Arrival: trama, cast e spiegazione del film con Amy Adams

-

Dopo essersi cimentato nella regia di acclamati film come Prisoners, Enemy e Sicario, il regista canadese Denis Villeneuve ha esordito in un genere che sognava di affrontare da sempre: la fantascienza. Prima di realizzare Blade Runner 2049 e l’atteso Dune, questi ha portato al cinema Arrival, considerato uno dei suoi massimi capolavori, esponente di una fantascienza impegnata in realtà a parlare dell’essere umano, della sua esistenza e delle sue problematiche globali. Il film è basato sul racconto Storia della tua vita, incluso nell’antologia di racconti Storie della tua vita, scritta da Ted Chiang, autore di narrativa fantastico-fantascientifica.

Presentato alla 73ª Mostra del Cinema di Venezia, Arrival è stato accolto in modo estremamente positivo tanto dalla critica quanto dal pubblico, affermandosi come uno dei film di fantascienza più importanti dal Duemila ad oggi. Coinvolgente tanto visivamente quanto emotivamente, il film sorprende specialmente nell’uso delle scenografie, della colonna sonora, nella rappresentazione aliena e nella sua esplorazione delle tematiche di fondo. Candidato ad 8 premi Oscar tra cui miglior film e miglior regista, questo arrivò a vincere come miglior montaggio sonoro, conquistando poi numerosi altri premi in tutto il mondo.

Con un budget di 47 milioni di dollari, Arrival è arrivato a guadagnarne circa 203 in tutto il mondo, consacrandosi anche come un gran successo di pubblico. Un film dunque imperdibile, che ogni amante della fantascienza umanistica non può non vedere. Prima di intraprendere una visione del film, però, sarà certamente utile approfondire alcune delle principali curiosità relative a questo. Proseguendo qui nella lettura sarà infatti possibile ritrovare ulteriori dettagli relativi alla trama, al cast di attori ed alla sua spiegazione. Infine, si elencheranno anche le principali piattaforme streaming contenenti il film nel proprio catalogo.

La trama del film Arrival

Il film racconta di Louise Banks, linguista di fama internazionale che viene convocata con urgenza dopo l’arrivo di dodici misteriose navi extraterrestri, chiamate ‘gusci’. Per via della sua grande esperienza, il governo vuole che la donna si unisca ad una squadra in Montana, sito dell’atterraggio di uno dei gusci. Qui, la donna fa la conoscenza del fisico Ian Donnelly e del colonello Weber, apprendendo che lo scopo della missione è quello di stabilire una comunicazione con gli alieni, al fine di comprendere il motivo del loro arrivo sul pianeta. Nonostante gli iniziali timori, gli ‘eptapodi’ si mostrano gentili con Ian e Louise, tanto che gli scienziati decidono di soprannominarli ‘Tom e Jerry’.

Il loro linguaggio, tuttavia, è estremamente complesso e Louise fatica a stabilire una comunicazione. Analizzando i dati raccolti, la linguista ipotizza che gli alieni comunichino grazie al gas contenuto nei loro tentacoli, formando frasi palindrome iscritte in simboli circolari. Nel frattempo, Louise inizia ad avere singolari visioni su sua figlia Hannah e crede siano indotte dalla vicinanza a Tom e Jerry. Con il passare del tempo, però, la situazione mondiale si complica sempre di più. Incerti sulle intenzioni degli alieni, i governi di tutto il mondo si preparano a dichiarare guerra e Louise è l’unica a poterla impedire scoprendo il motivo del loro arrivo.

Arrival cast

Arrival: il cast del film e gli alieni

Per dar vita al film, Villeneuve aveva in mente un’unica attrice possibile per il ruolo di Louise, ovvero la candidata all’Oscar Amy Adams. Affascinata dalla complessità del progetto, l’attrice accettò subito di parteciparvi. Per prepararsi al ruolo, ha anche approfondito il ruolo della linguista, arrivando a studiare anche il mandarino al fine di poterlo parlare correttamente. Per la Adams, alcune scene si sono rivelate così emotivamente forti da portarla fino alle lacrime. Accanto a lei, nei panni del fisico Ian Donnelly vi è l’attore Jeremy Renner, mentre Forest Whitaker è il colonnello Weber. Michael Stuhlbarg è invece l’agente David Halpern, mentre il celebre attore cinese Tzi Ma interpreta il generale Shang.

Di particolare importanza nel film sono gli alieni rinominati Tom e Jerry. Per questi, il regista e i realizzatori degli effetti speciali si sono ispirati all’aspetto dei cefalopodi, molluschi marini particolarmente diffusi in tutto il mondo. Villeneuve, in particolare, desiderava che avessero una presenza scenica particolarmente imponente e minacciosa, lasciando però trasparire anche una grande sapienza senza tempo. Voleva anche che gli alieni sembrassero come qualcosa che si potrebbe immaginare in un sogno surreale o in un incubo e, nelle fasi successive del film, voleva che fossero suggestivi quanto il Tristo Mietitore, figura celebre dell’immaginario infernale.

La spiegazione di Arrival, il trailer e dove vedere il film in streaming e in TV

Giunti alla fine del film si comprende che ciò che gli alieni vogliono offrire alla specie umana è un dono. Questo è il dono della loro lingua, rappresentata attraverso codici circolari. Attraverso l’uso di questa, si diventa in grado di cambiare la percezione lineare del tempo, che diventa appunto circolare. Ciò permette di sperimentare visioni dal futuro, premonizioni di ciò che deve ancora accadere. Louise, e lo spettatore con lei, comprende allora che le visioni che aveva di sua figlia non erano flashback dal passato, bensì anticipazioni di qualcosa che doveva ancora verificarsi. Utilizzando tale strumento, Louise riesce a impedire lo scoppio di una guerra, come anche ad unire l’intera popolazione mondiale sotto il segno di una lingua universale. La comunicazione, dunque, diventa lo strumento attraverso cui dar vita alla pace.

Per poter fare esperienza di tutto ciò, è possibile fruire del film grazie alla sua presenza su alcune delle più popolari piattaforme streaming presenti oggi in rete. Arrival è infatti disponibile nei cataloghi di Rakuten TV, Chili Cinema, Google Play, Infinity, Apple iTunes e Tim Vision. Per vederlo, una volta scelta la piattaforma di riferimento, basterà noleggiare il singolo film o sottoscrivere un abbonamento generale. Si avrà così modo di guardarlo in totale comodità e al meglio della qualità video. È bene notare che in caso di noleggio si avrà soltanto un dato limite temporale entro cui guardare il titolo. Il film è inoltre presente nel palinsesto televisivo di giovedì 11 maggio alle ore 21:10 sul canale Rai Movie.

Fonte: IMDb

Gianmaria Cataldo
Gianmaria Cataldo
Laureato in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è un giornalista pubblicista iscritto all'albo dal 2018. Da quello stesso anno è critico cinematografico per Cinefilos.it, frequentando i principali festival cinematografici nazionali e internazionali. Parallelamente al lavoro per il giornale, scrive saggi critici e approfondimenti sul cinema.

Articoli correlati

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

The Beach Boys

The Beach Boys, parola ai filmmaker e i protagonisti del documentario

Per oltre sei decenni, la musica dei Beach Boys è stata una parte indelebile della storia americana. Le loro brillanti armonie trasmettevano verità semplici...
- Pubblicità -