Cattive notizie arrivano da Hollywood: dopo mesi di speculazioni e gli ultimi aggiornamenti che avevano addirittura svelato il titolo di lavorazione del film, la Paramount ha ufficialmente cancellato il sequel di World War Z. A dirlo è The Playlist, riportando voci piuttosto sicure.

 

Tra le cause principali di questa decisione ci sarebbe il budget, anche se David Fincher e il suo team avevano proposto agli studios cifre inferiori a quelle dell’originale (190 milioni secondo Box Office Mojo); la Paramount, che conosceva i piani di produzione da almeno un anno scorso anno, si era trascinata nel tempo con la speranza di portare finalmente alla luce il progetto fino ad oggi.

Vi ricordiamo che di recente l’azienda ha stanziato numeri davvero significativi per i prossimi due capitoli del franchise di Mission Impossible che usciranno rispettivamente nell’estate del 2021 e del 2022, con Christopher McQuarrie al timone in cabina di regia e sceneggiatura e il ritorno di Tom Cruise.

World War Z: annullato il sequel

E pensare che un mese fa circa era stato Production Weekly a riportare che le riprese del sequel di World War Z sarebbero iniziate a Marzo tra Thailandia, Spagna e lo stato americano della Georgia, e che il titolo provvisorio di lavorazione sarebbe stato Maximillian. Niente di più sbagliato, a quanto pare.

A novembre 2017 fu lo stesso Fincher a spiegare la sua ideale costruzione di una mitologia del franchise, raccontando a Variety che le riprese sarebbero state posticipate (e la release fissata al 2020) per permettere a Brad Pitt di completare il suo lavoro con Quentin Tarantino sul set di Once Upon A Time In Hollywood.

World War Z è la trasposizione cinematografica del romanzo “World War Z La guerra mondiale degli zombi” di Max Brooks del 2006. Brad Pitt tornerà nei panni di Gerry Lanel, e sarà nuovamente produttore. A scrivere la sceneggiatura del film sarà lo scrittore e regista Steven Knight, che ha scritto e diretto l’apprezzatissimo Locke, con Tom Hardy e visto al Festival di Venezia 2013. Inoltre, ha scritto le sceneggiature dei film in arrivo Seventh Son, Madame Mallory e il piccolo chef indiano con Helen Mirren e il biopic su Bobby Fischer, Pawn Sacrifice. É sua anche la sceneggiatura del film di CronenbergLa promessa dell’assassino.

Fonte: The Playlist