interstellar

Christopher Nolan è un regista che crea un film più sorprendente dell’altro. Ma se dovessimo nominare un capolavoro di Nolan, questo sarebbe probabilmente Interstellar. Il film è semplicemente un lavoro di dimensioni immani, per intensità, effetti speciali, scienza, e sentimenti umani. Il film spazia dall’amore di un padre per la figlia, fino ai buchi neri.

Quasi impossibile da descrivere, ecco alcune cose che dovete sapere sul Interstellar. Dal trailer a dove trovarlo in streaming, a dieci curiosità sul film tra scienza, cast, ed effetti speciali.

Insterstellar: il cast

insterstellar castLa pellicola è interpretata da un cast d’eccezione composto dall’attore premio Oscar Matthew McConaughey nei panni di Joseph Cooper, scelto dal regista in persona dopo averlo apprezzato per il suo ruolo di Mud nell’omonimo film di Jeff Nichols. Al suo fianco troviamo due attrici, tra le più apprezzate del momento: Anne Hathaway nel ruolo di Amelia Brand, alla seconda collaborazione con il regista dopo Il Cavaliere Oscuro Il ritorno e Jessica Chastain, come Murphy “Murph” Cooper, la versione adulta della figlia di Cooper; l’attrice è alla sua prima collaborazione con il regista.

Nel cast del film anche Michael Caine nei panni del Professor Brand, John Lithgow nel ruolo di Donald padre della moglie defunta di Cooper, Mackenzie Foy come la giovane Murphy “Murph”, Casey Affleck nella versione adulta di Tom Cooper, figlio di Copper senior, Topher Grace come Getty, Wes Bentley come il compagno di viaggio Doyle e Ellen Burstyn come l’anziana Murphy Cooper. Nel cast anche Timothée Chalamet nei panni del giovane adolescente Tom Cooper e Matt Damon in un piccolo ruolo non accreditato.

Interstellar in streaming

Interstellar in streamingAbbandoniamo per sempre Torrent, perché Interstellar è facilmente reperibile in streaming legale. Interstellar si trova in streaming italiano su Netflix e Prime Video. Inoltre, si può trovare per il noleggio o per l’acquisto su RakutenTV, Chili Cinema, Google Play e iTunes.

Interstellar: 10 curiosità

interstellar

1. Per quanto ne sappiamo, in Interstellar c’è la più accurata rappresentazione di un buco nero mai vista sullo schermo. L’astrofisico Kip Thorne ebbe un ruolo fondamentale nello sviluppo di Interstellar. La storia di Nolan, infatti, ha come fondamento la dilatazione temporale: il tempo passa a diverse velocità per i diversi personaggi. Perché ciò fosse scientificamente plausibile, gli disse Thorne, avrebbe avuto bisogno di un enorme buco nero, che girasse ad una velocità vicina a quella della luce. Il risultato finale, è il frutto della collaborazione tra Nolan, Thorne, e un team di trenta persone, che ha lavorato alla simulazione per un anno intero.

Interstellar, la spiegazione della teoria

2. Le regole di Kip Thorne per Insterstellar. Durante le prime fasi della pre-produzione, Kip Thorne diede due linee guida da seguire rigidamente: niente avrebbe violato leggi della fisica oramai consolidate, e che tutte le speculazioni sarebbero scaturite dalla scienza e non dalla mente creativa di uno sceneggiature. Christopher Nolan accettò questi termini, ad una condizione: non dovevano ostacolare la creazione del film. Ma ci furono comunque delle discussioni: ad un certo punto, sembra che Thorne abbia passato due settimane a convincere Nolan ad eliminare l’idea del viaggiare più veloci della luce del film.

LEGGI ANCHE, Interstellar: la recensione del film di Christopher Nolan

3. Kip Thorne e la scommessa con Stephen Hawking su Interstellar. Kip Thorne, in occasione di Interstellar, vinse una scommessa scientifica contro Stephen Hawking, riguardo alla teoria di astrofisica che costituisce la base scientifica del film. Di conseguenza, Hawking dovette abbonarsi ad un anno della rivista Penthouse. La famosa scommessa appare nel film La teoria del tutto, uscito nelle sale lo stesso anno di Interstellar.

Interstellar: sperimentazioni

4. Gli effetti speciali di Interstellar sono così notevoli, che il team ha dovuto sviluppare nuove tecnologie per realizzarli. Per creare il buco nero, Kip Thorne collaborò con Paul J. Franklin e il suo team di effetti speciali alla Double Negative. Thorne diede il suo contributo fornendo materiale teorico ed equazioni affidabili al team, il quale creò dei nuovi software per CGI basati su tali equazioni in modo da creare delle simulazioni digitali accurate di questi fenomeni. Alcuni fotogrammi singoli ebbero bisogno di addirittura 100 ore per essere renderizzati. Il risultato, però, diede a Thorne delle nuove informazioni sull’effetto delle lenti gravitazionali e sui dischi di accrescimento dei buchi neri. Thorne pubblicò in seguito due saggi scientifici, uno di astrofisica e uno di computer graphics.

5. Molte delle lenti IMAX utilizzate durante le riprese del film erano prototipi. Non erano mai state viste o utilizzate prima di allora, e addirittura furono necessarie alcune modifiche dell’ultimo minuto, realizzate pochi giorni prima dell’inizio delle riprese.

6. Hans Zimmer dovette scrivere la colonna sonora del film senza sapere niente su di esso. Prima di scrivere Interstellar, Christopher Nolan chiese a Zimmer di comporre della musica per il film, ma senza dirgli nulla sul genere, sul titolo, sui personaggi o sulla trama. “Gli dissi, ‘Ti darò una busta con una lettera al suo interno. una pagina. Questa ti racconterà la storia che sta al cuore del film. Tu lavori per un giorno, e poi mi fai sentire quello che hai scritto’. Zimmer accettò. Era perfetta. Mi diede il cuore del film”, ha raccontato il regista. I due ebbero poi lavorarono insieme per 45 sessioni (il doppio di quelle di Inception), facendo soprattutto delle sperimentazioni.

7. La prima volta che Nolan e McConaughey si incontrarono, non parlarono del film. Interstellar ha un cast eccezionale. Primo tra questi, c’è Matthew McConaughey, che Nolan incontrò per la prima volta quando questi volò da New Orleans per incontrarlo. “Non conoscevo il titolo, non sapevo di cose parlasse o altro. (…) Ci siamo incontrati un sabato mattina. Entriamo in questo ufficio, e parliamo per tre ore. Non una parola sul film, o di cosa parlasse. Abbiamo parlato di chi eravamo in quanto uomini di 43 anni, abbiamo parlato di chi siamo in quanto padri, abbiamo parlato dei nostri figli. Abbiamo parlato di altri film e di lavoro, e ci siamo davvero fatti un’idea l’uno dell’altro” ha raccontato l’attore.

8. Matthew McConaughey non è mai stato un amante della fantascienza. “Sono sempre stato uno che non guarda i film di fantascienza, che non ha letto i libri di fantascienza da bambino. E i miei pensieri si volgevano (quasi) sempre a ciò che è tangibile, quello che abbiamo qui davanti. Magari a quello che sta sotto il mare, ma non ho mai guardato là fuori. Quello è sempre stato più o meno sconosciuto. ‘Oh, non te ne preoccupare, a quello non si può arrivare’” ha raccontato l’attore.

9. Anne Hathaway è andata in ipotermia. Un altro membro eccezionale del cast di Interstellar è Anne Hathaway, che ha mostrato tanta dedizione vero il proprio lavoro da andare in ipotermia. “Tutti, a quel punto, avevano freddo. (…) Non ero l’unica a provare del dolore. Ma ero l’unica a provare un dolore ben specifico, e non volevo rallentare le riprese. Ma ad un certo punto, non ero sicura di sentirmi i piedi, o cominciarono a pizzicare, e quindi cominciai a sentire ogni sorta di strane scariche, e le cose cominciavano a diventare sfocate nei contorni, e fu allora che mi rivolsi al primo assistente alla regia e gli dissi: ‘Hey, non ne so molto di ipotermia, ma quali sono i sintomi?’ Io spiegai come mi sentivo, e lui disse ‘Oh, ora?’, e io dissi ‘Sì!’. E così lui andò da Chris, e lui disse tipo, “Ok. Chiudiamo, chiudiamo, chiudiamo ora!’ Poco dopo, avevamo finito di girare.

10. Matt Damon fu escluso dalla promozione del film. Interstellar ha un cast di star d’eccezione, tra le quali Matt Demon. Ma il suo nome non fu menzionato prima dell’uscita del film, e l’attore non presenziò a nessuna delle première. Infatti, a parte un articolo di Variety che annunciò la sua presenza nel cast con un “ruolo non specificato”, il suo ruolo fu mantenuto segreto fino all’uscita del film.

Le migliori frasi dal film

  • È come se ci fossimo dimenticati chi siamo, Donald: esploratori, pionieri. Non dei guardiani. Cooper)
  • Un tempo per la meraviglia alzavamo al cielo lo sguardo sentendoci parte del firmamento, ora invece lo abbassiamo preoccupati di far parte del mare di fango. (Cooper)
  • Dopo che siete nati voi tua mamma mi ha detto una cosa che non avevo mai capito. Mi ha detto “Ora siamo qui solo come ricordi per i nostri figli”. Credo di aver capito che cosa voleva dire. Quando diventi genitore sei il fantasma del futuro dei tuoi figli. (Cooper)
  • Ti voglio bene per sempre e ti prometto che tornerò. Tornerò, Murphy. (Cooper)
  • Non andartene docile in quella buona notte, | I vecchi dovrebbero bruciare e delirare al serrarsi del giorno; | Infuria, infuria, contro il morire della luce. || Benché i saggi conoscano alla fine che la tenebra è giusta, | perché dalle loro parole non diramarono fulmini; | non andartene docile in quella buona notte. || Infuriati, infuriati, contro il morire della luce. (Professor Brand)
  • Non ho paura della morte. Sono un vecchio fisico. Ho paura del tempo. (Professor Brand)
  • Pregate di non sapere mai quanto può essere bello vedere il viso di un altro. (Dr. Mann)
  • La terza legge di Newton. L’unico modo che gli umani hanno trovato per andare avanti è lasciarsi qualcosa alle spalle. (TARS)

Interstellar: il trailer

Chi non ha mai visto Interstellar? Ecco il trailer, perché lo dovete recuperare immediatamente.

Fonti: IndieWire, Kickassfacts