Batman: le 3 versioni dell’eroe nei futuri film DC

Tra il 2021 e il 2022 ci saranno ben tre attori diversi (Ben Affleck, Michael Keaton e Robert Pattinson) che interpretano Batman sul grande schermo.

2203

Tra il 2021 e il 20221, ci saranno ben tre attori diversi – Ben Affleck, Michael Keaton e Robert Pattinson – che interpreteranno Batman sul grande schermo. Proprio come ci sono stati vari James Bond, anche per quanto riguarda il Cavaliere Oscuro ci sono state numerose iterazioni, più o meno riuscite. All’epoca del suo casting, anche la scelta di Keaton si rivelò particolarmente controversa: ad oggi, invece, l’incarnazione dell’attore nei due film diretti da Tim Burton è considerata una delle migliori mai arrivate al cinema.

Per questo motivo, è comprensibile che i fan siano particolarmente eccitati all’idea che Keaton tornerà ufficialmente nei panni di Bruce Wayne nell’atteso The Flash che sarà diretto da Andy Muschietti. Secondo quanto riferito, il film si baserà sulla serie a fumetti “Flashpoint” e seguirà Barry Allen (interpretato ancora una volta da Ezra Miller) mentre cerca di viaggiare indietro nel tempo per salvare sua madre dalla morte. In tal modo, il Velocista Scarlatto creerà inavvertitamente un universo alternativo in cui Gotham City sarà ancora “protetta” dal Batman di Keaton.

Proprio a causa dell’introduzione di questo “universo alternativo”, ci saranno tre diversi attori che interpreteranno Batman nei prossimi due anni. Oltre a quello di Keaton, in The Flash è stato confermato anche il ritorno di Affleck nei panni di Bruce Wayne, dopo Batman v Superman: Dawn of Justice e Justice League di Zack Snyder. Pattinson, invece, indosserà il mantello e il cappuccio nell’atteso The Batman di Matt Reeves. Ecco un’analisi sulle tre diverse versioni del Crociato di Gotham nei futuri film dell’universo cinematografico DC compiuta da Screen Rant:

3Ben Affleck

 

Ora che è tornato ufficialmente a far parte della grande famiglia DC, Ben Affleck vestirà ancora una volta i panni di Batman/Bruce Wayne proprio in concomitanza con l’arrivo della Snyder Cut di Justice League su HBO Max il prossimo anno. Questa versione del film sarà molto diversa da arrivata al cinema nel 2017, sia per quanto riguarda la trama sia per quanto riguarda l’iterazione del vigilante da parte di Affleck.

Considerando che la performance dell’attore nei panni del crociato incappucciato è stata molto diversa per via dei toni “leggeri” che Joss Whedon ha impostato durante le riprese aggiuntive, la sua interpretazione nel taglio di Snyder dovrebbe essere molto più vicina a quella più dark vista in Batman v Superman: Dawn of Justice. Allo stesso tempo, il “Batfleck” sarà molto più idealista nella Snyder Cut di quanto non lo sia stato nel film uscito al cinema: la sua fede nell’umanità è stata ripristinata dal sacrificio disinteressato di Superman. La versione di Justice League ad opera di Zack Snyder non dovrebbe avere un impatto sul futuro del DCEU: tecnicamente, coesisterà come parte del più ampio multiverso DC insieme alla versione di Whedon.

Inoltre, non sarà l’ultima volta che i fan vedranno il “Batfleck”. Nonostante le sue dichiarazioni passate sull’essersi definitivamente ritirato dal ruolo del Cavaliere Oscuro, Affleck è ora pronto per tornare per The Flash, in cui Barry Allen si riunirà con il suo Bruce Wayne. Con la versione di Batman interpretata da Michael Keaton nei due film di Tim Burton degli anni ’90 già confermata, significa che il cinecomic di Andy Muschietti ospiterà due diverse versioni dell’iconico eroe, sperando che in qualche modo entrambie potranno interagire sullo schermo.

Indietro