justice league zack snyder

Sappiamo tutti che il lavoro di Zack Snyder nel DCEU – soprattutto per quanto riguarda Batman v Superman: Dawn of Justice – è stato fortemente influenzato da “Batman: Il ritorno del Cavaliere Oscuro”. La miniserie di Frank Miller del 1986 è una delle storie a fumetti più iconiche di tutti i tempi, che ha influenzato anche la trilogia sul Cavaliere Oscuro ad opera di Christopher Nolan, in particolare il film Il cavaliere oscuro – Il ritorno.

Zack Snyder non ha mai fatto mistero della sua ammirazione per il lavoro di Miller, rivelando anche in più di un’occasione che gli sarebbe piaciuto realizzare un adattamento cinematografico di “Batman: Il ritorno del Cavaliere Oscuro“. In occasione del Justice Con, l’evento virtuale organizzato per celebrare la Snyder Cut di Justice League ad un mese dall’uscita, al regista è stato chiesto di svelare il suo costume preferito dell’Uomo Pipistrello. Senza esitare, Snyder ha subito menzionato il costume dell’opera di Miller.

“Il mio Batsuit preferito è quello de Il ritorno del Cavaliere Oscuro”, ha detto Zack Snyder. “Se dovessi un giorno realizzare il film, riprodurrei quel costume fedelmente. L’altro giorno, sui social, mi è apparso un ragazzo, un cosplayer forse, che aveva ricreato quel costume molto bene. Però non ricordo il suo nome…”

Allo stesso modo in cui la storia di Miller è considerata uno dei fumetti di Batman più iconici di tutti i tempi, la sua Batsuit è altrettanto venerata da molti. Sempre nel corso del Justice Con, Zack Snyder ha riconosciuto le somiglianze tra il costume di Ben Affleck e quello de “Il ritorno del cavaliere oscuro”, una scelta popolare che ha chiaramente ispirato il look del Batman di Affelck.

Anche la Snyder Cut di Justice League contiene alcuni riferimenti alla serie di Frank Miller. Nell’epilogo del film, infatti, Batman può essere visto in piedi su una Batmobile simile a un carro armato che ricorda molto quella de “Il ritorno del cavaliere oscuro”. Inoltre, nella stessa scena, raccolti davanti al veicolo, si può scorgere la banda dei Mutants, un altro riferimento all’opera di Miller.