In buone mani 2, la spiegazione del finale: Come ha cercato Firat di diventare un padre migliore?

-

La prima parte di In buone mani, il film originale Netflix di successo, si è conclusa con una nota tragica: Melisa ha ceduto alla sua malattia e ha lasciato suo figlio Can con il padre naturale, Firat. Melisa era una madre single e solo dopo aver scoperto le sue condizioni di salute ha pensato di riallacciare i rapporti con Firat.

L’uomo d’affari non aveva idea di avere un figlio, e quando l’ha saputo, la possibilità di una famiglia felice era improbabile. Superare la morte di Melisa è stato difficile sia per il padre che per il figlio, e in In buone mani 2 (In Good Hands 2) vediamo il duo lavorare a una macchina del tempo per tornare da Melisa. Costruire la macchina del tempo è stato il modo in cui Can ha affrontato la perdita. Voleva credere che, se si fosse impegnato abbastanza, sarebbe riuscito a tornare da sua madre e a tenerla stretta per assicurarsi che non lo lasciasse di nuovo.In buone mani 2 (In Good Hands 2) è incentrato sul modo in cui il padre e il figlio in lutto imparano a vivere la loro vita insieme come un’unità e ad accettare le cose belle che si presentano.

Come hanno legato Firat e Sezen?

In buone mani 2 (In Good Hands 2) film
Credit Netflix

Per Can era difficile affrontare i bulli a scuola. Ridevano del suo modo di ballare e prendevano in giro la sua relazione con Firat. Trovavano strano che Can chiamasse suo padre per nome e che Firat si rivolgesse a Can come “capo”. Can non si aspettava che i suoi compagni di classe capissero quello che stava passando, ma il fatto che scherzassero sul suo insolito rapporto con il padre lo ha distrutto e ha deciso di abbandonare la scuola. Can e Firat hanno avuto una discussione in un bar, quando Sezen è intervenuta.

Voleva un po’ di pace e ha chiesto che padre e figlio smettessero di litigare. La discussione si sposta dalla scuola alla macchina del tempo e, ancora una volta, Firat e Can discutono animatamente. Sezen era ormai stanca e si avvicinò a Can, spiegandogli che costruire una macchina del tempo era impossibile. Can rimase allo stesso tempo colpito dalle conoscenze di Sezen e deluso dalla sua disapprovazione del suo progetto. Can si rifiutò di arrendersi e finì per raccogliere altre luci per trovare un modo per viaggiare nel tempo.

Firat aveva un problema di alcolismo e, dopo che Can aveva espresso la sua delusione nei confronti di Firat per non essere stato presente per lui come lo era sempre stata sua madre, aveva ripreso a bere. Il padre di Firat era un alcolizzato e lui si era sempre ripromesso di non diventare come suo padre, ma non riusciva a trovare la forza di smettere di bere. Era il suo modo di alleviare il dolore e ancora una volta finì in un pub e bevve più di quanto potesse sopportare. Al pub c’era anche Sezen, che aiutò Firat a tornare a casa.

Il giorno dopo, Firat la incontrò e si scusò per averla messa in difficoltà. Legarono discutendo di tutte le sciocchezze che Firat aveva fatto la notte precedente. Si godono la reciproca compagnia e Firat si rende conto che non ha bisogno dell’alcol per godersi una serata. Anche Sezen si sentiva sola: amava molto suo fratello, che si era recentemente trasferito negli Stati Uniti, lasciando un vuoto nel suo cuore. Le era stata diagnosticata una depressione e ogni giorno cercava di guarire un po’.

Anche l’incontro con Firat l’ha aiutata ad affrontare la situazione. Anche se si erano appena conosciuti, si sentivano a proprio agio l’uno con l’altra e non avevano paura di essere vulnerabili. Sezen si è anche resa conto dell’importanza di Can nella vita di Firat e il giorno dopo ha deciso di fare amicizia con suo figlio.

Come ha fatto Sezen a conquistare Can?

In buone mani 2 (In Good Hands 2)
Credit © Netflix

Can si rifiutava di accettare Sezen nella sua vita. Firat era tutto ciò che aveva e, da piccolo, si sentiva insicuro a condividere il padre con un estraneo. Dopo aver perso la madre, l’ultima cosa che Can voleva era che Firat se ne andasse. Il giorno dopo Sezen incontrò Can a scuola. Sperava che lui capisse che non poteva portargli via Firat perché il legame che condividevano era indissolubile.

Sezen cercò di far capire a Can quanto la sua vita sarebbe diventata solitaria se non si fosse fatto degli amici. Ma invece di ascoltare i consigli di Sezen, Can era impegnato a tenere d’occhio i suoi bulli. Ben presto i bulli si avvicinarono e chiesero a Can di spiegare chi fosse Sezen.

Lo hanno preso in giro ancora una volta, ma questa volta Sezen era lì per sostenerlo. Invece di inchinarsi ai bulli, Sezen prese un tubo per l’acqua e attaccò Nedim. Gli studenti ridevano di Nedim e Can non ne aveva mai abbastanza di quel momento. Era contento che Sezen lo avesse salvato dall’umiliazione e finalmente l’aveva accettata nella sua vita. Non poteva negare che Sezen fosse un panino migliore di suo padre e fu ancora più felice di scoprire che il fratello di Sezen, Kerem, stava studiando per diventare astrofisico al MIT e che avrebbe potuto aiutarlo a costruire una macchina del tempo. Sezen promise a Can che Kerem lo avrebbe aiutato nel suo progetto, e questo fu un motivo in più per Can per accettare prontamente Sezen come nuovo amico di suo padre.

Quali passi ha fatto Firat per diventare un padre migliore?

In buone mani 2 (In Good Hands 2)
Credit © Netflix

La dipendenza di Firat ha spesso ostacolato il rapporto padre-figlio. Can odiava il modo in cui suo padre si comportava quando si ubriacava, e spesso lo esprimeva ad alta voce. Firat ha cercato di stare lontano dall’alcol dopo aver incontrato Sezen, che era sobrio, ma durante una festa di compleanno, ha finito per fare di nuovo il pieno di alcol.

Il padre di Nadim, Emrah, si è arrabbiato per l’accaduto a scuola e ha sminuito Firat per non aver saputo di avere un figlio per sei anni. Non pensava che Firat fosse mai stato un buon padre per Can ed Emrah lo aveva avvertito di non dare lezioni di educazione agli altri. Dopo essersi ubriacato, Firat si azzuffò con Emrah alla festa, mettendo in imbarazzo sia Can che Sezen.

Can è frustrato dal padre e torna a casa per distruggere la macchina del tempo che aveva costruito. Era pronto a crescere, ma non era sicuro che suo padre fosse pronto a cambiare strada. Can voleva stare con sua madre, ora più che mai, e Firat si vergognava di aver messo suo figlio in una posizione così orribile.

Dopo aver parlato con la madre, Firat si è reso conto di quanto sia stata difficile la sua infanzia a causa del vizio del bere del padre, e invece di diventare un genitore migliore, stava facendo del male a suo figlio nello stesso modo in cui lo faceva suo padre. Firat si rese anche conto che era giunto il momento di perdonare Melisa per aver tenuto nascosto Can per sei anni, perché le era servito molto coraggio per crescere suo figlio da sola e per questo meritava solo amore e rispetto.

Firat ha deciso di rimanere sobrio ed è determinato a non deludere mai più Can. Verso la fine di In buone mani 2, Firat scrive una lettera ai genitori e al personale scolastico scusandosi per il suo comportamento e ammettendo di dover diventare un padre migliore per Can. Anche Can accetta le scuse del padre e guarda con fiducia al loro futuro insieme.

Quale segreto nascondeva Sezen?

In In buone mani 2 (In Good Hands 2) viene gradualmente rivelato che anche Sezen aveva perso suo fratello Kerem e, invece di affrontare la perdita, ha finto che vivesse negli Stati Uniti. L’idea che lui sia lì da qualche parte l’ha aiutata a non crollare completamente. Firat confessò a Sezen di aver visto lei e suo fratello ballare al pub sei mesi prima.

Sezen era estremamente felice quella sera e annunciò con entusiasmo che suo fratello era riuscito ad entrare nell’università dei suoi sogni. Firat aveva offerto loro un passaggio a casa, visto che Sezen era piuttosto ubriaca. Kerem ringraziò Firat, ma era sobrio e aveva anche la patente, quindi riteneva di non avere motivo di preoccuparsi. Il giorno dopo, Firat scoprì che Kerem e Sezen avevano avuto un incidente e che Kerem era morto per le ferite riportate.

Firat credeva che l’incontro con Sezen nello stesso pub, qualche mese dopo, non potesse essere una semplice coincidenza. Aveva bisogno di qualcuno a cui appoggiarsi e anche Sezen aveva bisogno di un amico e di un sistema di sostegno. Erano entrambi in lutto e potevano capire cosa stava passando l’altro. Sezen continuava a rimproverarsi per l’incidente, ma Firat la confortava e le dava un motivo per non arrendersi.

Firat, Sezen e Can hanno superato il lutto in In buone mani 2?

Firat invitò Sezen e Can a un evento che aveva organizzato nel cortile di casa sua. Ha ricreato la macchina del tempo e l’ha chiamata “tunnel del tempo”. Credeva che Sezen e Can avessero bisogno di rivisitare il loro passato e di conservare i bei momenti trascorsi con le persone che amavano. Era anche un modo per ricordare loro quanta strada avevano fatto come individui.

Can si rivolse per la prima volta a Firat chiamandolo “papà” e anche Firat lo chiamò con orgoglio suo figlio. Sezen è stata felice di vedere sullo schermo un video di lei e Kerem. Le tornarono in mente i giorni felici trascorsi insieme e Can la confortò dicendole che Kerem e sua madre si trovavano nello stesso posto e che credeva stessero bene. Ha promesso di essere presente anche per Sezen e, in un modo bellissimo, il dolore ha unito i tre e hanno trovato un senso di accettazione reciproca.

Nel finale di In buone mani 2 (In Good Hands 2), Can, vestito da calabrone, ha cercato di seguire i passi dei suoi compagni di classe e Firat ha capito che Can aveva ragione: lo spettacolo era noioso. Incoraggiò Can a fare la sua danza e suo figlio lo accontentò. Can ballò come era solito fare con sua madre e il resto dei bambini seguì le sue orme. Finalmente si stavano divertendo e Can, invece di diventare lo zimbello di tutti, era diventato il mattatore, grazie al padre che lo aveva incoraggiato a esprimere la sua eccentricità. È chiaro che padre e figlio hanno fatto molta strada e Can non esita più a riconoscere pubblicamente che Firat è suo padre.

Redazione
Redazione
La redazione di Cinefilos.it è formata da un gruppo variegato di appassionati di cinema. Tra studenti, critici, giornalisti e aspiranti scrittori, il nostro gruppo cresce ogni giorno, per offrire ai lettori novità, curiosità e informazione sul mondo della settima arte.

Articoli correlati

- Pubblicità -
 

ALTRE STORIE

Lui non sarà più tuo film

Lui non sarà più tuo: trama, cast e curiosità sul film

L’ossessione amorosa è una tematica che si ripresenta spesso al cinema e che nel tempo è stata alla base di film affermatisi come grandi...
- Pubblicità -