Bombshell – La voce dello scandalo: la vera storia dietro al film

-

L’ormai noto movimento #MeToo ha scosso nel profondo l’industria dello spettacolo e non solo. Relativamente a ciò, sono stati diversi i film che hanno portato sul grande schermo storie di vere molestie o intimidazioni ai danni delle donne. Uno di quelli affermatisi di più, anche per merito del suo cast all star, è Bombshell – La voce dello scandalo (qui la recensione). Diretto da Jay Roach (Ti presento i miei, L’ultima parola) e scritto da Charles Randolph (La grande scommessa), il film affronta un noto scandalo verificatosi ai vertici della Fox e che ha contribuito allo scoppio del movimento poc’anzi citato.

La Annapurna Pictures pose dunque in sviluppo un progetto ispirato a quella vicenda, dando dunque risalto ad un caso rivelatosi poi tutt’altro che isolato. Complice anche la parallela realizzazione della serie The Loudest Voice, con protagonista Russell Crowe e ispirata alla stessa storia, Bombshell non ha però ottenuto i risultati economici sperati, ma ha comunque guadagnato pareri favorevoli da parte della critica oltre ad alcuni prestigiosi riconoscimenti, tra cui l’Oscar al miglior trucco. Meno apprezzate, tuttavia, sono state alcune libertà che il film si è preso rispetto alla vera storia.

Indubbiamente si tratta di un film da recuperare per comprendere meglio tanto il problema esposto quanto il modo in cui questo si riflette sul privato. Prima di intraprendere una visione del film, però, sarà certamente utile approfondire alcune delle principali curiosità relative a questo. Proseguendo qui nella lettura sarà infatti possibile ritrovare ulteriori dettagli relativi alla trama, al cast di attori e alla vera storia. Infine, si elencheranno anche le principali piattaforme streaming contenenti il film nel proprio catalogo.

La trama e il cast di Bombshell – La voce dello scandalo

Il film è basato sul noto scandalo sessuale che ha sconvolto l’America e in particolare l’impero mediatico della Fox New, con a capo Roger Ailes. Proprio quest’ultimo, il cui potere era incontrastato negli uffici della Fox, si vide nel 2016 accusato di molestie da parte di tre donne, tutte di età diverse e con ruoli differenti all’interno della rete televisiva. Si tratta di Megyn Kelly, Gretchen Carlson e Kayla Popisil, le quali stanche di un ambiente di lavoro tossico, riveleranno ciò che serve per far tremare l’azienda. Non però senza subire ripercussioni personali.

Come anticipato, nei panni delle tre protagoniste femminili si ritrovano rispettivamente Charlize Theron, Nicole Kidman e Margot Robbie. Il personaggio di quest’ultima, però, è l’unico a non essere realmente esistente, ma si tratta piuttosto di una combinazione di personalità diverse. Sia la Theron che la Robbie, poi, furono nominate come miglior attrice e miglior attrice non protagonista agli Oscar. Nei panni del potente Roger Ailes si ritrova invece John Lithgow, mentre Malcolm McDowell è Rupert Murdoch. Sono poi presenti anche le attrici Allison Janney nei panni di Susan Estrich e Kate McKinnon in quelli di Jess Carr.

Bombshell - La voce dello scandalo storia vera

Bombshell – La voce dello scandalo: la vera storia dietro il film

La vera storia raccontata in Bombshell ha inizio nel momento in cui Gretchen Carlson, nel 2016, denuncia Roger Ailes, l’amministratore delegato di Fox News. La donna accusa Ailes di averla licenziata in quanto si era rifiutata di cedere alle sue continue avances. L’uomo negò naturalmente ogni accusa, nonostante la Carlson avesse presentato anche ben oltre un anno di registrazioni nascoste che provavano l’accaduto. In seguito alla sua denuncia, però, l’azienda si schiera ugualmente dalla parte di Ailes, per via della forte omertà presente anche tra le dipendenti femminili. A cambiare l’equilibrio di questa sfida, però, subentra Megyn Kelly, la quale si pone dalla parte della Carlson.

Giornalista sulla cresta dell’onda, questa si fa promotrice dell’accusa, rendendola ormai evidente e innegabile. Ailes si trova dunque a dover fronteggiare uno scandalo ormai inevitabile e ben presto oltre venti donne escono allo scoperto per dare la loro testimonianza contro Ailes. Gran parte di queste dipendenti vengono licenziate, ma la Carlson vince la causa e ottiene un risarcimento di 20 milioni di dollari oltre a delle scuse ufficiali. Le viene però chiesto di firmare un documento che le impedisce di parlare della vicenda pubblicamente. Ailes, costretto alle dimissioni, muore poi nel 2017. Secondo le vere protagoniste della vicenda, inoltre, la realtà dei fatti è molto più terribile di come viene mostrata nel film.

Il trailer di Bombshell – La voce dello scandalo e dove vedere il film in streaming e in TV

È possibile fruire di Bombshell – La voce dello scandalo grazie alla sua presenza su alcune delle più popolari piattaforme streaming presenti oggi in rete. Questo è infatti disponibile nei cataloghi di Rakuten TV, Chili Cinema, Google Play, Apple iTunes, Amazon Prime Video e Tim Vision. Per vederlo, una volta scelta la piattaforma di riferimento, basterà noleggiare il singolo film o sottoscrivere un abbonamento generale. Si avrà così modo di guardarlo in totale comodità e al meglio della qualità video. Il film è inoltre presente nel palinsesto televisivo di martedì 28 febbraio alle ore 21:10 sul canale Rai Movie.

Fonte: IMDb, Independent

Gianmaria Cataldo
Gianmaria Cataldo
Laureato in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è un giornalista pubblicista iscritto all'albo dal 2018. Da quello stesso anno è critico cinematografico per Cinefilos.it, frequentando i principali festival cinematografici nazionali e internazionali. Parallelamente al lavoro per il giornale, scrive saggi critici e approfondimenti sul cinema.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Doppia colpa film

Doppia colpa: la spiegazione del finale del film

I film dedicati a casi di scomparsa o di omicidio, che presentano dunque un'indagine da svolgere per determinare cosa realmente sia accaduto, sono sempre...
- Pubblicità -