Il padrino film

Quella di Il padrino è una delle trilogie cinematografiche più conosciute e amate di sempre, vero e proprio simbolo di un genere. Con tre film, questa affronta un arco temporale di circa 96 anni, raccontando ascesa e declino della famiglia Corleone, tra le più potenti in assoluto nella malavita di New York. Il primo film, intitolato semplicemente Il padrino, uscì al cinema nel 1972 per la regia di Francis Ford Coppola, qui alle prese con il suo primo grande lungometraggio dopo averne diretti alcuni a basso costo. Nonostante i numerosi problemi produttivi, legati principalmente a divergenze con i produttori sulla scelta del cast, il film riuscì infine a prendere vita.

 

Il padrino si affermò da subito come un successo straordinario, incassando nei soli Stati Uniti ben 86 milioni di dollari, battendo dunque il record di Via col vento che durava da oltre trent’anni. Anche la critica lodò il film, definendolo il più bello incentrato sulle losche attività della mafia e l’impatto culturale lasciato dal film nell’immaginario collettivo rimarrà nella storia, con i numerosi detti mafiosi e alcune scene chiave (come quella della testa di cavallo, o la morte di Sonny) rimaste indelebili ancora oggi, a tal punto da essere citate in numerose altre pellicole di successo negli anni a venire.

Candidato a 10 premi Oscar, Il padrino finì con il vincerne tre: miglior film, miglior sceneggiatura non originale e miglior attore protagonista a Marlon Brando, il quale però come noto rifiutò il premio. Prima di intraprendere una visione del film, però, sarà certamente utile approfondire alcune delle principali curiosità relative a questo. Proseguendo qui nella lettura sarà infatti possibile ritrovare ulteriori dettagli relativi alla trama, al libro e al cast di attori. Infine, si elencheranno anche le principali piattaforme streaming contenenti il film nel proprio catalogo.

Il padrino: la trama del film

La vicenda del film si svolge nella New York a metà tra gli anni Quaranta e gli anni Cinquanta ed ha per protagonista la famiglia di origine italo-americana Corleone, la più potente nell’ambiente mafioso della città. Questa è specializzata in attività come gioco d’azzardo, racket e prostituzione e il tutto viene gestito dal patriarca Don Vito. Grazie ai numerosi debitori di cui è circondato, egli vanta un potere immenso, che gli ha permesso di ottenere amicizie importanti tra i personaggi di spicco della società newyorkese. Ormai anziano, però, Don Vito si sente in dovere di scegliere un proprio successore.

Tra i pretendenti al suo posto vi sono naturalmente i suoi figli, dall’iracondo Sonny all’ingenuo Fredo, dal figliastro Tom Hagen fino al riluttante Michael. Quest’ultimo, mantenutosi sempre estraneo alle attività criminali della famiglia, finisce a poco a poco per esserne coinvolto in modo sempre più personale. Mentre la famiglia cerca dunque di riassestarsi per confermare il proprio dominio, una serie di scontri con altri clan mafiosi renderanno sempre più delicata la situazione, sino a portare alla necessità di attuare delle vendette non prive di ovvie conseguenze. Per i Corleone si presentano dunque momenti molto difficili.

Il padrino: il libro da cui è tratto il film

Come noto, il film è l’adattamento dell’omonimo romanzo scritto da Mario Puzo e pubblicato nel 1969. All’interno di questo si narrano le vicende di una famiglia mafiosa di origini italiane. Il libro godé da subito di una grandissima popolarità e introdusse una serie di terminologie tipiche di quell’ambiente all’epoca ancora poco note. Nel testo, per esempio, si può leggere la parola omertà lasciata in italiano, divenuta da quel momento estremamente popolare. Diviso in nove parti, il libro contiene una grande quantità di eventi e personaggi, non tutti finiti nel primo film della trilogia.

Molto di quanto non inserito in questo, però, è stato poi ripreso per i successivi due sequel. In particolare, i contenuti del romanzo formarono la base per i primi due film, integrati da nuovo materiale, sceneggiato dall’autore stesso, per parte del secondo e del terzo. Con il completamento della trilogia, dunque, Puzo poté vedere compiersi il suo appassionato racconto della famiglia Corleone. Nel 1984, infine, Puzo pubblicò anche quello che è giudicato uno “spin-off” de Il padrino, ovvero Il siciliano, dedicato al bandito Salvatore Giuliano.

Il padrino cast

Il padrino: il cast del film

La composizione del cast di Il padrino fu uno degli aspetti più complessi del film. Molti attori non considerati desideravano infatti avere una parte, mentre alcuni di quelli indicati da regista e produttori non volevano assolutamente saperne nulla. Per il ruolo di Don Vito Corleone, ad esempio, è noto che Orson Welles fece grande pressione pur di ottenere la parte. Francis Ford Coppola, grande fan di Welles, ha però dovuto rifiutare l’offerta perché aveva già in mente Marlon Brando per il ruolo e sentiva che Welles non sarebbe stato adatto. Brando, però, notoriamente problematico, era visto con grande preoccupazione dai produttori, che richiesero che l’attore firmasse un contratto ricco di clausole da rispettare.

L’interpretazione di Brando è ancora oggi considerata una delle migliori nella storia del cinema. Egli si dedicò personalmente anche alla caratterizzazione del personaggio, richiedendo di poter indossare uno speciale apparecchio dentale che gli gonfiasse le guance, donandogli l’aspetto di un bulldog. Per il personaggio di Michael Corleone, invece, Coppola scelse l’allora quasi sconosciuto Al Pacino, in quanto egli possedeva l’aspetto di un vero siciliano. Vi sono poi James Caan nei panni di Sonny Corleone e Robert Duvall in quelli di Tom Hagen, Diane Keaton è Kay Adams, fidanzata di Michael, mentre John Cazale è Fredo.

Il padrino: il trailer e dove vedere il film in streaming e in TV

È possibile fruire di Il padrino grazie alla sua presenza su alcune delle più popolari piattaforme streaming presenti oggi in rete. Questo è infatti disponibile nei cataloghi di Rakuten TV, Chili Cinema, Google Play, Apple iTunes, Now, Amazon Prime Video e Tim Vision. Per vederlo, una volta scelta la piattaforma di riferimento, basterà noleggiare il singolo film o sottoscrivere un abbonamento generale. Si avrà così modo di guardarlo in totale comodità e al meglio della qualità video. Il film è inoltre presente nel palinsesto televisivo di lunedì 11 ottobre alle ore 21:00 sul canale Iris.

Fonte: IMDb