no time to die

Il prossimo James Bond potrebbe essere interpretato da un attore di colore, ma di sicuro non da una donna, stando a quanto rivelato di recente dai produttori della saga. No Time to Die, in arrivo nelle sale italiane il prossimo aprile, segnerà l’ultima apparizione cinematografica di Daniel Craig nei panni dell’agente 007. Da tempo ormai si vocifera su chi sarà a raccogliere l’eredità dell’attore britannico: Idris Elba e Tom Hiddleston sono stati a lungo i più quotati, ma per un certo periodo si è parlato anche della possibilità che l’iconico James Bond venisse interpretato da una donna.

 

Al centro della discussione è poi finita l’attrice Lashana Lynch (Captain Marvel), che in molti hanno dato come futura interprete del famoso agente. In effetti, il primo trailer ufficiale di No Time to Die ha svelato che la Lynch interpreterà nel film il personaggio di Nomi, conosciuta anche come Agente 00: e se il personaggio anticipasse la venuta di una nuova generazione di spie? Se fosse proprio Nomi a raccogliere l’eredità di Bond? Ad ogni modo, dal primo trailer emerge tanto una certa rivalità tra l’agente in questione e Bond, quanto il fatto che alla fine i due uniranno le forze per combattere il villain Safin interpretato dal premio Oscar Rami Malek.

Al momento i dettagli più nascosti della trama di No Time to Die non sono stati sviscerati, ecco perché – trattandosi dell’ultima interpretazione di Craig – in molti continuano a chiedersi chi sarà il prossimo James Bond. In una recente intervista con Variety, gli storici produttori della saga Barbara Broccoli e Michael G. Wilson hanno affrontato proprio la questione, rivelando di non aver ancora iniziato a pensare al prossimo attore per la saga, essendo ancora troppo focalizzati su Bond 25. I due produttori, però, hanno anche confermato che, al di là del nuovo attore che verrà scelto per l’iconico ruolo, questo non sarà di sicuro una donna. La Broccoli ha spiegato: “Potrebbe essere un attore di colore, ma sarà un uomo. Credo assolutamente che si debbano creare nuovi personaggi per le donne, nuovi personaggi femminili forti. Ma non sono particolarmente interessata a prendere un personaggio maschile e a farlo interpretare ad una donna. Penso che le donne possano aspirare a personaggi ancora più interessanti di questo.”

E sempre a proposito del futuro della saga di James Bond, sempre la Broccoli nel corso della medesima intervista ha spiegato che nulla esclude che i prossimi film del franchise possano essere destinati non più al grande schermo, ma bensì ad uno dei colossi dello streaming. Queste le sue parole: “Facciamo questi film per il pubblico. Ci piace pensare che questi film vengano realizzati per essere fruiti attraverso il grande schermo. Detto questo, però, bisogna anche guardare al futuro. Sono i fan che decidono in che modo preferiscono consumare un determinato prodotto e goderne il più possibile. Credo che non si possa escludere nulla, perché è il pubblico che prende quel tipo di decisioni. Non siamo noi.”

LEGGI ANCHE – No Time to Die: ecco perché Daniel Craig ha deciso di tornare nei panni di 007

Il film, atteso nelle sale l’8 aprile 2020, vede nel cast Daniel Craig (James Bond), Ralph Fiennes (M), Naomie Harris (Eve Moneypenny), Ben Whishaw (Q), Rory Kinnear (Bill Tanner) e Jeffrey Wright (Felix Leiter). Le new entry del cast sono invece Rami MalekBilly Magnussen, Lashana Lynch e Ana de Armas.

Vi ricordiamo che la produzione ha assunto Phoebe Waller-Bridge per “ravvivare” lo script di Bond 25 sotto speciale richiesta di Craig, grande fan di Fleabag e Killing Eve, le due serie prodotte e scritte dall’attrice. Era dal 1963 (l’ultima fu Johanna Hardwood con Dr. No e From Russia With Love) che la casa di produzione non assumeva una donna per dare voce ai personaggi del franchise, una scelta oggi più che mai “rilevante”.

In No Time To Die, Bond si gode una vita tranquilla in Giamaica dopo essersi ritirato dal servizio attivo. Il suo quieto vivere viene però bruscamente interrotto quando Felix Leiter, un vecchio amico ed agente della CIA, ricompare chiedendogli aiuto. La missione per liberare uno scienziato dai suoi sequestratori si rivela essere più insidiosa del previsto, portando Bond sulle tracce di un misterioso villain armato di una nuova e pericolosa tecnologia.