I ponti di Madison County film

Il regista e attore Clint Eastwood ha negli anni abituato il suo pubblico a ruoli da duro con film come Gunny, Una 44 Magnum per l’ispettore Callaghan e Gran Torino. Nella sua lunga filmografia c’è però stato anche spazio per i sentimenti e le fragilità dell’animo umano. Elementi di cui non si credeva che il premio Oscar fosse particolarmente dotato. È per questo che quando nel 1995 ha portato al cinema il film I ponti di Madison County, in molti si sono stupiti nel trovarsi di fronte a qualcosa di completamente nuovo. Da lui diretto e interpretato, questo è ritenuto ancora oggi uno dei suoi migliori lungometraggi.

Si tratta dell’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo, scritto da Robert James Waller e pubblicato per la prima volta nel 1992. Divenuto da subito un vero e proprio best seller, questo è arrivato a vendere oltre 50 milioni di copie in tutto il mondo. Tale opera aveva da subito interessato il regista Steven Spielberg, che si propose come regista. Con il prolungarsi dei tempi di lavorazione, questi preferì però rinunciare al progetto, e il compito di darvi vita passò ad Eastwood, che nel frattempo era stato scelto per interpretare anche il protagonista. Questi, che si era dichiarato particolarmente attratto dalla storia, completò le riprese in soli 42, mantenendo fede alla sua rapidità lavorativa.

I ponti di Madison County, per la sua capacità di parlare ad un pubblico molto variegato, è divenuto in breve uno dei più grandi successi economici della carriera del premio Oscar. A fronte di un budget di soli 22 milioni di dollari, questo arrivò infatti ad incassarne ben 182 in tutto il mondo. Prima di intraprendere una visione del film, però, sarà certamente utile approfondire alcune delle principali curiosità relative a questo. Proseguendo qui nella lettura sarà infatti possibile ritrovare ulteriori dettagli relativi alla trama, al cast di attori, alle differenze tra il libro e il film, e alle frasi più belle. Infine, si elencheranno anche le principali piattaforme streaming contenenti il film nel proprio catalogo.

I ponti di Madison County: la trama del film

Ambientato nello stato dell’Iowa, nel 1965, il film narra la storia di Robert Kincaid, un fotografo che ha girato il mondo per il National Geographic, e Francesca Johnson, una casalinga di origini italiane con una vita fin troppo tranquilla, un marito che non ama più e due figli piccoli da crescere. L’uomo, che si trova lì su commissione per fotografare i famosi ponti coperti non si aspetta minimamente che incontrando la donna la vita di entrambi verrà stravolta per sempre. I due, infatti, sono arrivati a quel punto della vita in cui non ci si aspetta più niente. Eppure, quattro giorni dopo essersi incontrati, non vogliono perdere l’amore che hanno appena trovato. Per poter costruire il loro ponte verso il futuro, però, dovranno prima attraversare quello del passato.

I ponti di Madison County cast

I ponti di Madison County: il cast del film

Come anticipato, ad interpretare il fotografo Robert Kincaid vi è l’attore Clint Eastwood, che ha per l’occasione dato vita ad un personaggio particolarmente ricco di sentimenti e dolcezza. Consapevole di come questo rappresentasse una novità nella sua filmografia, l’attore non voleva esagerare nel mettersi in mostra. Ciò risulta particolarmente evidente quando, nel momento in cui il suo personaggio si trova a piangere in seguito ad una discussione con la protagonista femminile, Eastwood ha scelto di non essere ripreso in volto ma di dare le spalle alla camera. Egli era infatti convinto che ciò avrebbe reso più realistica la scena, sacrificando dunque volentieri un suo intenso primo piano.

Per interpretare la casalinga Francesca Johnson, i produttori avevano intenzione di affidare il ruolo ad un’attrice giovane. Eastwood, però, impose che la parte venisse affidata a Meryl Streep, attrice consigliatagli in particolare da sua madre. Entusiasta del personaggio, la premio Oscar si preparò a questo lasciandosi ispirare da celebri attrici italiane come Sophia Loren e Anna Magnani. In particolare, la Streep cercò di emularle nella scelta degli abiti di Francesca. Per il ruolo, inoltre, arrivò a guadagnare diversi chili di peso, così da risultare più credibile nei panni di una casalinga dalle limitate attività. Gli attori Annie Corley e Victor Slezak, infine, interpretano Caroline e Michael Johnson, le versioni adulte dei figli di Francesca.

I ponti di Madison County: le differenze tra il libro e il film

Nell’adattare il romanzo di Waller, Eastwood e lo sceneggiatore Richard LaGravanese hanno fatto in modo da rimanere il più fedeli possibile a questo. Tutto ciò che accade nel film è infatti riscontrabile anche nelle pagine del romanzo, con gli eventi a volte soltanto più dilatati o ridotti rispetto agli originali. Ciò che viene modificato è però il punto di vista e la struttura del romanzo. Questo, infatti, si svolge attraverso il racconto dello stesso Robert. La sceneggiatura di LaGravanese, però, stravolge ciò portando ad essere Francesca la vera narratrice, e suo è il punto di vista attraverso cui si svolge l’intera vicenda. Eastwood gradì particolarmente questo cambiamento, che gli permetteva di esplorare ulteriormente l’interiorità e l’emotività del personaggio.

Allo stesso modo, la struttura del film differisce rispetto a quella del romanzo. Guardando il lungometraggio, infatti, ci si imbatte in una storia che porta lo spettatore a compiere diversi salti temporali tra passato e presente. Si passa infatti dalla lettura che i due figli di Francesca fanno dei diari della madre, alla rappresentazione di quanto da lei narrato in essi, ovvero della sua storia d’amore extraconiugale con il fotografo Robert. Tale struttura ha permesso al regista di spezzare i due racconti, andando così a mostrare quali effetti ha il passato sul presente. Un espediente che esalta ulteriormente le emozioni descritte, facilitando così l’immedesimazione degli spettatori con i personaggi.

I ponti di Madison County: le frasi, il trailer e dove vedere il film in streaming e in TV

È possibile fruire di I ponti di Madison County grazie alla sua presenza su alcune delle più popolari piattaforme streaming presenti oggi in rete. Questo è infatti disponibile nei cataloghi di Rakuten TV, Chili Cinema, Google Play, Apple iTunes e Netflix. Per vederlo, una volta scelta la piattaforma di riferimento, basterà noleggiare il singolo film o sottoscrivere un abbonamento generale. Si avrà così modo di guardarlo in totale comodità e al meglio della qualità video. Il film è inoltre presente nel palinsesto televisivo di venerdì 5 febbraio alle ore 21:00 sul canale Iris.

Qui di seguito si riportano invece alcune delle frasi più belle e significative pronunciate dai personaggi del film. Attraverso queste si potrà certamente comprendere meglio il tono del film, i suoi temi e le variegate personalità dei protagonisti. Ecco dunque le frasi più belle del film:

  • Facevo dei pensieri su di lui che non riuscivo a controllare e lui li seguiva tutti. Qualunque cosa provassi, qualunque cosa volessi, lui mi seguiva. E in quel momento tutte le cose che avevo saputo di me stessa fino ad allora, sparirono. Mi comportavo come un’altra donna, eppure non ero mai stata così me stessa prima di allora. (Francesca Johnson)
  • I vecchi sogni erano bei sogni. Non si sono avverati, comunque li ho avuti. (Robert Kincaid)
  • Non sono sicuro di averti dentro di me, né di essere dentro di te, e neppure di possederti. E in ogni caso, non è al possesso che aspiro. Credo invece che siamo entrambi dentro un altro essere che abbiamo creato, e che si chiama “Noi”. (Robert Kincaid)
  • Questo tipo di certezze si hanno una sola volta nella vita. (Robert Kincaid)
  •  Noi siamo le nostre scelte. (Francesca Johnson)

Fonte: IMDb