- Pubblicità -

Ryan Coogler ha rivelato in un’intervista che una delle scene tagliate da Black Panther vedeva protagonisti Okoye (capo delle Dora Milaje) e W’Kabi, descritti dal regista come “coppia sposata”.

- Pubblicità -
 

Questo legame era stato accennato nel film ma mai specificato, quindi la scena di cui parla Coogler non fa che confermare le ipotesi dei fan.

Black Panther: le scene tra W’Kabi e Okoye sono state tagliate

Tempo fa, il montatore del film Michael Shawver aveva infatti dichiarato che una delle scelte più dolorose è stata tagliare un dialogo fra i due personaggi, tassello importante per definire meglio la loro relazione:

“Sicuramente la scena più dolorosa da tagliare è stata quella con Danai Gurira e Daniel Kaluuya. Verso la fine del film, dopo che le cose vanno male e Killmonger è in controllo di tutto, cercavamo di capire cosa fosse meglio fare. Cosa diventerà il Wakanda […] Entrambi sono degli attori molto dotati e si trattava di una scena incredibile, con tanti elementi in gioco: i due sono fidanzati, ma combattono anche per le parti opposte di una lotta interna, una è un generale, l’altro il suo consigliere, ma sono anche avversari. È stato doloroso.”

Black Panther – Recensione

Di seguito la sinossi del film: Black Panther segue T’Challa che, dopo gli eventi di Captain America Civil War, torna a casa, nell’isolata e tecnologicamente ultra avanzata nazione africana, Wakanda, per prendere il suo posto in qualità di nuovo re. Tuttavia, un vecchio nemico ricompare sui radar e il doppio ruolo di T’Challa di sovrano e di Black Panther è messo alla prova, quando viene trascinato in un conflitto che mette l’intero fato di Wakanda e del mondo in pericolo.

Chadwick Boseman interpreta il protagonista, T’Challa, già visto in Captain America Civil War. Nei ruoli principali del film ci saranno, oltre a Boseman, Michael B. Jordan, Lupita Nyong’O, Danai Gurira, Martin Freeman, Daniel Kaluuya, Angela Basset, Forest Whitaker e Andy Serkis. Nei ruoli di comprimari compariranno invece Letitia Wright, Winston Duke, Florence Kasumba, Sterling K. Brown e John Kani.

Fonte: USA Today Life

- Pubblicità -