Ex Machina, la spiegazione del finale: cosa succede ad Ava?

-

Lo scrittore e regista Alex Garland si è fatto un nome nel mondo del cinema di fantascienza. Il suo debutto alla regia, Ex Machina (la nostra recensione), attira ancora l’attenzione. Interpretato da Alicia Vikander, Domhnall Gleeson e Oscar Isaac, il film di A24 ha ricevuto recensioni positive e molti lo hanno definito una versione moderna del Frankenstein di Mary Shelley. Garland non sovverte nemmeno il finale tragico del libro della Shelley: che si tratti di mostri o di robot, non c’è lieto fine per chi gioca a fare Dio.

Di cosa parla Ex Machina?

Caleb Smith (Domhnall Gleeson) è un giovane programmatore che lavora per Blue Book, la più grande società internet del mondo, e che vince un concorso d’ufficio per trascorrere una settimana nella tenuta del suo amministratore delegato, Nathan (Oscar Isaac). Quando Caleb arriva, Nathan gli mostra la sua struttura di ricerca, dandogli una chiave magnetica che gli permetterà di aprire solo alcune porte. Nathan gli rivela di essere stato scelto come componente umano in un test di Turing con Ava, un robot dalle sembianze di una bella donna. Nathan vuole che Caleb determini se pensa che Ava sia davvero in grado di essere cosciente nonostante sappia di essere artificiale.

Durante le loro sessioni insieme, Ava esprime attrazione per Caleb. Rivela di essere dietro a temporanee interruzioni di corrente che spengono il sistema di sorveglianza di Nathan e che, mentre stanno accadendo, possono parlare in privato. Durante un’interruzione, dice a Caleb che Nathan è un bugiardo e non ci si può fidare. Nathan assicura a Caleb che la cotta di Ava per lui è autentica. Caleb scopre poi che Nathan ha intenzione di potenziare Ava, eliminando così i suoi ricordi e la sua personalità attuali.

Quella sera, fa ubriacare Nathan al punto da rubargli la chiave magnetica, permettendogli di accedere alla sua stanza e al suo computer. Trova i modelli senza vita di tutti i robot precedenti e il filmato della loro creazione da parte di Nathan. Kyoko (Sonoya Mizuno), una ragazza giapponese muta che vive con Nathan, è nella stanza. Strappa un pezzo di pelle, rivelando la struttura robotica sottostante: anche lei è un androide. Caleb diventa così paranoico che si taglia il braccio con un rasoio per assicurarsi di essere ancora umano.

oscar isaac ex machina

Al successivo incontro con Ava, durante un’interruzione di corrente, Caleb spiega i piani di Nathan e promette di aiutare Ava a fuggire. Caleb dice che farà ubriacare Nathan di nuovo, poi riprogrammerà il sistema di sicurezza per aprire le porte invece di bloccarle durante un’interruzione di corrente. Quando Ava toglierà la corrente, se ne andranno. Tuttavia, il giorno dopo, Nathan rivela di aver nascosto una telecamera a batteria nella stanza di Ava e di conoscere quindi il loro piano. Nathan dice che Ava ha finto di essere attratta da Caleb perché lui la aiutasse a fuggire. La vera prova era se Ava fosse in grado di manipolare Caleb. Dimostrando di poterlo fare, ha dimostrato di avere una vera coscienza umana.

Ava toglie la corrente e Caleb dice a Nathan di aver sospettato di essere osservato e di aver modificato il sistema di sicurezza il giorno precedente. Vedendo Ava uscire dalla cella, Nathan stende Caleb per cercare di fermarla. Tuttavia, Kyoko lo accoltella. Nathan le spacca la faccia, ma viene poi pugnalato da Ava. Mentre si dissangua, Ava va nella sua stanza e copre il suo corpo meccanico esposto con la pelle artificiale degli altri modelli. Chiude Caleb all’interno della struttura e ignora le sue grida di aiuto mentre scappa. L’elicottero che doveva prelevare Caleb prende invece lei. L’ultima inquadratura la mostra mentre si confonde tra la folla di una città, con un aspetto umano come quello delle persone che la circondano.

Ava si lascia alle spalle morte e tragedia in Ex Machina

Ex Machina

Il fatto che Ava chiuda Caleb all’interno della struttura e lo abbandoni anche quando lui grida aiuto indica che lo stava manipolando fingendo di essere attratta da lui, proprio come aveva detto Nathan. A parte Ava, tutti hanno subito un destino abbastanza tragico. Nathan si sta dissanguando velocemente; anche se è ancora vivo quando Ava scappa, non lo sarà per molto. Anche Kyoko sembra innegabilmente morta. Caleb è illeso ma in trappola.

Non sembra esserci via d’uscita e, anche se riuscisse a fuggire miracolosamente dalla struttura, la tenuta di Nathan si trova nel mezzo di una vasta area selvaggia. L’unica speranza di sopravvivenza per Caleb è che qualcuno si accorga della sua scomparsa. Non ha genitori ed è stato scelto per l’esperimento in parte per la solitudine della sua situazione; sembra quindi che la sua unica speranza sia che i suoi colleghi di lavoro pensino che c’è qualcosa che non va.

Una cosa che Garland ha specificato è che non vuole che il pubblico pensi che Ava sia “solo un freddo robot cattivo che fa fredde cose cattive, invece di empatizzare con lei come un essere senziente che viene trattato in modo irragionevole”. Ha superato il test di Nathan e ha effettivamente una coscienza umana; quindi non è una macchina senz’anima che lascia Caleb a urlare dietro di lei. Ma perché Caleb deve andare incontro al suo destino? Potrebbe aiutare Ava a integrarsi nella società umana: non sarebbe un vantaggio per lei averlo con sé? Ma alla fine la decisione di rinchiuderlo ha un senso strategico.

Nella scena finale, Ava guarda le persone che la circondano in città e non sembra meno umana di loro. Si mimetizza completamente. Il più grande svantaggio che potrebbe avere in questo nuovo mondo, oltre al fatto di non essere abituata, è che la gente sappia che tecnicamente è un robot.

Per esperienza, la menzogna e l’inganno sono la sua forza più grande e possono essere usati abilmente a suo vantaggio. Avere con sé qualcuno che sa qualcosa di lei che gli altri non sanno, le toglierebbe questo vantaggio, anche se l’altra persona sembra animata da buone intenzioni. Inoltre, se le informazioni trapelassero, potrebbero andare a suo svantaggio. Entrambi gli umani con cui Ava ha interagito si sono sentiti in qualche modo padroni di lei perché è un androide.

Con Nathan questo è ovvio: il film stabilisce che lui si vede come una figura divina con un controllo assoluto sulle sue creazioni. Ma anche Caleb inizia a sentire che Ava gli appartiene. In un certo senso, sono stati fatti su misura l’uno per l’altro, con Nathan che sfrutta la solitudine e il bisogno di affetto di Caleb con un robot letteralmente modellato sulle sue preferenze porno.

Che cosa significa esattamente il titolo Ex Machina?

Alicia Vikander ex Machina

Il titolo del film si riferisce a due aspetti del suo finale. Un “deus ex machina” è un espediente della trama; letteralmente, significa “dio dalla macchina” e si riferisce a qualcosa che viene introdotto improvvisamente o inaspettatamente in una situazione apparentemente irrisolvibile, fornendo una soluzione artificiosa a quella situazione.

Ava è intrappolata nel complesso di Nathan senza vie di fuga: una situazione senza speranza. Poi, arriva Caleb. Poiché Caleb è letteralmente il “deus ex machina” che permette ad Ava di fuggire, la donna non lascerà nulla al caso, anche se ciò significa potenzialmente condannarlo a morire. Tuttavia, il titolo ha anche un altro significato.

Il film si chiama semplicemente “ex machina” senza il “deus”. La macchina non ha più un dio: è stato rovesciato. L’ultima scena, che mostra Ava con la sua nuova libertà, richiama alla mente una conversazione tra Caleb e Nathan in cui quest’ultimo dice: “Un giorno le IA ci guarderanno come noi guardiamo gli scheletri fossili nelle pianure dell’Africa. Una scimmia eretta che vive nella polvere con un linguaggio e degli strumenti rozzi, destinata all’estinzione“.

Nella scena finale, Ava sembra guardare gli esseri umani esattamente in questo modo. Stranamente, però, anche quando Nathan parla a Caleb della superiorità degli androidi, continua a vedere se stesso come un dio – e il loro dio in particolare. Ma con tutta la sua genialità, anche Nathan non può evitare di essere superato dalla sua creazione. Essere la prima persona ad aver inventato un’intelligenza artificiale funzionante non fa di Nathan un dio. Tra gli umani forse era speciale, ma in un mondo popolato da I.A.? È solo una scimmia come tante.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -

IN EVIDENZA

ALTRE STORIE

- Pubblicità -