The Last DUEL
Foto di Luigi de Pompeis © Cinefilos.it

Dopo la presentazione in pompa magna alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia 2021, il 14 ottobre arriva al cinema The Last Duel, il nuovo film di Ridley Scott che è stato scritto da Matt Damon, Ben Affleck con il fondamentale contributo di Nicole Holofcener.

 

Abbiamo incontrato i tre sceneggiatori, insieme alla meravigliosa protagonista Jodie Comer, per una conferenza stampa che ha sviscerato i segreti del film e della scrittura dietro ad una storia così attuale nonostante sia avvenuta così tanto tempo fa, durante la Guerra dei Cent’Anni.

La struttura del film ricorda quella di Rashomon, in cui lo stesso racconto viene esposto attraverso diversi punti di vista. Ecco, proprio per questa scelta precisa, è stata necessaria una scrittura a sei mani, per dare la giusta voce e la giusta prospettiva a ogni punto di vista, soprattutto a quello della protagonista, Marguerite. Il film è infatti basato su un libro che racconta la storia, davvero accaduta, di Marguerite moglie del cavaliere Jean de Carrouges, stuprata da Jacques Le Gris, amico del marito, che decide di denunciare lo stupro con il rischio di morire sul rogo. La legge dell’epoca prevedeva infatti un duello all’ultimo sangue tra il marito della donna stuprata e lo stupratore, dove solo la vittoria, per il volere di Dio, accertava il suo stare dalla parte della verità. Se il marito avesse perso, anche la moglie sarebbe stata uccisa.

Questa storia, dai toni epici e cavallereschi ma anche estremamente attuali, ha fatto sì che The Last Duel venisse etichettato come un film femminista, non a torto. Gli sceneggiatori hanno infatti dichiarato di essere loro stessi tutti femministi e di aver preteso la presenza di Nicole Holofcener alla scrittura proprio per dare al personaggio di Marguerite un linguaggio e un comportamento che rendesse giustizia all’esperienza femminile.

The Last Duel, recensione del film di Ridley Scott

Holofcener ha dichiarato in merito al suo coinvolgimento: “Ero lusingata ed elettrizzata e, non ero sicura di potercela fare, ma l’ho fatto. Gli mandavamo delle pagine e ci sedevamo insieme e lavoravamo. Lavoreremmo sulle scene l’uno dell’altro. Praticamente ho scritto il terzo atto, ma anche loro hanno avuto una mano. Perché doveva far parte dell’intero film. E quando gli scrittori intelligenti hanno delle idee, uno dovrebbe prenderle. E così, tra Jodie e loro è stato davvero un processo collaborativo, anche con tutti gli attori. Quindi, a volte, scrivevamo a parte, altre insieme.”

Matt Damon, in merito al testo originale e al contesto in cui è ambientata la storia, ha dichiarato: “Il punto di partenza era che il mondo delle donne è totalmente ignorato e trascurato ed è invisibile per i primi due atti del film. E poi viene rivelato nel terzo atto. E quello era, in realtà, il motivo per cui Ben e io stavamo adattando un libro, mentre Nicole stava davvero scrivendo una sceneggiatura originale. Perché gli uomini dell’epoca erano molto… prendevano appunti molto meticolosi su ciò che accadeva, ma non registravano ciò che facevano le donne.”

E Ben Affleck ha aggiunto: “Ma questo non sarebbe accaduto se Jodie non fosse stata così intelligente, coraggiosa e complicata nella sua performance. Dal momento che lei è stata disposta, e non sono sicuro che ogni attore sarebbe stato, a interpretare un altro punto di vista del personaggio che lei stessa interpretava (…) E poiché lo fa in modo così perfetto, non hai la sensazione che, sia una versione esagerata di una persona. Sembrano versioni di donne che abbiamo già visto nei film. E volevamo sfruttare il fatto che, storicamente, le persone sono in gran parte abituate al fatto che le donne siano personaggi secondari e terziari. E lei era disposta a farlo e questo rende la rivelazione, credo, molto più potente ed elegante, di vedere la differenza tra una persona essenzialmente bidimensionale e un essere umano completamente realizzato e tridimensionale.”

Quello che rimane del film, alla fine, è una performance di Jodie Comer davvero incredibile. L’attrice di Killing Eve che si cimenta per la prima volta con un film di questa scala e con un regista di questa portata, sigla definitivamente il suo ingresso nel mondo delle grandi interpreti di questi anni, con una performance raffinata, stratificata e molto intensa.

The Last Duel arriva al cinema il 14 ottobre, diretto da Ridley Scott, con Jodie Comer, Matt Damon, Adam Driver e Ben Affleck.

Venezia 78: Ben Affleck, Matt Damon e Jodie Comer presentano The Last Duel