Avengers Infinity War Jeremy Renner

Jennifer Lawrence ha recentemente alzato un piccolo polverone a proposito dei compensi di American Hustle. Secondo l’attrice, i suoi colleghi uomini avrebbero infatti guadagnato più della loro controparte femminile, continuando ad alimentare un’usanza purtroppo comune a Hollywood. La Lawrence ha ottenuto l’appoggio di altre colleghe come Jessica Chastain e lo stesso Bradley Cooper, che era con lei nel film di David O. Russell. Ora è Jeremy Renner a risponderle.

“Non è il mio lavoro badare alle cifre” ha detto l’attore, “non so niente di cosa c’è scritto nei contratti, dei compensi e altre cose simili”. Nonostante questo Renner si è detto favorevole a una maggiore equità fra uomini e donne. “Sono un performer e conosco come ci si comporta. Quando si sollevano questioni del genere lascio che siano gli altri ad alimentare il dibattito. Io faccio solo quello che mi riesce meglio, mi concentro sul mio lavoro”.

American Hustle uscirà in Italia il 1 gennaio 2014, distribuito da Eagle Pictures. Dopo il successo di The Fighter ed il pluripremiato Il lato positivo, l’acclamato regista americano David O. Russel dirige, come detto, un cast di altissimo livello American Hustle racconta la storia di Irving Rosenfeld (Christian Bale), abilissimo truffatore, e della sua amante inglese Sydney Prosser (Amy Adams), che operano nel mondo della finanza. L’eccentrico agente dell’FBI Ritchie DiMaso (Bradley Cooper) li costringe a partecipare ad una gigantesca operazione con il nome in codice Abscam, allo scopo di smascherare truffatori, funzionari e politici corrotti. Jeremy Renner è Carmine Polito, un politico in ascesa che si trova tra due fuochi, i truffatori e i federali. La straordinaria Jennifer Lawrence è Rosalyn, la moglie di Irving, colei che potrebbe far cadere il castello di carte del marito. In uscita in America il 18 dicembre prossimo, American Hustle è la storia di individui molto diversi tra loro accomunati dal desiderio di affermarsi nella vita e pronti a tutto, senza scrupoli, mostrandosi in realtà per quello che non sono.