Doctor Strange nel Multiverso della Follia

Il primo trailer di Doctor Strange nel Multiverso della Follia smentisce una popolare teoria dei fan che la lega al finale di WandaVision. Wanda Maximoff ha realizzato il suo vero potenziale ed è diventata la Scarlet Witch alla fine di WandaVision, ma il suo viaggio ha previsto l’uso dei suoi poteri di deformazione della realtà per fare il lavaggio del cervello a un’intera città. Molti presumevano che gli eventi della serie Disney+ si sarebbero collegati direttamente a Doctor Strange nel Multiverso della Follia, ma il trailer mette presto a tacere questa teoria.

 
 

Dopo che le false affermazioni di Mysterio di provenire da una realtà diversa sono state scoperte alla fine di Spider-Man: Far From Home, il multiverso del MCU è finalmente diventato parte integrante delle trame di Loki e What If…? della Marvel, prima di fare il suo debutto cinematografico in Spider-Man: No Way Home. Dopo aver prevenuto una catastrofe multiversale, Strange lavorerà al fianco di Scarlet Witch e della nuova arrivata America Chavez per evitare un altro cataclisma.

Nel suo dolore per aver perso Pietro, Visione e le sue speranze di un futuro con quest’ultimo, Wanda ha usato i suoi poteri per trasformare una piccola città in una fantasia simile a una sitcom, una vita ideale per lei e suo marito sintezoide. Sebbene Maximoff sia felice per un po’, i suoi poteri rimuovono il libero arbitrio di numerosi innocenti, costringendoli a giocare secondo le sue regole. Alla fine di WandaVision, Maximoff libera la gente di Westview, nel New Jersey, ma molti si aspettavano che le sue azioni attirassero l’attenzione del Dottor Strange. Il trailer di Doctor Strange nel Multiverso della Follia, che è stato presentato in anteprima alla fine di No Way Home, ha visto Strange avvicinare Wanda e le ha detto che non è interessato a discutere dell’incidente a Westview, smentendo la teoria e indicando che ha bisogno del suo aiuto per questioni più inquietanti.

Il dialogo del Dottor Strange con Wanda nel teaser rivela che sa già dell’incidente a Westview, anche se il film probabilmente esplorerà quando e come Strange ne è venuto a conoscenza e perché era assente. Dietro le quinte, Doctor Strange doveva originariamente apparire in WandaVision, ma gli showrunner hanno deciso di non farlo, dando la priorità alla storia di Wanda Maximoff. Strange è stato indirettamente menzionato, tuttavia, poiché Agatha Harkness ha affermato che i poteri della magia del caos di Scarlet Witch erano maggiori di quelli dello Stregone Supremo, un titolo un tempo detenuto da Strange ma ora appartenente a Wong.

Considerando la potenziale scala di Doctor Strange nel Multiverso della Follia e il fatto che un malvagio Strange da un universo alternativo (forse Strange Supreme di What If…?) potrebbe essere l’antagonista principale del film, la versione mainstream di Doctor Strange avrà bisogno di assistenza. I poteri di Scarlet Witch sembrano essere maggiori di quelli di Strange, quindi sarebbe un’alleata inestimabile contro il suo malvagio doppelgänger. Inoltre, la magia del caos di Wanda potrebbe essere ugualmente preziosa per riparare qualsiasi danno venga fatto al multiverso.

Guarda il trailer di Doctor Strange nel Multiverso della Follia

Doctor Strange nel Multiverso della Pazzia vedrà Benedict Cumberbatch tornare nel ruolo di Stephen Strange. Diretto da Sam Raimi, il sequel vedrà anche Wanda Maximoff/Scarlet Witch (Elizabeth Olsen) assumere un ruolo da co-protagonista dopo WandaVision.

La sceneggiatura del film porterà la firma di Jade Bartlett e Michael Waldron. Oltre a Cumberbatch e Olsen, nel sequel ci saranno anche Benedict Wong (Wong), Rachel McAdams (Christine Palmer), Chiwetel Ejiofor (Karl Mordo) e Xochitl Gomez (che interpreterà la new entry America Chavez). Doctor Strange nel Multiverso della Pazzia arriverà al cinema il 4 maggio 2022. Le riprese sono partite a Londra a novembre 2020 e avranno luogo anche a New York, Los Angeles e Vancouver. Nel sequel dovrebbe apparire in un cameo anche Bruce Campbell, attore feticcio di Sam Raimi. Al momento, però, non esiste alcuna conferma in merito.