Matrix Revolutions film

Con il film del 1999 Matrix, le sorelle Lilly Lana Wachowski hanno dato vita ad un prodotto rivoluzionario, da subito diventato un cult inestimabile tanto per i suoi temi quanto per la messa in scena. A quattro anni di distanza, le due hanno poi scritto e diretto anche il secondo sequel della serie, intitolato Matrix Revolutions. Uscito in sala nel 2003, questo ha così portato avanti la battaglia di Neo contro il sistema di Matrix, che ha schiavizzato l’intera specie umana. Questo è uscito a pochi mesi di distanza dal secondo capitolo Matrix Reloaded, dando così conclusione alla trilogia, riproponendo le caratteristiche dei predecessori ed entrando ancor di più nel vivo del racconto.

Come per il secondo capitolo, anche questo terzo si avvalsa di tutte le nuove tecnologie possibili tanto nelle riprese sul set quanto in fase di post-produzione per gli effetti speciali. In particolare, Matrix Revolutions è stato il primo film live-action ad essere realizzato e distribuito anche in formato IMAX. Per la conclusione della loro trilogia, inoltre, le sorelle Wachowski avevano immaginato sequenze particolarmente complesse e ricche di dettagli, che richiesero un uso ancor più massiccio di effetti speciali. Ciò portò dunque il film a raggiungere un budget di 150 milioni di dollari.

Nonostante l’attesa, questo si rivelo un successo minore rispetto ai due primi capitoli, con un guadagno complessivo di “soli” 427 milioni di dollari, quasi la metà di quanto incassato dal secondo film. Matrix Revolutions però non manca di offrire lo stesso livello di intrattenimento, vantando ancora oggi un grande fascino. Prima di intraprendere una visione del film, però, sarà certamente utile approfondire alcune delle principali curiosità relative a questo. Proseguendo qui nella lettura sarà infatti possibile ritrovare ulteriori dettagli relativi alla trama, al cast di attori e ai suoi sequel. Infine, si elencheranno anche le principali piattaforme streaming contenenti il film nel proprio catalogo.

Matrix Revolutions: la trama del film

Il terzo film della saga ha inizio con la città ribelle di Zion ormai prossima alla distruzione e la guerra tra uomini e macchina giunta al suo apice. L’Eletto Neo è ancora lì dove era rimasto dalla conclusione del precedente film. Privo di sensi nella realtà, si risveglia in un luogo che non appartiene a Matrix nè al mondo reale, che viene usato per trasportare furtivamente programmi da Matrix al mondo delle macchine e da lì inizia a tentare la fuga. Mentre è impegnato a ciò, i suoi compagni Morpheus e Trinity tentano di farlo risvegliare affinché possa tornare in battaglia. Nel tentativo, apprenderanno che Neo si trova in un limbo controllato dal Merovingio, e da questi dovranno recarsi per salvarlo.

Mentre si trova in tale limbo, però, Neo ha anche modo di comunicare con l’Oracolo, che lo mette in guardia dall’Agente Smith, ormai sempre più un alter ego dell’Eletto, i cui poteri sono in continua crescita. La sua esistenza inizia dunque a diventare la principale minaccia alla rivoluzione degli umani. Per tentare di fermarlo, Neo tenterà di stringere un accordo con l’intelligenza artificiale che governa ogni cosa. Raggiungerla prima che le macchine distruggano ciò che resta di Zion e della resistenza sarà però quanto mai complesso, con il mondo che sembra ritorcersi contro ogni loro tentativo di fermare ciò che sembra inevitabile.

Matrix Revolutions cast

Matrix Revolutions: il cast del film

Il film vede il ritorno nei ruoli dei protagonisti gli attori già visti nel precedente film, a cui si aggiungono dei nuovi ingressi. Per il ruolo di Neo, l’attore Keanu Reeves dovette sottoporsi ad un rigido allenamento fisico ed una ferrea dieta al fine di poter interpretare le complesse scene di battaglia. Allo stesso tempo, le due registe gli hanno assegnato la lettura di diversi testi filosofici, come ad esempio Simulacra And Simulation. Carrie-Anne Moss tornò a sua volta nei panni di Trinity, preparandosi personalmente per le scene di battaglia ed eseguendo da sé le spericolate acrobazie con la moto. Laurence Fishburne riprende invece il ruolo di Morpheus, qui ulteriormente approfondito. L’attrice Gloria Foster, interprete originale dell’Oracolo, era scomparsa tra le riprese del secondo e il terzo film. Viene dunque qui sostituita da Mary Alice.

Hugo Weaving torna a vestire i panni dell’agente Smith. Anche in questo nuovo capitolo egli si trovò a prendere parte ad alcune delle scene di combattimento più complesse, che gli richiesero una grande preparazione fisica. Tornano poi a far parte del film gli attori Helmut Bakaitis nei panni dell’Architetto e Lambert Wilson in quelli del Merovingio. L’attrice Jada Pinkett Smith è Niobe, membro della resistenza. Monica Bellucci, infine, interpreta Persephone, moglie del Merovingio. Ian Bliss è presente nei panni di Bane, e venne scelto in particolare per la sua somiglianza con Weaving. Il personaggio di Zee, interpretato nel secondo film dalla cantante Aaliya, venne affidato qui a Nona Gaye in seguito alla scomparsa della precedente interprete.

Matrix Revolutions: il sequel, il trailer e dove vedere il film in streaming e in TV

A lungo, inoltre, si era parlato della possibilità di riportare Matrix sul grande schermo. Dopo il terzo film, però, Keanu Reeves aveva però dichiarato di considerare felicemente conclusa la storia di Neo e del suo mondo. Dopo anni di speculazioni, tuttavia, nel 2019 è stato confermato un Matrix 4, attualmente in fase di riprese. Previsto al cinema per il tardo 2021, questo andrà a raccontare ulteriori sviluppi della storia, ancora segreta, prevedendo il ritorno di alcuni membri del cast originale e di nuovi ingressi. In particolare, si segna la presenza di Jonathan Groff, Jessica Henwick, Neil Patrick Harris e Yahya Abdul-Mateen II. Assente sarà invece Fishburne, anche se non è chiaro se ciò comporterà anche l’assenza di Morpheus o se il personaggio comparirà sotto nuove sembianze.

È possibile fruire del film grazie alla sua presenza su alcune delle più popolari piattaforme streaming presenti oggi in rete. Matrix Reloaded è infatti disponibile nei cataloghi di Rakuten TV, Chili Cinema, Google Play, Infinity, Apple iTunes, Amazon Prime Video e Tim Vision. Per vederlo, una volta scelta la piattaforma di riferimento, basterà noleggiare il singolo film o sottoscrivere un abbonamento generale. Si avrà così modo di guardarlo in totale comodità e al meglio della qualità video. È bene notare che in caso di noleggio si avrà soltanto un dato limite temporale entro cui guardare il titolo. Il film è inoltre presente nel palinsesto televisivo di sabato 17 aprile alle ore 21:00 sul canale 20 Mediaset.

Fonte: IMDb