Contagion film

Con la pandemia di Covid-19 che da diversi mesi infesta la quasi totalità del pianeta, il film Contagion è tornato ad essere uno dei titoli più popolari del momento. Diretto nel 2011 dal regista premio Oscar Steven Soderbergh, la pellicola affronta in modo estremamente realistico il tema della diffusione di un virus, con la conseguente perdita dell’ordine sociale e la corsa contro il tempo alla ricerca di un vaccino. Situazioni oggi tristemente all’ordine del giorno e che ritrovano proprio in questo film numerose somiglianze.

L’idea per la storia nacque da una discussione avuta dal regista con lo sceneggiatore Scott Z. Burns, noto per aver collaborato con Soderbergh anche per Effetti collaterali e Panama Papers. I due decisero di lavorare ad un film ispirato ad epidemie come quella della SARS, verificatasi tra il 2002 e il 2004, e quella influenzale del 2009-2010. Per Contagion, i due hanno assemblato un cast di grandi nomi hollywoodiani, composto da Marion Cotillard, Matt Damon, Laurence Fishburne, Jude Law, Gwyneth Paltrow, Kate Winslet e Bryan Cranston.

Al momento della sua uscita in sala, il film si rivelò un grande successo di critica e pubblico. Presentato fuori concorso alla 68ª Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, Contagion ottene recensioni particolarmente positive, dove si elogia la tensione e la trama solida e intelligente. Allo stesso modo il film ottenne un buon successo di box office, guadagnando complessivamente circa 136 milioni di dollari a livello globale, a fronte di un budget di soli 60 milioni.

Contagion: la trama e il cast del film

La vicenda ha inizio quando, dopo un soggiorno a Hong Kong, Beth Emhoff viene trasportata d’urgenza in ospedale in seguito ad un malore. In breve tempo, la donna muore a causa di una malattia sconosciuta, contratta con probabilità durante il suo viaggio all’estero. Il virus inizia a diffondersi con rapidità nella popolazione locale, inducendo un’equipe di medici a cercare un vaccino in grado di sconfiggere il virus denominato MEV-1. Il dottor Ellis Cheever indaga sui primi casi di contagio, mentre la dottoressa Leonora Orantes si reca in Cina per scoprire l’origine della nuova malattia. L’epidemia, intanto, continua a diffondersi in modo esponenziale e i medici ingaggiano una lotta contro il tempo per riuscire a salvare quante più persone possibili, a costo della loro stessa vita.

L’attrice Marion Cotillard si è dichiarata una grande fan del regista, e saputo del suo nuovo progetto fece di tutto pur di ottenere una parte in esso. Il suo interesse deriva da una reale paura per i germi e i virus, che l’ha spinta a voler partecipare ad un film così scientificamente accurato a riguardo. Per il ruolo dell’everyman, Soderbergh volle invece Matt Damon, con il quale aveva già lavorato precedentemente. Questi, dopo aver letto la sceneggiatura, espresse grande interesse nel ruolo di Mitch Emhoff, da lui poi interpretato. Ad interpretare il dr. Ellis Cheever è l’attore Laurence Fishburne. Questi, fortemente voluto dal regista, decise di prepararsi al ruolo intrattenendo lunghe conversazioni con il virologo W. Ian Lipkin, grazie a cui apprese particolari utili alla sua interpretazione.

Di particolare rilievo è anche il ruolo svolto dall’attore Jude Law, il quale interpreta il cospirazionista Alan Krumwiede. Law ha raccontato di aver avuto lunghe conversazioni con il regista riguardo a tale personaggio. Il suo intento era infatti quello di rappresentare il punto di vista dello spettatore, il quale avverte il dubbio riguardo a quanto di vero o falso ci sia nelle affermazioni delle istituzioni. Di particolare rilievo è anche il ruolo svolto dalla premio Oscar Kate Winslet, nei panni della dottoressa Erin Mears. Per prepararsi al suo ruolo, l’attrice ha fatto visita al Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Qui ha avuto modo di consultarsi con esperti del settore, il quale le hanno raccontato i dettagli del loro lavoro.

Contagion cast

Contagion: le ricerche per il film e il Covid-19

Attratto dal concetto di “trasmissibilità”, Burns propose a Soderbergh di realizzare un film incentrato su una terribile pandemia. Per potervi riuscire, per i due era necessario essere il più accurati e realistici possibile nel trattare tale tema. Si rivolsero dunque ad esperti virologi come Lawrence Brilliant e W. Ian Lipkin, i quali aiutarono a dare alla storia una solida base scientifica. Burns decise inoltre di dare al film una moltitudine di punti di vista, così da poter inquadrare meglio il fenomeno che gli interessava raccontare. La comunità scientifica ha poi lodato il film, affermando che questo tratta in modo particolarmente realistico le varie fasi di diffusione dei virus e delle ricerche riguardo i vaccini.

Rivista oggi, la pellicola sfoggia infatti diverse somiglianze con l’attuale pandemia di Covid-19. Il virus MEV-1, basato in particolar modo sulla SARS, ha in comune con questo la provenienza di natura animale e l’origine geografica in Cina. Anche questo va ad attaccare il sistema respiratorio degli infetti, dando vita a sintomi molto simili, tra cui febbre alta e tosse. Mentre il Covid si diffonde attraverso la saliva e le goccioline di respiro, tosse o starnuti, il MEV-1 si può trasmettere anche attraverso i fomiti. Questi sono oggetti inanimati che, se contaminati, possono trasferire la malattia a quanti vi entrano in contatto. Fortunatamente, il Covid ha un tasso di mortalità particolarmente inferiore a quello del virus del film. Questo, infatti, causa la morte di circa 26 milioni di persone nel mondo.

Il film propone inoltre tutte quelle contromisure oggi tanto diffuse, tra cui il distanziamento sociale, l’utilizzo di mascherine e la necessità di frequenti lavaggi alle mani. Allo sceneggiatore non è poi mancata l’occasione di trattare anche il tema dell’influenza che Internet ha in tale genere di situazioni. Viene infatti trattato il comportamento spesso poco etico dei media e il dilagare di fake news spesso pericolose quanto il virus stesso. Tali somiglianze con l’attuale situazione mondiale, per quanto possano sembrare frutto di una preveggenza, sono in realtà lo studio approfondito di situazioni che, pur con le dovute differenze, tendono a ripresentarsi in maniera piuttosto simile tra loro.

Contagion: il trailer e dove vedere il film in streaming

Negli ultimi mesi il film è diventato uno dei più ricercati e visti in streaming. Per chi desidera vederlo, o rivederlo, sarà possibile fruirne grazie alla sua presenza nel catalogo di alcune delle principali piattaforme oggi disponibili. Contagion è infatti presente su Rakuten TV, Chili Cinema, Infinity, Google Play, Tim Vision, Amazon Prime Video ed Apple iTunes. In base alla piattaforma scelta, sarà possibile noleggiare il singolo film o sottoscrivere un abbonamento generale al catalogo. In questo modo sarà poi possibile fruire del titolo in tutta comodità e al meglio della qualità video.

Fonte: IMDb, TheGuardian