The Wolf of Wall Street

Mentre viene annunciato in queste ore che Martin Scorsese e Leonardo DiCaprio riceveranno il premio Cinema Vanguard al Santa Barbara International Film Festival il prossimo 6 febbraio, si fa un gran chiacchierare su The Wolf of Wall Street, ultimo film in ordine cronologico che ha visto collaborare lo straordinario attore e il regista divenuto quasi leggenda ad Hollywood.

 

A quanto parte il film in questione ha battuto il record di parolacce mai pronunciate in un film. The Wolf of Wall Street racconta gli eccessi. Dalle orgie su un aereo alla cocaina e ai soldi, il dramma finanziario prospera nel mettere in scena ogni tipo di abuso eccentrico ed eccessivo.

Leggi anche: Scorsese e Di Caprio commentano The Wolf of Wall Street

Non ci meravigliamo quindi se il film, con un rating R, ha battuto il record di parolacce (f-mord) della storia del cinema. Secondo Wikipedia infatti il film contiene ben 506 la parola “fuck”, per una lunghezza di 180 minuti. Precedentemente il rcord era detenuto da L’estate di Sam di Spike Lee, film del 1999 che vedeva ripetersi la parola 435 volte.

Ma noi che conosciamo bene il caro Martin e la sua vena cinematografica un po’ dissacrante sappiamo che non è a prima volta che realizza un film così sboccato. Nella sua filmografia si contano infatti altri due film che sono nella “f-word top 20”: Casinò con 422 volte e Quei bravi ragazzi con 300.

The Wolf of Wall Street è scritto da Terence Winter e diretto da Martin Scorsese. Nel film accanto a Leonardo DiCaprio ci sono Jonah Hill, Margot Robbie, Matthew McConaughey, Kyle Chandler, Rob Reiner, Jon Bernthal, Jon Favreau e Jean Dujardin.

Questa la trama del film: Jordan Belfort, uno dei broker di maggior successo nella storia di Wall Street, viene condannato a 20 mesi di carcere dopo aver rifiutato di collaborare alle indagini su di un massiccio caso di frode atto a svelare la diffusa corruzione vigente negli anni ’90 a Wall Street e nel mondo bancario americano. Il film è l’adattamento cinematografico dell’omonimo libro autobiografico di Jordan Belfort. La pellicola segna la quinta collaborazione tra Martin Scorsese e Leonardo DiCaprio.

Fonte: Variety