- Pubblicità -

Da J.K. Simmons a Emma Stone, passando per Bill Nunn e Marisa Tomei, il franchise cinematografico di Spider-Man è stato impreziosito da straordinari talenti davanti alla macchina da presa sin dal suo inizio nel 2002. Tanto i personaggi principali come quelli secondari sono stati interpretati da alcuni degli attori più talentuosi di Hollywood, che ci hanno regalato performance pregne di carica emotiva, rendendo omaggio al fantastico mondo creato da Stan Lee e Steve Ditko.

- Pubblicità -
 

Oltre all’eccezionale cast di supporto, i tre attori che hanno interpretato l’amichevole Spider-Man di quartiere in live-action, Tobey Maguire, Andrew Garfield e Tom Holland, hanno apportato i loro tratti unici all’eroe arrampica-muri e fornito performance memorabili, dunque è difficile stabilire quale delle tre si sia affermata in definitiva come la migliore interpretazione dell’amato supereroe.

Maguire è stato in grado di ritrarre le difficoltà di Peter in modo efficace

Uno dei tratti caratteriali principali della figura di Spider-Man è che semplicemente non può ottenere le cose a modo suo e Maguire brilla quando ritrae i sentimenti contrastanti di frustrazione e accettazione che affliggono Peter davanti alle sfide.

La sequenza di apertura “Pizza Time” di Spider-Man 2 rimane una delle più divertenti introduzioni di film di supereroi di sempre: Peter cerca disperatamente di battere il tempo per consegnare una pila di pizze in modo da poter mantenere il lavoro, oscillando per la città mentre salva eroicamente un paio di bambini per strada. Si intrufola nella sua destinazione attraverso lo sgabuzzino di un custode, ma, nonostante gli sforzi, è in ritardo di qualche minuto. Lo sguardo addolorato sul volto di Maguire dice tutto da sé, mentre accetta tranquillamente il suo destino: il pubblico sa che Peter cerca sempre di fare la cosa giusta, il che rende molto più difficile accettare le sconfitte.

Il ritratto di Maguire aveva la migliore atmosfera da fumetto

Indipendentemente da dove Holland porterà il personaggio, lo Spider-Man di Maguire sarà per sempre ricordato per l’emozionante intrattenimento da fumetto che ci ha regalato: Maguire e Raimi sono riusciti a dipingere Peter come un essere umano credibile che si trova in circostanze straordinarie, e Maguire gioca perfettamente con questo fattore.

Una delle migliori decisioni prese da Raimi è stata quella di permettere di mostrarci l’espressività di Maguire durante le scene cardine di ciascun film. Ogni cattivo – Norman Osborne, Otto Octavius, Harry Osborne, Flint Marko e Eddie Brock – ha un legame personale con Peter e mostrare propriamente Peter (e non solo Spider-Man) che tenta di salvare le loro vite, trasferisce la qualità umana dei fumetti sullo schermo.

Maguire era il miglior Peter Parker

Tobey Maguire Spider-ManAnche se tutti e tre gli attori forniscono una loro specifica versione di come Peter Parker dovrebbe comportarsi nella vita di tutti i giorni, è quella di Maguire che viene ricordata con più affetto. Quando si tratta di delineare il profilo del giovane Peter, i manierismi goffi e impacciati di Maguire sono perfetti e permettono al personaggio di interagire con l’ambiente circostante in maniera estremamente realistica.

Simile ad un Clark Kent maldestro, nessuno sospetterebbe davvero che il Peter di Maguire sia Spider-Man considerando che spesso formula frasi di circostanza, non è sicuro di sé e può essere inaffidabile. Tuttavia, questo è esattamente ciò che Peter vuole e il personaggio in sé richiede: non solo gli permette di trovare un perfetto equilibrio tra le sue due vite, ma garantisce anche che i suoi cari siano al sicuro (cosa estremamente importante per Peter).

Maguire ha catturato l’innata oscurità di Peter

Tobey Maguire fisicoAnche se si tratta di un aspetto caratteriale di Peter affrontato sia dalla versione di Holland che da quella di Garfield, il loro ritratto della componente di oscurità insita nella personalità di Peter non è mai stato altrettanto memorabile o sviluppato come quello messo a punto nei capitoli con Maguire. Che si trattasse di inseguire il “killer” di suo zio, di attaccare ferocemente Sandman e Harry, o di umiliare MJ al lavoro perché aveva rotto con lui, c’era qualcosa di agghiacciante nel modo in cui l’oscurità di Peter spesso lo sopraffaceva.

Ciò che rendeva queste scene ancora più efficaci era il fatto che Maguire scegliesse di pronunciare le sue battute con apparente freddezza e distacco emotivo: in quei frangenti, non era più l’amichevole Spider-Man di quartiere ma qualcuno di completamente diverso. Anche se non è un lato di Spider-Man che molte persone amano vedere, Maguire ha contribuito a renderlo un personaggio più complesso e dinamico.

Garfield ha mostrato un’emotività vulnerabile

Grazie in parte al desiderio del regista Marc Webb di lasciare che le piccole sfaccettature del personaggio emergessero nei suoi film, Garfield è riuscito ad eccellere nell’opportunità di ritrarre l’umanità di Peter attraverso la sua ampia gamma emotiva.

Questo è evidente in The Amazing Spider-Man, dopo che Peter si intrufola nella camera da letto di Gwen ed esprime il suo senso di colpa per la trasformazione del dottor Connors. Qui ci fa capire che sta imparando ad abbracciare la responsabilità di cui aveva parlato suo zio Ben: Garfield conferisce particolare vulnerabilità alla sua performance, che permette al pubblico di comprendere il dolore e il processo di crescita che Peter sta attraversando.

Il ritratto di Garfield era il più realistico

andrew garfield spider-manGarfield aveva già più di vent’anni quando ha indossato per la prima volta la tuta di Spider-Man eppure, nonostante ciò, ha ritratto pienamente l’aspetto e la sensazione suscitate dall’onere di vestire i panni di un supereroe. La performance di Maguire era, a tratti, decisamente più ingombrante e, inoltre, l’attore sembrava più grande dell’età che Peter doveva effettivamente dimostrare; Holland ha certamente l’età giusta e ha il fisico adatto, ma entrambi non sono all’altezza dell’ “alto e snello Garfield“.

Come Peter, Garfield cattura l’essenza dell’adolescente nerd brillante ma socialmente impacciato, che non ha paura di difendere le persone a cui vuole bene; il ritratto di Garfiel porta con sé un’angoscia adolescenziale che appare molto realistica, forse a causa del fatto che era leggermente più grande quando è stato scritturato per il ruolo,

e ha avuto il tempo di maturare una grande introspezione psicologica negli anni della sua adolescenza.

Garfield ha mostrato le migliori capacità attoriali

andrew garfield spider-manAvendo già iniziato a raccogliere il plauso della critica per le sue performance in The Social Network e Non Lasciarmi, Garfield era sicuramente, tra i tre, l’attore con un background più completo, durante la selezione del protagonista Peter Parker. Infatti, la sua interpretazione di Peter e dell’Uomo Ragno non è mai condita da inutili manierismi, né la recitazione appare mai forzata: sembra che stia proprio vivendo i momenti straordinari che Peter sta sperimentando sulla propria pelle.

E’ vero che la recitazione di Maguire funziona all’interno dell’universo esuberante stabilito da Raimi e Holland offre il giusto grado di intensità in battute mirate come “Mr. Stark, non mi sento molto bene“, ma Garfield rivoluziona di continuo il suo ruolo, non dando mai alla scena più di quanto sia necessario e spesso trasmettendo il senso della scena stessa tramite un’ottima espressività facciale. Momenti estremamente emotivi come la rottura di Peter con Gwen o la morte di Gwen dimostrano il tocco semplice ma efficace che Garfield è capace di apportare al personaggio di Peter.

I film di Garfield avevano la migliore storia d’amore

Le trilogie di Raimi e Jon Watts hanno fatto del loro meglio per creare storie d’amore ben sviluppate, ma nessuna è mai stata così emotivamente risonante come quella di Gwen e Peter nei film di The Amazing Spider-Man. Anche se non è stato dedicato poi così tanto tempo al background della coppia, i fan hanno ugualmente imparato ad amare la loro storia d’amore apprezzandone la sentita profondità e le sottotrame coinvolgenti.

Sicuramente un fattore cruciale è stato dato dal fatto che Garfield e Stone mostrassero già una chimica incredibile durante le riprese e la loro relazione ha permesso agli spettatori di conoscere il lato più dolce e romantico di Peter, nelle scene in cui i due scherzavano o cercavano di trovare le migliori soluzioni insieme. Potrebbe non essere finita come il pubblico voleva, ma si può dire che Garfield ci ha messo il cuore e l’anima nelle sequenze fortemente drammatiche alla fine di Amazing Spider-Man 2.

Il rapporto di Garfield con sua zia May è il più autentico

Sebbene la grande chimica di Maguire e Holland con Rosemary Harris e Marisa Tomei abbia giocato un ruolo importante nelle storyline delle loro trilogie, molti fan saranno d’accordo col dire che la dinamica di Garfield e Sally Field ha avuto un impatto molto più profondo nel suo complesso.

Quando si è trattato delle interazioni tra i due, il pubblico ha generalmente creduto che Garfield e Field potessero essere imparentati, in quanto entrambi hanno fornito performance autentiche ed emotive. Mentre Garfield si comportava in modo sarcastico e spiritoso con i criminali o i nemici, faceva esattamente il contrario nelle sue scene con zia May: le parlava in modo rispettoso e calmo, e prendeva sempre in considerazione i suoi pensieri e consigli, regalandoci conversazione sempre autentiche e sincere da ascoltare.

La giovinezza di Holland ha aiutato a plasmare il personaggio

Tom Holland Spider-Man: No Way HomeTra tutti gli attori, Holland esemplifica al meglio l’esuberanza giovanile e adolescenziale di Peter Parker, questo perché era di gran lunga il più giovane dei tre quando è apparso per la prima volta nel ruolo, avendo solo 19 anni in Captain America: Civil War.

Holland riesce benissimo a convalidare l’ignaro shock e lo stupore che un adolescente mostrerebbe quando viene messo in circostanze straordinarie. Nelle sue scene con gli Avengers, è costantemente colpito dalla loro presenza e, quando si impegna in battaglia, offre una serie infinita di battute che mettono in primo piano la sua adrenalina a tratti nervosa: questo atteggiamento ha generato risate assicurate nella sua primissima apparizione come Spider-Man in Civil War, quando combatte contro Bucky, Falcon e AntMan.

La fisicità di Holland ha aiutato a potenziare il ruolo

tom hollandPrima di essere scritturato come terzo attore live-action per interpretare l‘Uomo Ragno sul grande schermo, Holland era già un abile ginnasta e ballerino, cosa che era ansioso di mostrare al team di produzione nella sua audizione; ne consegue che le capacità fisiche di Holland abbiano effettivamente aiutato ad ottenere il ruolo e a plasmarne la conseguente versione di Spider-Man.

Il team dietro agli stunt ha lavorato molto con Holland per dare più credibilità alla parte, permettendogli di cimentarsi in una buona quantità di acrobazie nelle vesti di Spider-Man. Non che Garfield o Maguire non fossero all’altezza della fisicità richiesta dal ruolo, ma Holland incarna indubbiamente la prestanza fisica dell’Uomo Ragno meglio di entrambe le precedenti versioni (il che dovrebbe aiutarlo nelle sue prossime avventure come Nathan Drake nel suo Uncharted in uscita a Febbraio).

La versione di Holland è la più affascinante

spider-manI fan del MCU sono rimasti estasiati quando Sony e Marvel hanno annunciato l’accordo storico per includere Spidey nel MCU: l’annuncio del talentuoso e coi piedi per terra Holland non ha fatto altro che aumentare l’interesse dei fan.

Entrando a gamba tesa in un franchise con attori notevolmente più anziani, Holland ha immediatamente contribuito ad attrarre un pubblico più giovane, col quale è stata favorita una maggiore identificazione rispetto a eroi del calibro di Iron Man, Capitan America o Thor. Inoltre, essere coinvolto nel MCU ha immediatamente aumentato la sua esposizione mediatica e ha apportato una buona dose di carica giovanile in un franchise già fiorente, e l’energia e la genuinità di Holland è diventata fin da subito evidente nelle sue famose interviste con spoiler.

Lo sviluppo del personaggio di Holland

spider-manUn vantaggio che il ritratto di Tom Holland del supereroe Marvel ha avuto rispetto alle altre due versioni, è stata la possibilità di presentare uno sviluppo profondo del personaggio. Anche se non è esattamente colpa di Maguire o Garfield se non hanno avuto tanti film quanto Holland (soprattutto perché non facevano parte del MCU), non è sorprendente che gli spettatori abbiano preferito proprio la versione di Holland, poiché hanno visto esplorare il ruolo in profondità.

Dall’essere un adolescente ingenuo e impulsivo al diventare un giovane maturo e indipendente, il Peter di Holland ci ha regalato l’arco caratteriale più completo. Forse all’inizio non sapeva come gestire la responsabilità di essere un eroe, ma il pubblico ha assistito alla sua crescita e maturazione come uomo e supereroe.

La scrittura ha aiutato l’identificazione con il Peter di Holland

spider-man tom hollandDei tre Spider-Man, quello di Tom Holland ha dimostrato di favorire maggiormente l’identificazione col pubblico, poiché ci sono state rivelate numerose informazioni sulla sua adolescenza e sui conflitti interni che ha dovuto affrontare; anche se i primi film di Raimi e Webb mostrano Peter al liceo, non hanno mai veramente esplorato i problemi che ha dovuto superare da normale adolescente.

Nella versione di Holland, gli spettatori lo vedono combattere quotidianamente per cercare di inserirsi nel nucleo scolastico, pur occultando il suo segreto agli amici. Si assiste anche alla costruzione di una base importante, ovvero l’amicizia fra Peter e Ned, che parlano costantemente dei loro interessi e di cosa faranno nel loro tempo libero (come costruire Death Star coi LEGO). Momenti come questi ricordano al pubblico che Peter è un essere umano esattamente come chiunque altro.

- Pubblicità -