Nonostante le teorie dei fan e le apparenti connessioni tra i due progetti, David Harbour ha assicurato che non esiste alcun crossover tra Black Widow e Stranger Things. È doveroso fare un passo indietro…

 

L’atteso cinecomic Marvel e l’amatissima serie Netflix hanno qualcosa in comune: la Russia. In Black Widow, Harbour vestirà i panni di Red Guardian, alter ego di Alexi Shostakov, risposta sovietica a Captain America; le prime immagini della quarta stagione di Stranger Things, invece, hanno rivelato che Jim Hopper – il personaggio interpretato da David – è attualmente detenuto in una prigione russa.

È una coincidenza alquanto bizzarra che Harbour abbia due ruoli nello stesso anno che presentano delle connessioni con la Russia. Proprio per questo motivo, la cosa ha generato una serie di speculazioni tanto tra i fan della Marvel quanto tra i fan della popolarissima serie Netflix: esiste davvero una possibile connessione tra Red Guardian e Jim Hopper? Il film Marvel e la serie Netflix saranno collegati in qualche modo? Ovviamente… no!

In una recente intervista con EW, David Harbour ha negato la possibilità di qualsiasi tipo di crossover tra i due universi, dichiarando: “Lo so, è una coincidenza molto sorprendente e a tratti fastidiosa, e mi scuso con tutto il web. Non c’è alcun motivo per ciò, ve lo giuro. Non ci sono collegamenti tra Stranger Things e l’Universo Cinematografico Marvel.”

L’attore – ironizzando – ha poi aggiunto: “Pensateci bene: ho un aspetto troppo diverso nel film e nella serie. In uno peso 270 kg, ho la barba, i capelli folti e lunghi… nell’altro peso 200 kg e non ho capelli!”

LEGGI ANCHE – Black Widow: il trailer finale mostra nuovi dettagli sulla trama

La regia di Black Widow è stata affidata a Cate Shortland, seconda donna (dopo Anna Boden di Captain Marvel) a dirigere un titolo dell’universo cinematografico Marvel, mentre la sceneggiatura è stata riscritta nei mesi scorsi da Ned Benson (The Disappearance of Eleanor Rigby). Insieme alla Johansson ci saranno anche David HarbourFlorence Pugh, e Rachel Weisz.

CORRELATE: