calendario delle loro uscite in sala). In una recente intervista con Empire (via CBM), la regista Cate Shortland ha parlato del film e del futuro del personaggio di Vedova Nera nell’universo condivsio.

“Kevin Feige ha capito che il pubblico si sarebbe aspettato una storia di origini; ovviamente, siamo andati nella direzione opposta”, ha spiegato la regista. “E non sapevamo quanto sarebbe stata grandiosa Florence Pugh. Sapevamo che sarebbe stata grandiosa, ma non sapevamo quanto lo sarebbe stata. Scarlett è stata così gentile. Sapeva che le stava consegnando il testimone. Il film getterà le basi per un’altra storyline femminile.”

Black Widow chiuderà in maniera degna la storia di Natasha Romanoff

Ciò sembra confermare le voci che ormai si susseguono da diverso tempo, e ciò che il “mantello” di Vedova Nera passerà ufficialmente a Yelena Belova, e anche se Natasha indossava il suo giubotto in Avengers: Infinity War, la cosa potrebbe essere “giustificata” dal fatto che pensasse che sua “sorella” fosse morta (in realtà era stata presa in custodia dal generale Thunderbolt Ross e reclutata nel suo team).

Naturalmente, per ora si tratta di mere speculazioni, ma appare evidente che Black Widow chiuderà in maniera degna le avventure di Natasha suil grande schermo, come sottolineato anche da Shortland: “In Endgame, i fan erano sconvolti dal fatto che Natasha non avesse avuto un funerale. Eppure, quando ho parlato con Scarlett di questo, è stata lei stessa a dirmi che che Natasha non avrebbe voluto un funerale.”

“È troppo riservata… E comunque le persone non sanno davvero chi sia”, ha continuato la regista. “Quindi, ciò che abbiamo fatto in questo film è stato assecondare il dolore che i singoli individui hanno provato, piuttosto che proporre una celebrazione pubblica. Penso che sia un finale appropriato per lei.”

La regia di Black Widow è stata affidata a Cate Shortland, seconda donna (dopo Anna Boden di Captain Marvel) a dirigere un titolo dell’universo cinematografico Marvel, mentre la sceneggiatura è stata riscritta nei mesi scorsi da Ned Benson (The Disappearance of Eleanor Rigby). Insieme a Scarlett Johansson ci saranno anche David HarbourFlorence Pugh e Rachel Weisz.

In Black Widow, quando sorgerà una pericolosa cospirazione collegata al suo passato, Natasha Romanoff dovrà fare i conti con il lato più oscuro delle sue origini. Inseguita da una forza che non si fermerà davanti a nulla pur di sconfiggerla, Natasha dovrà affrontare la sua storia in qualità di spia e le relazioni interrotte lasciate in sospeso anni prima che diventasse un membro degli Avengers.