Il Padrino

Il Padrino è una delle trilogie più amate della storia del cinema, firmata da Francis Ford Coppola e incentrata sulle attività della Famiglia Corleone, una delle famiglie mafiose più potenti di New York. basati sul romanzo Il Padrino di Mario Puzo, la trilogia si svolge in un arco di 96 anni. Con questi tre film, Coppola ha segnato una e più generazioni, consacrando gli attori che ne hanno fatto parte

Ecco dieci cose che, forse, non sapevate sulla trilogia de Il Padrino.

Il Padrino – Parte 1

1. Il Padrino è arrivato in Italia il 21 settembre 1972. In questo film, Marlon Brando voleva far sì che il suo Don Vito Corleone assomigliasse a un bulldog, quindi ha deciso di inserire del cotone nella zona delle guance durante il provino. Durante il film, ha invece indossato un tipo di apparecchio speciale creato appositamente da un dentista. Un gesto inaspettato quello Brando, come il bacio che Vito da a Johnny Fontana e come lo è stato quello di tenere in braccio il gattino che, inizialmente, non era previsto nel copione.

2. Ne Il Padrino Orson Welles avrebbe voluto interpretare Don Vito Corleone. Welles cercò di fare pressione per avere la parte di Don Vito Corleone, offrendosi anche di perdere un certo quantitativo di peso per ottenere la parte. Francis Ford Coppola, grande fan di Welles, ha dovuto rifiutare l’offerta perché aveva già in mente Marlon Brando per il ruolo e sentiva che Welles non sarebbe stato adatto.

3. Il Padrino ha reso famosa Savoca. Grazie a Il Padrino, nei primi anni ’70 la Sicilia vide un grande aumento del turismo, soprattutto nella città di Savoca, appena fuori Taormina, che fu usata per girare le scene in cui Michael è in esilio in Italia.

Il Padrino – Parte 2

4. Il Padrino – Parte 2 è uscito il 25 settembre 1975. Per poter interpretare Vito Corleone, Robert De Niro ci ha messo ben 4 mesi per poter imparare a parlare in perfetto dialetto siciliano. Quasi tutti i dialoghi del suo personaggio nel film sono parlati in siciliano. Inoltre, De Niro e Brando sono gli unici due attori ad aver vinto, in maniera separata, degli Oscar per aver interpretato uno stesso ruolo. Brando vinse l’Oscar al Miglior Attore per Il Padrino, mentre De Niro ha vinto l’Oscar come Miglior Attore non Protagonista per Il Padrino – Parte 2, sempre per il ruolo di Don Vito Corleone.

5. Coppola avrebbe voluto abbandonare Il Padrino – Parte 2. Francis Ford Coppola aveva avuto un’orribile esperienza come regista per il primo capitolo de Il Padrino e chiese di poter scegliere un regista differente per il seguito, mentre avrebbe prodotto il film. Scelse Martin Scorsese, ma i suoi dirigenti rifiutarono la proposta. Così, Coppola accettò di dirigere il film, ma con determinate condizioni.

6. Coppola cercò di riportare Brando in Il Padrino – Parte 2. Francis Ford Coppola considerò di riprendere Marlon Brando per il ruolo di Vito Corleone da giovane, convinto che lui avrebbe potuto interpretarlo a qualsiasi età. Ma come si mise a lavorare alla sceneggiatura, si ricordò della fenomenale audizione di Robert De Niro per Il Padrino del 1972 e decise di scritturare lui senza offrire la parte a Brando. Tuttavia, Brando fu considerato per essere introdotto nel film mediante un suo cameo in un flashback alla fine del film ma, siccome a Brando non era piaciuto il modo in cui la Paramount Pictures lo aveva trattato durante Il Padrino, decise di non girare il giorno in cui la scena era prevista. Coppola, allora, riscrisse la scena senza Vito ed essa fu filmata il giorno successivo.

Il Padrino – Parte 3

7. Sofia Coppola ha partecipato a Il Padrino. Sofia Coppola (figlia di Francis Ford Coppola), ha interpretato la figlia di Michael Corleone in Il Padrino – Parte 3, nonostante abbia vestito i panni della nipote ne Il Padrino del ’72 e di una bambina senza nome su una nave de Il Padrino – Parte 2. Originariamente fu considerata per il ruolo Winona Ryder, ma non vi poteva prendere parte visto il suo impegno in Edward mani di forbice di Tim Burton.

8. Coppola non è stato contento del risultato. Francis Ford Coppola ha ammesso che non è molto contento del risultato finale del film, in quando non ha avuto molto tempo per lavorare al copione. Coppola avrebbe voluto sei milioni di dollari per la sceneggiatura, produzione e regia, con sei mesi di tempo per lavorare alla sceneggiatura. Lo studio, invece, gli diede l’opportunità di ricevere un milione e di avere sei settimane per lavorare alla sceneggiatura, per poter uscire nel periodo natalizio del 1990. Coppola si è pentito di non aver potuto inserire il personaggio di Tom Hagen nella sceneggiatura perché lo studio rifiutò di venire incontro alle richieste monetarie di Robert Duvall. Senza il personaggio di Hagen, si è buttato via un personaggio essenziale e un’altrettanta essenziale controparte per Michael Corleone.

9. Frank Sinatra avrebbe potuto far parte di Il Padrino – Parte 3. Data la popolarità dei primi due capitoli de Il Padrino, Frank Sinatra ritirò le sue antipatie verso i primi due film, ed ebbe modo di esprimere il proprio interesse per il personaggio di Don Altobello. Perse poi interesse quando ritenne che non sarebbe stato, secondo lui, adeguatamente pagato per ruolo; ruolo che poi andò a Eli Wallach. Paradossalmente, per il film Da qui all’eternità, Wallach si ritirò dal progetto per la paga troppo bassa e il suo ruolo andò proprio a Sinatra.

Il Padrino: streaming

10. La trilogia de Il Padrino è disponibile in streaming. Per chi desidera rivedere una delle trilogie più famose della storia del cinema, può appellarsi allo streaming, trovando tutti e tre i film su Infnity.

Fonte: IMDb