L’attore Elliot Page ha rilasciato una lunga intervista alla prestigiosa rivista Time in cui ha parlato per la prima volta del suo coming out: lo scorso dicembre, infatti, Page aveva annunciato di essere transgender attraverso i suoi profili social, ricevendo tantissimo sostegno non soltanto dal mondo di Hollywood, ma anche dai suoi fan e dalla comunità LGBTQ+.

Elliot Page è salito alla ribalta grazie al ruolo di Kitty Pryde in X-Men: Conflitto finale del 2006. Da allora, è apparso in tutta una serie di titoli di successo, tra cui Juno (per il quale ha ricevuto anche una candidatura agli Oscar), Inception, To Rome with Love e Freeheld. Più di recente, ha interpretato il ruolo di Vanya nell’acclamata serie The Umbrella Academy, che presto tornerà su Netflix con la terza attesissima stagione.

Parlando con la rivista Time, Elliot Page ha ammesso che la sua transizione è stata “complicata” e che è ancora “in corso”, ma al tempo stesso ha spiegato di essere “davvero entusiasta” all’idea di recitare ora che è ha “finalmente” riacquistato la sua vera identità. Ha anche dichiarato che, nonostante le nuove sfide dietro l’angolo, nulla è paragonabile all’incredibile sensazione di essere se stessi.

“È un viaggio complicato e un processo continuo… Sono davvero entusiasta di recitare, ora che sono pienamente quello che sono, in questo corpo. Indipendentemente dalle sfide e dai momenti difficili che ci saranno, niente equivale a sentirsi come mi sento ora”, ha dichiarato Page.

Elliot Page e il messaggio alla generazione di giovani trans

Attraverso il suo profilo Instagram, Elliot Page ha condiviso la cover ufficiale del Time a lui dedicata e nella didascalia che ha accompagnato l’immagine ha scritto: “Con profondo rispetto per coloro che sono venuti prima di me, gratitudine per coloro che mi hanno sostenuto e grande preoccupazione per la generazione di giovani trans che tutti dobbiamo proteggere, per favore unitevi a me e denigrate la legislazione anti-trans, l’odio e la discriminazione in tutte le sue forme.”