Una doppia verità film

I cosiddetti legal thriller sono certamente una delle sottocategorie più affascinanti di quel vasto e sfaccettato genere che è il thriller. Numerosi sono i titoli che nel corso degli anni hanno fatto la fortuna di questo, portando le storie di avvocati, processi o questioni legate al mondo giudiziario a ritagliarsi il proprio posto di rilievo nel mercato cinematografico. Titoli come Il rapporto Pelican, Presunto innocente e Il cliente sono solo alcuni dei titoli più famosi. Negli ultimi anni si possono invece annoverare film come Michael Clayton, Il caso di Thomas Crawford e Una doppia verità (qui la recensione).

Diretto nel 2016 da Courtney Hunt, qui alla sua seconda opera dopo l’acclamato Frozen River, il film si configura come un avvincente thriller incentrato sul concetto di verità e su quanto questo possa dimostrarsi ambiguo. Scritto da Nicholas Kazan, figlio del celebre regista Elia, Una doppia verità si discosta dai canoni del genere portando avanti una ricerca introspettiva dei suoi personaggi, costruendo parallelamente una vicenda quantomai intricata, che gioca con lo spettatore e le sue aspettative. L’intento conclamato, infatti, era quello di mettere in scena la forte ambiguità tipica degli avvocati difensori.

Pur non essendosi affermato come un buon successo, cadendo parzialmente nell’anonimato, Una doppia verità ha il merito di affrontare in modo interessante tale concetto, dimostrando quante interpretazioni e versioni di questa possano davvero esistere. Prima di intraprendere una visione del film, però, sarà certamente utile approfondire alcune delle principali curiosità relative a questo. Proseguendo qui nella lettura sarà infatti possibile ritrovare ulteriori dettagli relativi alla trama e al cast di attori. Infine, si elencheranno anche le principali piattaforme streaming contenenti il film nel proprio catalogo.

Una doppia verità: la trama del film

Protagonista del film è l’avvocato difensore Richard Ramsey, il quale è da sempre convinto che la verità possa essere modellata a proprio piacimento nell’aula del tribunale. A metterlo fortemente in crisi a riguardo, però, si presenta il caso del giovane Mike Lassiter. Il ragazzo è stato sorpreso sulla scena del crimine, vicino al corpo senza vita di suo padre e per di più con un coltello insanguinato in mano. Davanti a queste prove schiaccianti, il giovane viene accusato di omicidio volontario e non sembra poterci essere altra versione rispetto a questa verità. Lassiter, tuttavia, è convinto di poterlo far scagionare.

Il caso si fa però più complesso del previsto quando Mike decide di chiudersi in un silenzio impenetrabile, negando ogni possibilità di collaborazione. Ciò costringe Richard a ricercare da sé prove a sufficienza per dimostrare l’innocenza del ragazzo, ammesso che egli possa esserlo davvero. Mentre nuovi elementi emergono a complicare la situazione e a indebolire la difesa già traballante di Richard, l’avvocato deve fare i conti con i metodi della nuova collega Janelle e la reticenza della madre di Mike, Loretta. Più si addentra nella storia della famiglia Lassiter, però più una serie di segreti indicibili verranno alla luce, facendo prendere alla vicenda una piega inaspettata.

Una doppia verità cast

Una dura verità: il cast del film

Ad interpretare il ruolo del protagonista, l’avvocato Richard Ramsey, era originariamente stato contattato l’attore Daniel Craig. Questi, tuttavia, rinunciò al ruolo pochi giorni prima dell’inizio delle riprese, costringendo i produttori a trovare un sostituto. Ad ottenere il ruolo è così stato l’attore Keanu Reeves, celebre per serie di film action come Matrix e John Wick. Egli si è trovato qui ad interpretare nuovamente il ruolo di un avvocato, avendo già ricoperto una simile parte nel noto film del 1997 L’avvocato del diavolo. L’esperienza sviluppata per quel film, gli è così stata utile anche in questo caso, rendendolo credibile nella costruzione del personaggio.

Nel ruolo di Mike Lassiter, il giovane accusato dell’omicidio del padre, vi è l’attore Gabriel Basso, visto anche in Ithaca e il recente Elegia americana. Nei panni di suo padre, Boone, vi è l’attore Jim Belushi, celebre per la serie comedy La vita secondo Jim. La madre di Mike, Loretta, è invece interpretata dalla due volte premio Oscar Renée Zellweger. Per lei questo è stato il primo ruolo cinematografico dopo una pausa di sei anni. Nello stesso anno ha poi recitato anche in Bridget Jone’s Baby. Infine, nei panni dell’avvocatessa Janelle, vi è l’attrice Gugu Mbatha-Raw, celebre per l’episodio San Junipero di Black Mirror e per essere la giudice Ravonna nella serie dell’MCU Loki.

Una dura verità: il trailer e dove vedere il film in streaming e in TV

È possibile fruire del film grazie alla sua presenza su alcune delle più popolari piattaforme streaming presenti oggi in rete. Una dura verità è infatti disponibile nei cataloghi di Rakuten TV, Chili, Google Play e Apple iTunes. Per vederlo, una volta scelta la piattaforma di riferimento, basterà noleggiare il singolo film o sottoscrivere un abbonamento generale. Si avrà così modo di guardarlo in totale comodità e al meglio della qualità video. È bene notare che in caso di noleggio si avrà soltanto un dato limite temporale entro cui guardare il titolo. Il film è inoltre presente nel palinsesto televisivo di venerdì 23 luglio alle ore 21:20 sul canale Rai 3.

Fonte: IMDb